Il segreto della crescita tedesca: i mini-jobs

crescita germania minijobs
Come mai la Germania non sembra soffrire la crisi e si avvia verso la piena occupazione? Sicuramente dipende dalla solidità delle finanze pubbliche, dalla produttività e dall’impegno costante dei lavoratori, dalla lungimiranza delle imprese che lavorano sempre in qualità. Ma una parte del merito ce l’ha anche la flessibilità del sistema lavorativo tedesco.

Giusto per fare un esempio, il grafico sopra mostra l’andamento dei mini jobs, negli ultimi anni. Si tratta di una forma di contratto particolarmente conveniente che non comporta oneri pensionistici nè imposte. I salari sono bassi, è vero, ma in questo modo possono accedere al mercato del lavoro anche persone che in teoria ne sarebbero escluse. E le imprese possono disporre di manodopera flessibile e a costo contenuto. Lo Stato non incassa imposte da questi lavoratori ma quando le imprese vanno bene pagano imposte sui redditi aziendali.

Un perfetto circolo virtuoso che rafforza la potente economia teutonica. Tanto virtuoso che qualcuno in Europa si è sentito disturbato da questo tipo di contratto. Il Belgio, addirittura, ha mandato una lettera ufficiale alla Commissione Europea per segnalare che questo tipo di contratto sarebbe una distorsione della concorrenza all’interno dell’Unione Europea.

Non aggiungo commenti, ma se questi sono i politici europei non lamentiamoci poi se l’Europa arranca mentre la Germania corre. Invece di inveire, il governo belga avrebbe dovuto mettere i suoi funzionari a studiare il modello tedesco. E probabilmente così dovrebbero fare tutti gli altri paesi europei, soprattutto quelli in crisi.

Ma in fondo è inutile: tanto tutti si aspettano che, prima o poi, sia proprio la Germania a mettere le mani al portafoglio (anzi al portafoglio dei contribuenti dei tedeschi) e pagare per tutti, in modo che si possa continuare a tarallucci e vino a tempo indeterminato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *