I sette eventi economici più importanti del 2015

Il 2015 si sta chiudendo. Si è trattato di un anno molto importante per l’economia mondiale, segnato da eventi inattesi, da colpi di scena e anche dal tracollo della Grecia, evento che più di tutti ha influito sugli andamenti dei mercati esteri ed europei. Vediamo quali sono i sette eventi economici più importanti del 2015:

1- Al primo posto, in ordine cronologico, troviamo l’abbandono della difesa del cambio minimo da parte della banca centrale svizzera. Si tratta di una manovra storica attuata per evitare che la recessione potesse colpire un paese monetariamente così forte come la Svizzera. La manovra si è proposta felice e salutata con ardore dai mercati di tutto il mondo. Gli effetti sul mercato forex furono fortissimi, con alcuni forex broker costretti a chiudere per bancarotta.

2- Ad inizio anno, la BCE ha annunciato l’avvio di imponenti stimoli monetari chiamati quantitative easing, pari a 60 miliardi di euro di acquisti di bond governativi, covered bond titoli Abs. La manovra è cominciata nel mese di marzo e si concluderà nel mese di settembre del 2016, per stimolare l’inflazione dell’Eurozona e contrastare la deflazione.

3- L’Europa è scossa dalla vittoria di Syriza alle elezioni politiche anticipate in Grecia. Si tratta di un movimento guidato da Alexis Tsipras, che si propone di combattere le politiche di austerità fiscale, fatto che tiene incollate le persone ai giornali in quanto la politica greca è fonte di grandi colpi di scena, i quali culminano nel mese di giugno, con la chiusura della borsa di Atene e il referendum indetto per chiedere l’uscita del paese dall’Eurozona. Tutto il resto è storia.

4- Come predetto, la BCE inizia in marzo l’acquisto dei bond governativi, con grande piacere dei mercati.

5- In agosto la People’s Bank of China, ovvero l’istituto di credito centrale cinese, svaluta la moneta nazionale, lo yuan, del 2%. Si tratta di una misura drastica, che non veniva effettuata dal lontano 1994 e che si rivela simbolica dell’arretramento del mercato cinese.

6- Alla fine di agosto le borse mondiali subiscono un crollo, che segue in scia quello di Shanghai del -8.5%. In Europa si registrano crolli compresi fra il -4% e il -5% e il petrolio scende ai minimi storici come non accadeva dal 2009. Causa del crollo è lo scoppio della bolla finanziaria cinese.

7- L’anno si chiude con la decisione della Federal Reserve Americana, la banca centrale degli Stati Uniti, di aumentare il costo del denaro, dopo attese, smentite e tanta fiducia da parte degli operatori finanziari. L’aumento si propone dello 0,25% al range di 0,25-0,50% e si tratta della prima stretta monetaria registrata dal periodo pre crisi, ovvero dal 2006, che pone fine alla cosiddetta ‘era dei tassi zero’.

One Response to I sette eventi economici più importanti del 2015

  1. Danilo Ponzi ha detto:

    E’ vero che alcuni forex broker saltarono. Ma è anche vero che saltarono i meno seri. I grandi broker, come Plus500 ci guadagnarono in quei giorni e fecero anche guadagnare i propri clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *