Il caso ILVA: 1500 disoccupati in più.

Il caso ILVA è davvero il segno di un nostro declino: l’intevento della magistratura, maldestro e tardivo, ha avuto effetti devastanti per l’economia di Taranto, che di ILVA viva, ma anche di molte altre città d’Italia. Per prima cosa ha distrutto la capacità produttiva dello stabilitmento principale e ha fatto allontanare molti clienti. I concorrenti dell’ILVA brindano, soprattutto quelli esteri, perché finalmente hanno potuto abbattere un pilastro della produzione made in Italy. Finalmente ci siamo decisi a smantellare l’ultima industria a valore strategico che avevamo ancora. Fra poco ci limiteremo a vendere borse e scarpe con il marchio made in Italy e prodotte chissà dove.

Anzi, visto il caso di Dolce & Gabbana può darsi pure che la Magistratura proceda alla pulizia etnica anche contro gli ultimi imprenditori rimasti. Chi manderà avanti l’economia italiana non è dato sapere, ma forse questo ad una certa parte politica, ai sindacati e alla magistratura non importa. C’è sempre qualcuno che paga, in fondo, in Italia paga sempre Pantalone.

Tornando al caso ILVA, la magistratura non si è limitata a imporre le migliorie necessarie alla protezione dell’ambiente, cosa che sarebbe anche stato ragionevole, cercando di coniugare salute ed economia. No, è andata molto oltre e con evidente intento punitivo ha disposto un sequestro colossale ai danni dei Riva.

La famiglia Riva ha resistito qualche mese ma visto che tutte le risorse sono bloccate ha dovuto bloccare la produzione in numerosi stabilimenti italiani che con l’ILVA non avevano nulla a che fare ma che semplicemente non possono più lavorare perché i Riva non hanno soldi ne per pagare gli operai ne i fornitori.

Di conseguenza ci sono 1.500 lavoratori in più senza stipendio (ma tanto paga Pantalone, cassa integrazione a gogò per tutti) e una miriade di piccole e micro imprese ridotte sul lastrico dai mancati pagamenti. Ma qui sappiamo bene che un piccolo imprenditore o un lavoratore autonomo non gode di nessun tipo di rete sociale, se le cose vanno male viene invitato gentilmente ad appendersi ad una corda e a togliere il disturbo.

E nel frattempo, i produttori esteri di acciaio stappano bottiglie di champagne…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *