Il Dollaro Canadese brucia i guadagni dopo i brutti dati macro

La coppia USD / CAD ha avuto un bel rally inizialmente nella giornata di ieri (il 4), dopo il forte aumento del deficit commerciale del Canada, anche se è stato rapidamente compensato dal massiccio aumento del deficit degli Stati Uniti. La coppia è salita quindi a 1,2121, il suo massimo della sessione dai livelli più bassi di 1,2090, anche se da quel livello è poi sceso di nuovo in 1.2050. Il supporto successivo molto importante si trova a 1.2000.

Plus500

Il deficit commerciale in Canada è salito a un record di – 3,0 miliardi di dollari a marzo, molto peggio del previsto, ma non è una notizia così sconcertante, data l’incertezza che circonda l’impatto dei prezzi dell’energia e dei volumi nel mese di Marzo. Il deficit del mese di febbraio è stato rivisto in maniera nettamente inferiore a – 2,2 miliardi di dollari rispetto all’originale – 1,0 miliardi di dollari, a causa della revisione delle esportazioni dei prodotti energetici. C’è da aspettarsi un’altra revisione pesante allo 0,4% per quanto riguarda la stima di marzo, revisione che renderà i dati commerciali odierni estremamente preliminari.

Le esportazioni sono cresciute dello 0,4% al mese, nel mese di marzo, trattenuti da un calo dell’8,9% delle esportazioni dei prodotti energetici, a seguito di una revisione del 2,3% di calo nel mese di febbraio. Le esportazioni, esclusi i prodotti energetici, sono aumentati del 2,4% mese su mese a marzo. Le importazioni sono rimbalzate del 2,2% mese su mese a marzo, guidato da 7,9% mese su mese di guadagno sui beni di consumo, dopo il corretto 1,4%, un pull-back a tutti gli effetti di febbraio.

Il deficit commerciale degli Stati Uniti si è allargato del 43,3% andando quindi a ben 51,4 miliardi dollari a marzo dopo il restringimento del 15,9% a 35,9 miliardi dollari. Le importazioni sono rimbalzate alla percentuale di 7,7% dopo il brutto dato di 4,2%, dovuto a quando ci fu un calo a febbraio. È il più grande divario da ottobre 2008. Le esportazioni sono aumentate dello 0,9% dopo essere andato all’1,6% in precedenza, e si tratta del primo aumento da ottobre. Escludendo il petrolio, il deficit commerciale è stato di ben 43,7 miliardi di dollari rispetto ai – 27,7 miliardi dollari nel mese di febbraio. Il deficit con la Cina è stato di 31,2 miliardi dollari contro i – 22,5 miliardi dollari in precedenza. Il deficit più ampio del previsto potrebbe tagliare ulteriormente la crescita del 1° trimestre del PIL, e che potrebbe contribuire a sostenere il Ministero del Tesoro, e pesare quindi sul dollaro USA.

One Response to Il Dollaro Canadese brucia i guadagni dopo i brutti dati macro

  1. Conte Zio ha detto:

    Il dollaro USA è un brutto mistero, abbiamo fiducia nel fatto che sia la valuta di riferimento mondiale ma alla fine la FED ha stampato così tanto che ci sono forti dubbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *