Trading

Indicatore ATR: Come funziona e come si utilizza nel Trading

Uno degli strumenti maggiormente utilizzati dai Trader di tutto il mondo è l’indicatore ATR. Acronimo di Average True Range, rappresenta un ottimo sistema per misurare la volatilità di un Asset.

Ideato nel 1978 da Welles Wilder, ancora oggi riscuote un grande successo per via delle indicazioni precise ed accurate che è in grado di offrire. In questa guida scopriremo come leggerlo al meglio e come interpretare i segnali che ne derivano per le nostre strategie di Trading. Specifichiamo subito che l’indicatore ATR è già settato in automatico nelle Piattaforme Metatrader (MT4). Analizzeremo quindi le migliori MT4 sul mercato per iniziare a fare pratica con l’ATR.

Di seguito, una lista iniziale dei migliori Broker in Italia con Metatrader. Successivamente offriremo una soluzione utilissima per investire in modalità semi-automatica, utilissima sia per principianti che per professionisti. Stiamo parlando dei Segnali Operativi offerti da ForexTB.

Piattaforma: forextb
Deposito Minimo: 250€
Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Copytrading
  • Protezione dai rischi
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni

    Indicatore ATR Trading

    A livello generale, cataloghiamo subito l’indicatore ATR tra gli –oscillatori-. In semplici parole, serve a misurare la volatilità di un Trend, la sua oscillazione all’interno del grafico.

    Questo concetto ci sarà molto utile per ipotizzare l’ampiezza della movimentazione che un determinato Asset andrà a raggiungere. Infatti, ci sono Asset poco volatili come le azioni più capitalizzate, altri segmenti di media volatilità come il Forex ed infine Asset molto volatili come le criptovalute.

    Quando parliamo di volatilità indichiamo il numero complessivo di Pips movimentati verso l’alto o verso il basso nell’arco di un periodo temporale predefinito. Risulta estremamente utile conoscere in anticipo se un titolo muove mediamente 30 pips, 50 o addirittura 100 pips. Ne risulta che l’ATR non fornisce un segnale operativo preciso, tuttavia offre un quadro completo dell’Asset in questione.

    Questo indicatore è stato ideato per la prima volta da Welles Wilder, nel 1978. La sua applicazione originaria erano le materie prime, note per la loro volatilità costante e ciclica nel corso dell’anno. Wilder voleva quindi provare a standardizzare queste oscillazioni, al fine di ottenere utili suggerimenti operativi. Nel corso degli anni questa teoria si è dimostrata molto valida, tanto che l’indicatore ATR è stato utilizzato anche in molti altri settori, azioni e valute su tutti.

    Indicatore ATR Formula

    Per definire meglio il nostro ATR partiamo proprio dalla sua formula matematica. Eccola:

    ATR = ATR precedente (N – 1) + range reale del periodo corrente N

    In questa formula il valore di N è la variabile: con valori più alti (quindi un numero maggiore di giorni presi in esame) l’indicatore sarà più “lento”. Al contrario, con valori più bassi i dati che ne risulteranno saranno definiti più “veloci”, perché basati su intervalli più recenti.

    Tuttavia, per semplificare le cose, specifichiamo subito che la piattaforma Metatrader ha questo dato già pre-impostato sul valore di 14. Per iniziare sarà molto utile tenere l’ATR con questo valore e seguire le conseguenti indicazioni. Insomma, non occorrerà fare calcoli complessi poiché tutto sarà già impostato in automatico sulla nostra Metatrader, nella sezioni “oscillatori”.

    Individua l'indicatore ATR nella Metatrader di ForexTB

    Indicatore ATR Segnali operativi

    Ora che abbiamo ben chiara la teoria del trading che sta dietro l’indicatore ATR analizziamo la parte più interessante di questa guida: i segnali operativi.

    Come già specificato, trattandosi di un oscillatore non offre segnali diretti. Tuttavia, offre un quadro d’analisi globale all’interno del quale operare. Scopriremo nel prossimo paragrafo i servizi utili da abbinare all’ATR per ottimizzare i suoi spunti operativi. Partiamo da un esempio grafico:

    indicatore atr

    Come si può vedere, trattasi di una linea che si muove sulla base di valori basati sulla formula matematica citata nel precedente paragrafo.

    Come si legge?

    Primo aspetto fondamentale, il valore dell’ATR indica i Pips. Ebbene, nel grafico qui sopra il dato ATR è fermo a 0.017. Ne deriva che in questa fase di mercato l’oscillazione media del mercato è di 17 pips. Se il valore fosse stato, ad esempio, 0.025, allora l’oscillazione media sarebbe di 25 pips. Questo è il modo corretto di leggere l’indicatore ATR.

    Quali indicazioni offre?

    Una volta che conosciamo la volatilità media dell’Asset, la prima indicazione utile consiste nel posizionare in modo corretto lo Stop Loss. Spesso viene inserito troppo vicino il prezzo attuale o troppo distante, causando ingenti perdite. In questo modo, conoscendo l’oscillazione in pips, saremo in grado di posizionarlo nel modo corretto e opportuno.

    Quali segnali operativi?

    Un fondamentale spunto di trading offerto dall’ATR riguarda la forza del trend. In presenza di un trend ben definito, la compressione del valore dal nostro ATR su dati più contenuti indica con buona probabilità l’esaurimento della forza del Trend in corso.

    Quindi non appena ci saranno segnali di stabilizzazione o addirittura di inversione, con l’ATR ancora posizionato su valori ridotti, sarà opportuno valutare l’ingresso a mercato nella direzionalità opposta a quella del Trend appena concluso.

    indicatore atr

    Tuttavia per ottenere suggerimenti operativi ancora più accurati, sarà opportuno affidarsi a due soluzioni professionali, efficaci e gratuite. Scopriamo quali.

    Indicatore ATR Strumenti utili su MT4

    Le ottime indicazioni fornite dall’ATR devono essere supportate da strumenti accurati in materia di investimento sui mercati. In questa sezione ne individuiamo un paio.

    Segnali di Trading

    Questa opportunità è ottima per automatizzare il processo di investimento. Si tratta di iscriversi ad un servizio di segnali e ricevere delle notifiche in tempo reale ogni volta che c’è un’ottima occasione per entrare a mercato.

    Quindi, sarà possibile analizzare il grafico, tenere sotto stretta osservazione l’ATR e vedere le possibilità di operare -confermate- da un segnale di trading elaborato da professionisti. Sarà come avere quattro occhi al posto di due per analizzare meglio il mercato.

    Coloro che elaborano i segnali di trading, nel caso di ForexTB, sono analisti di professione con anni di esperienza. Il tasso di successo di questi segnali è pari al 75%. in pratica, ogni 100 segnali ricevuti ben 75 vanno effettivamente a Target. Una percentuale altissima, probabilmente la più alta del settore. Sono in tantissimi ad utilizzare questo servizio, dal momento che i vantaggi sono notevoli:

    • Affidabile
    • Professionale
    • Gratuito

    Ebbene si, questo servizio è offerto in modo completamente gratuito da ForexTB. Basterà completare la registrazione e richiedere i segnali senza nessun costo aggiuntivo. Ecco il Link:

    Richiedi qui i Segnali di Trading gratuiti su ForexTB

    Assistente personale

    Un metodo più tradizionale ma altrettanto valido per ottimizzare l’utilizzo dell’indicatore ATR consiste nell’affidarsi ad un Account Manager personale. Come è possibile? Grazie al servizio offerto da Trade.com.

    Questo broker mette a disposizione di ogni cliente un Account Manager, sempre a disposizione del Trader. Sarà possibile contattarlo, chiedere informazioni, spiegazioni e suggerimenti operativi. Questi Manager vengono scelti in base alla loro esperienza e sono un supporto davvero importante per il cliente.

    In definitiva, per un principiante sarà come poter contare su un Tutor, mentre i più esperti potranno considerarlo un vero e proprio collega con il quale analizzare il mercato. Inoltre, su Trade.com ci sono oltre 2000 Asset negoziabili, quindi settare l’indicatore ATR su Metatrader sarà pratico ed intuitivo.

    Ovviamente l’Account Manager non comporta nessun costo ed anche nel caso di Trade.com la registrazione è totalmente gratuita.

    Iscriviti qui su Trade.com e richiedi gratis l'assistente personale

    Conclusioni

    La guida di oggi è stata dedicata all’indicatore ATR, utilissimo strumento operativo volto a misurare la volatilità di un Asset. Nato nel 1978 e basato sulle materie prime, nel corso degli anni l’ATR ha riscosso notevole successo anche su altri settori come le azioni, la valute o le crypto. Insomma, è un indicatore estremamente utilizzato dai Trader di tutto il mondo.

    Tuttavia, trattandosi di un oscillatore, non offre indicazioni precise per entrare a mercato. Per ottimizzare questo aspetto, bisognerà mixare l’indicatore ATR con altri servizi accurati. Noi di Mercati24 ne abbiamo scelti due:

    • Segnali di Trading
    • Assistente personale

    Nel primo caso, sarà possibile iscriversi ad un servizio di segnali operativi in tempo reale e totalmente gratuito, messo a disposizione da ForexTB. Ecco il link di registrazione:

    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni

    Nel caso dell’assistente personale, ci viene in aiuto Trade.com che offre questo ottimo servizio in grado di riscuotere molto successo sia tra i principianti che tra i professionisti. Un valido aiuto è sempre un ottimo modo per operare al meglio sui mercati. Anche in questo caso il servizio è totalmente gratuito, per registrarsi basterà cliccare nel link in basso:

    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni

     

    Leggi anche:

    Da chi è stato ideato l’indicatore ATR?

    Questo indicatore è stato creato da Welles Wilder, nel 1978, basandolo sulle materie prime.

    Cosa misura l’indicatore ATR?

    L’ATR rientra nella categoria degli oscillatori e misura l’ampiezza media di un Trend.

    Cosa Significa ATR?

    Questo termina è l’acronimo di Average True Range.

    Ci sono piattaforme che hanno l’ATR già impostato in automatico?

    Si, tutte le Metatrader hanno già l’ATR impostato sul valore medio di 14, utile per iniziare ad operare al meglio.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento