I traders forex si preparano alla fine di un mese abbastanza volatile

yellenDopo due giorni di testimonianze e di titoli di giornale, la seguente citazione riassume meglio prospettive di Janet Yellen.

Se l’economia continua a rafforzarsi e i funzionari diventano sempre più sicuri che una bassa inflazione salirà verso il loro obiettivo del 2 per cento, la Federal Reserve degli Stati Uniti “a un certo punto inizierà a considerare un aumento per l’obiettivo circa il tasso sui fondi federali,” questo è quello che il presidente della Fed ha riferito.

La situazione occupazionale negli Stati Uniti sta migliorando in vari modi,” The Wall Street Journal ha riportato in sintesi queste parole della Yellen. La spesa e la produzione sono aumentati ad una “velocità solida”, ha aggiunto.

I traders dovranno aspettarsi all’alta volatilità, visto il gran numero di dati in uscita a causa della giornata di venerdì, dove ci saranno i dati sull’inflazione in Giappone e il PIL negli States, ma tuttavia ci stiamo avvicinando alla fine del mese e finalmente un pò di meritato riposo per i traders, è in arrivo.

Gli investitori hanno interpretato questo discorso sperando che l’aumento dei tassi d’interesse sia imminente, ciò ha permesso al dollaro statunitense di risalire. Il biglietto verde è scambiato a 94,19 nella sessione asiatica dopo aver toccato 94.70 durante le parole della Yellen. I dati economici degli Stati Uniti non sono sicuramente al meglio, ma niente per adesso sembrerebbe suggerire un rallentamento della ripresa economica.

L’euro e la sterlina hanno guadagnato contro le loro controparti importanti, in quanto gli investitori hanno apprezzato i commenti della Federal Reserve, del suo presidente Janet Yellen, specialmente sul fatto che il tasso di interesse degli Stati Uniti non aumenterà immediatamente e anche riguardo al fatto che l’attività industriale cinese si è ampliata nel mese di febbraio. L’euro è adesso scambiato a 1,1350, su di diversi punti, ed anche la sterlina è salita al suo massimo del 2015 1,5552, a causa delle notizie sul PIL. La sterlina ha avuto un rally a 1,5511 contro il biglietto verde (USD), un livello che non si vedeva dal due di gennaio. La coppia ha chiuso la negoziazione di ieri a 1,5451. Per quanto riguarda i livelli ancora superiori a quello attuale, la sterlina potrebbe trovare un’area di resistenza intorno al livello 1,56. La valuta ha ottenuto un ulteriore sostegno grazie ai commenti da parte della Banca d’Inghilterra e del suo governatore Mark Carney, che ha segnalato che i tassi di interesse nel Regno Unito potrebbero aumentare se l’inflazione dovesse ritornare a galoppare. I tassi di interesse sono più propensi a salire che a scendere, Carney ha detto ai legislatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *