Il grido di dolore di Squinzi

Il Presidente di Confindustria, Squinzi, ha lanciato un grido di dolore sul declino italiano e sul fatto che stiamo tornando indietro di 50 anni. Tutti i media si sono precipitati a amplificare le dichiarazioni del leader degli industriali ma a nessuno è venuto in mente di ricordare come Squinzi è arrivato al vertice di Confidustria. L’Italia è uno strano paese, fatto di consorterie, più o meno segrete, di caste e di interessi occulti. E’ questo il primo problema che ci attanaglia, che ci impedisce di fare quelle poche e semplici riforme che potrebbero rimettere in moto il paese, creare crescita e occupazione.
E appunto Squinzi si è ritrovato al vertice di Confidustria non voluto dagli industriali stessi, che ovviamente preferivano il suo oppositore Bombassei, persona stimatissima e corretta.
Ora il fatto che sia Squinzi a guidare gli industriali significa che c’è qualcosa che non va anche in Confidustria. Il Paese è malato, tutto.
Speriamo che qualcuno lo capisca prima che la malattia ci uccide definitivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *