Il Dollaro Australiano Sale mentre il Dollaro Americano Cade

Il dollaro USA ha continuato a scendere nella sessione asiatica il Mercoledì mattina per essere scambiato a 95.90 dopo essere andato al di sopra del prezzo di 97 appena 24 ore fa. Il biglietto verde ha perso il suo fascino in quanto gli operatori hanno risposto al rally dell’euro, mentre le voci che sono emerse che la zona euro e la Grecia parlavano del fatto che le due parti sono in procinto di raggiungere finalmente le condizioni su un piano di salvataggio per evitare il default e una prematura uscita della Grecia dall’Eurozona.

Plus500

L’euro è salito da 1,0920 per arrivare ad essere scambiato a 1,1158 aggiungendo quasi 200 punti questo martedì, dopo che i prezzi al consumo sono saliti ben al di sopra delle aspettative che sostengono i piani di Mario Draghi alla BCE per far partire in quinta l’economia dell’Eurozona. I prezzi al consumo della zona euro sono saliti per la prima volta in sei mesi nel mese di maggio, una vittoria significativa per la Banca centrale europea, che nella sua campagna sta cercando in tutti i modi di evitare una caduta nella deflazione, che avrebbe potuto far deragliare la fragile ripresa economica dell’Europa.

Tuttavia, gli analisti hanno detto che il miglioramento dell’inflazione
, è ancora molto al di sotto dell’obiettivo della BCE, e non sarà sufficiente a modificare i piani della banca per pompare oltre € 1 trilione (più di 1000 miliardi di dollari) nell’economia dell’eurozona, che si vedrà incrementare fino a Settembre dell’anno prossimo il pompaggio della BCE, che ammonta a 60 miliardi mensili.

L’aumento dello 0,3% dei prezzi per l’anno scorso non è dovuto esclusivamente a un rimbalzo dei costi energetici, e c’era qualche prova che il rafforzamento della domanda dei consumatori sta aumentando i prezzi di altri beni e servizi. Questo incoraggerà la BCE nella sua lotta per raggiungere il suo obiettivo di inflazione, che al momento è di poco inferiore al 2%.

I traders stanno mantenendo la loro attenzione sulla riunione della BCE che sarà protagonista di una conferenza stampa più tardi nella giornata di oggi. La conferenza stampa di Mario Draghi sarà emozionante come sempre (speriamo ovviamente senza incidenti, come quando quella ragazza salì sul tavolo tirando coriandoli sul grande capo Mario Draghi). Dopo un lungo, costante calo del tasso di inflazione, i prezzi al consumo prima sono scesi sotto i livelli dell’anno scorso a Dicembre. Il mese successivo, la BCE annunciò il lancio di un programma di alleggerimento quantitativo, in base al quale avrebbe comprato più di 1 trilione di euro, per lo più in titoli di Stato. La Banca Centrale Europea ha lanciato il programma nel mese di marzo.

Interessante vedere che il Dollaro Australiano è volato, dopo che i dati sul PIL, molto buoni, hanno portato il dollaro australiano ad essere scambiato intorno al livello di 0.7800.

2 Responses to Il Dollaro Australiano Sale mentre il Dollaro Americano Cade

  1. Conte Zio ha detto:

    Il dollaro è carta straccia allo stesso modo in cui è carta straccia l’euro. Solo che il dollaro prima o poi si riprenderà, quando gli americani si riprenderanno l’America. Mentre per l’euro, lo vedo difficile che gli europei decidano di riprendersi l’Europa.

  2. Fabiana Conti ha detto:

    Ottima analisi, molto buona. Vi leggo tutti i giorni e siete ormai la mia fonte di ispirazione per il trading online!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *