Inflazione in Italia: i dati sono deludenti

I prezzi al consumo sono un indicatore molto importante della salute dell’economia, di qualsiasi paese.

Screenshot 2016-02-22 11.13.15

Mentre il PIL si è decuplicato, passando dallo 0,7% allo 0,70% (ovviamente scherziamo), l’indice dei prezzi al consumo per quanto concerne il mese di Gennaio, è in ribasso dello 0.2% rispetto al mese precedente. Una prestazione molto deludente.

I prezzi al consumo sono però leggermente saliti dello 0.3% rispetto al gennaio del 2015. Secondo l’ISTAT, l’innalzamento dell’inflazione mensile è stato principalmente dovuto al calo dei prezzi nel settore energetici e in quello dei trasporti, e grazie ovviamente all’aumento dei prezzi alimentari.

L’inflazione core, che è semplicemente l’inflazione meno i settori alimentari ed energici, è aumentata dello 0.8% rispetto allo 0.6% di dicembre.

Che cos’è l’Inflazione

Molti non sanno che l’inflazione è essenzialmente l’incremento sostenuto del livello generale dei prezzi e dei servizi. Viene misurato come un incremento percentuale annuale. Mentre l’inflazione cresce, ogni euro che si possiede può comprare una percentuale più piccola di beni e servizi.

Il valore di un euro non rimane costante quando c’è l’inflazione. Il valore di un euro è osservato nel tempo in termini di potere d’acquisto, che sono i beni tangibili che il denaro può comprare. Quando l’inflazione sale, c’è un calo del potere d’acquisto della moneta. Ad esempio, se il tasso di inflazione è del 2% su base annua, un pacchetto di gomme da masticare costerà 1,02 euro in un anno. Con l’inflazione quindi, l’Euro diventa sempre meno “forte” con il passare del tempo.

Ci sono tante piccole variazioni del termine inflazione:

La deflazione avviene quando il livello generale dei prezzi è in calo. Ciò è l’opposto dell’inflazione.
L’iperinflazione  un tipo di rapida inflazione, molto insolita. In casi estremi, questo può portare all’implosione del sistema monetario di una nazione. Uno degli esempi più notevoli di iperinflazione si è verificato in Germania nel 1923, quando i prezzi sono aumentati del 2.500% in un mese!
Stagnazione è la combinazione di un’alta disoccupazione e la stagnazione economica con l’inflazione. Questo è accaduto nei paesi industrializzati nel corso del 1970, quando una cattiva economia fu combinata con l’aumento dei prezzi del petrolio da parte dell’OPEC.

Come avete avuto modo di vedere, l’inflazione è un indicatore economico fondamentale, e purtroppo in Italia le cose non stanno andando nel migliore dei modi.

One Response to Inflazione in Italia: i dati sono deludenti

  1. Sara Colella ha detto:

    Dico la mia da donna di casa che fa la spesa tutti i giorni: secondo me questi dati sono falsati, a me sembra che l’inflazione sia altissima. Provate a comprare filetto per una famiglia di 5 persone. Poi se dobbiamo mangiare spazzatura allora sì, l’inflazione è bassa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *