Mercati azionari

Il mercato più ricco del mondo: il gioco d’azzardo

Questo articolo è il primo di una serie che dedicheremo al gioco d’azzardo online, uno dei mercati forse più ricchi e con le prospettive di crescita più grandi. In questo prima articolo cercheremo di delineare i principi fondamentali di funzionamento e i principali settori in cui si articola questo mercato.

Da sempre rischiare dei soldi per vincerne altri solletica l’animo umano. Si tratta di un istinto forse innato, forse dovuto a cause patologiche. Fatto sta che rischiare i propri soldi per avere la possibilità di vincerne molti di più attira moltissimo le persone. E non è importante che, in effetti, sia molto più probabile perdere i propri soldi che guadagnarne di nuovi. Questo fa sì che il mercato dei giochi sia uno dei mercati in assoluto più grandi al mondo: è stato calcolato che l’anno passato abbia mosso un volume pari a 500 miliardi di dollari, al netto dei premi pagati. Questo significa che le aziende del comparto, a livello mondiale, hanno fatturato più di 500 miliardi di dollari senza vendere alcun bene materiale. In fondo, vendono solo sogni.

mercato del gioco

Il controllo dello Stato

Un mercato così ricco non poteva certo sfuggire al controllo dello Stato: praticamente tutti gli stati al mondo, ad eccezione di qualche paradiso fiscale, impongono pesantissime restizioni al gioco d’azzardo o comunque al gioco a soldi veri che hanno come obiettivo primario far sì che la maggior parte dei profitti finisca direttamente nelle voraci casse pubbliche. Dunque le aziende che intendono investire in questo settore devono farlo tenendo presente questo pesantissimo paletto e, talvolta, devono oliare i meccanismi.  Una situazione leggermente diversa è quella degli USA, a cui dedicheremo presto un articolo, anche in considerazione dei forti interesse di Lottamatica per questo paese.

Tipi di gioco

Esistono sostanzialmente due tipi di giochi a soldi: il gioco d’azzardo e il gioco di abilità. Nel caso di gioco d’azzardo l’esito della partita dipende quasi esclusivamente dalla fortuna, nel caso del gioco di abilità invece il giocatore può determinarne l’esito grazie alla sua abilità. Per fare un esempio: la lotteria è, di fatto, un gioco d’azzardo perché il giocatore non è in grado di aumentare in nessun modo le sue probabilità di vittoria. Viceversa il poker è un gioco di abilità, piuttosto complesso, perché il giocatore è in grado di cambiare l’esito di una partita grazie alla sua strategia, al suo carisma, persino alle sue capacità di bluffare.

Il banco vince sempre

Il mondo del gioco d’azzardo è davvero una gallina dalle uova d’oro perché il banco vince sempre. Più tecnicamente, il rischio che il giocatore corre giocando non viene renumerato correttamente, in base alla legge della probabilità. E questa differenza costituisce il profitto di chi gestisce il gioco. Che certo deve anche occuparsi di organizzare le strutture, fisiche o virtuali, per gestire il gioco, di promuoverlo mediante opportune azioni di marketing e deve ovviamente pagare le imposte (che sono, come abbiamo visto poco sopra, molto elevate).

Aspetti etici del gioco d’azzardo

Prima di concludere questo prima articolo dedicato al mercato del gioco, dobbiamo ricordare che il gioco presenta aspetti etici molto importanti. Per prima cosa in alcune culture e religioni il gioco d’azzardo è considerato immorale. In secondo luogo bisogna considerare che molti giocatori cadono vittima di fenomeni di gioco compulsivo e questo significa che possono dilapidare tutto il loro patrimonio, rovinando se stessi e la propria famiglia. In questi casi il gestore del gioco dovrebbe fermare il giocatore compulsivo, rinunciando a  grandi profitti. Questo nella teoria, perché nella pratica le cose sono molto diverse.

Fabio Craca

 

 

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento