Il fondo salva stati salverà l’Europa?

Il fondo salva stati è al centro del dibattito attuale in Europa e secondo alcuni dovrebbe risolvere definitivamente i problemi della crisi finanziaria che stiamo vivendo. Purtroppo non è vero, soltanto una politica dei bilanci pubblici rigorosa può mettere al sicuro l’Europa dalla fine dell’Euro.

Non si fa che parlare, negli ultimi tempi, del Fondo Salva Stati che dovrebbe salvare l’Europa e la sua valuta, l’Euro, che sembra destinato ad una ingloriosa fine. Ma è davvero così? Potrà questo fondo far sì che l’Europa si salvi e esca dalla situazione in cui si trova?

fondo salva stati

Io ho i miei dubbi, la mia interpretazione dell’utilizzo corretto del fondo salva stati è un po’ diversa. Perché è vero, c’è stato ultimamente un eccesso di speculazione da parte dei mercati ma i problemi di fondo dell’Europa sono veri e devono essere affrontati e risolti. Se non si risolvono i problemi di fondo il fondo salva stati potrà rimandare al massimo di pochi mesi l’inevitabile nemesi ma non potrà salvare nessuno.

I problemi di fondo dell’Europa sono, nei fatti, i problemi di debito eccessivo di alcuni paesi come Spagna, Portogallo, Italia, Grecia. Di fatto questi paesi non avrebbero mai dovuto entrare nell’Euro, anche perché non rispettavano il parametro secondo cui il debito pubblico non poteva superare il 60% del PIL. Tanto per fare un esempio, il rapporto debito / PIL dell’Italia si mantiene sempre più alto del 120%.

Questo significa, di fatto, che il debito pubblico dell’Italia è largamente superiore al PIL. Questo comporta effetti macroeconomici molto pesanti (ci sono studi molto seri che indicano che non ci può esseere crescita se il debito pubblico supera l’80% / 90% del PIL) ma ha anche effetti profondamente destabilizzanti sui mercati.

Di fatto prestare denaro all’Italia (e, in misura diversa anche ad altri paesi eccessivamente indebitati) è rischioso perché si rischia di non vedere mai più il proprio denaro. Ecco perché chi è disposto a farlo pretende comunque di ricevere in cambio degli interessi molto alti. Questo, a sua volta, fa sì che la spesa pubblica aumenti e che si debbano richiedere ancora più soldi ai mercati, in un circolo vizioso che ha come inevitabile conclusione il default, cioè la dichiarazione di fallimento di uno Stato sovrano.

Per ovviare a questa situazione si è costituito il fondo salva stati che dovrebbe correre in aiuto, sotto opportune condizioni, degli stati che non riescono a finanziarsi sui mercati. Tuttavia pensare di risolvere il problema con il fondo salva stati equivale a pensare di curare un alcolista malato terminale di cirrosi epatica con inizieni di alcool puro nelle vene.

Perché il problema di fondo è il debito e il fondo salva stati sarebbe una maniera diversa, e forse anche più pericolosa, di continuare a indebitarsi per gli stati meno efficienti e più spendaccioni.

Ma allora il destino dell’Europa è segnato? Non è detto, anzi. L’Europa ha grandissime risorse, prima di tutto umane, visto che è la culla della civiltà occidentale. Tuttavia deve rimboccarsi le maniche e, soprattutto, tutti i paesi con i bilanci in passivo devono non solo azzerare il deficit, ma anche ridurre il debito pubblico.

E’ questa la vera soluzione, il vero schiaffo in faccia agli speculatori: perché se uno speculatore ha scommesso contro un paese e questo riesce a risollevarsi, viene sconfitto e perde soldi.

E’ la forza dei mercati liberi, che gli stati d’Europa dovrebbero imparare a sfruttare: peccato però che l’unico modo per farlo è ridurre la spesa pubblica, cosa che molti governi europei non vogliono fare (o non hanno la forza per farlo, il che come risultato è esattamente equivalente).

5 Responses to Il fondo salva stati salverà l’Europa?

  1. Giuliano ha detto:

    Analisi molto lucida, davvero complimenti. Peccato che tu abbia ragione, perché con la classe politica che ci ritroviamo vuol dire che il default è praticamente sicuro.

  2. Filippo ha detto:

    Ho scoperto adesso questo sito e devo dire che sono rimasto impressionato dalla qualità delle informazioni pubblicate e dalla lucidità delle analisi. Complimenti vivissimi.

  3. Fabio ha detto:

    Queste sono le cose che fanno male, perché se pensano che il fondo salva stati paga tutto, i politici continuano a spendere e a spandare.

  4. Elia ha detto:

    I Greci già dicono che non ne vogliono sapere niente di fare le riforme adesso, le faranno in futuro 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *