Il trading online e l’importanza della scelta del broker

Per fare trading online è necessario utilizzare i servizi offerti da un broker ma troppo spesso si sottovaluta l’importanza della scelta del broker stesso, con conseguenze che a volte possono essere davvero devastanti. Vediamo in questo articolo quali sono rischi di una scelta sbagliata e come evitarla.

Il trading online è un’attività molto ambita e non a caso la professione del trader è una delle più sognate dalle nuove generazioni. Tuttavia per fare trading online è strettamente neccessario operare attraverso i servizi di un intermediario, il broker.

Il trader deve quindi scegliere il broker, iscriversi, versare il suo capitale iniziale al broker e cominciare ad operare mediante l’interfaccia di quest’ultimo.

broker per trading online

E’ evidente che già da questa breve descrizione si intuiscono chiaramente i problemi che un broker sbagliato può causare a chi desidera semplicemente fare trading.

Il primo pericolo è insito nel fatto che il broker dovrà gestire i nostri soldi e questo significa chiaramente che potrà appropriarsene indebitamente se non è onesto. Ci sono broker che, semplicemente, chiudono i battenti dalla sera alla mattina con i soldi dei trader e chi si è visto si è visto. Magari chi sta dietro alla truffa una volta chiuso un broker ne apre subito un altro, con sede a Panama o in altri paradisi fiscali.

E’ ovvio che da questo pericolo ci si può difendere in modo semplice, accettando di operare con broker che abbiano una sede in Unione Europea (di solito Cipro) o in USA. In questo caso possiamo avere la certezza che i nostri soldi sono al sicuro e che non saremo derubati.

Ma adesso passiamo al secondo pericolo. Il broker è la nostra interfaccia verso i mercati, l’unico modo che abbiamo per operare, per comprare  e per vendere. Che cosa succede se il broker non funziona bene dal punto di vista tecnico, se perde i nostri ordine o è troppo lento nell’eseguirli? Evidentemente non riusciremo ad avere successo come trader, anche se non potremo lamentarci della disonestà del broker.

Ovviamente il broker deve essere renumerato per i suoi servizi, che cosa succede se richiede troppo? Evidentemente anche in questo caso i nostri profitti ne avranno molto a soffrire.

Tutte queste considerazioni ci fanno capire che non è solo l’onestà la qualità che dobbiamo pretendere da un broker, ma anche affidabilità e convenienza. E l’unico modo per scoprire se un broker, oltre a essere onesto, è anche affidabile e conveniente è leggere recensioni indipendenti, su siti e blog.

Lo so che è un processo che può richiedere del tempo, ma bisogna considerare questo tempo come un fruttuoso investimento piuttosto che come una perdita. Perché consente di evitare problemi di diverso tipo.

E magari di scoprire anche qualità positive che possono essere utili per chi fa trading: ad esempio un generoso bonus di benvenuto o magari anche la possibilità di fare social trading.

Il discorso che abbiamo fatto fin ora vale per tutti i tipi di trading ma è ancora più decisivo per i broker di opzioni binarie. Perché in questo caso ciascun broker può avere rendimenti diversi e quindi è necessario scegliere sempre quello con il rendimento più alto per la tipologia di opzioni su cui si vuole operare.

Giulio Quinto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *