Forex

Investire in dollari, come fare

Investire in dollari conviene? Qual è il modo migliore per investire in dollari? L’articolo contiene una guida completa all’investimento in dollari.

Grazie alla connessione internet, sono state create delle possibilità incredibili per coloro che amano investire in modo autonomo. Questo a discapito di chi invece continua a recarsi nella propria banca o a rivolgersi al promotore finanziario per far crescere i propri risparmi.

In materia di investimenti in dollari, ossia per tutti quei mezzi che sono definiti in USD, si fa un’analisi delle particolarità, dei vantaggi e degli svantaggi e delle possibilità per chi, avendo l’aria del piccolo risparmiatore, vuole cercare di capire come investire il proprio capitale.

A questo punto dunque appare evidente chiedersi quanto convenga investire in dollari e quali siano gli strumenti che ci permettono di farlo. Gli investitori si domandano se ci sono vantaggi rispetto all’investimento in euro.


Investire in dollari: cambio euro dollaro in tempo reale: quanto vale un euro in dollari

Investire in dollari: il Forex

Prima di descrivere quali siano gli strumenti denominati in dollari, è giusto aprire e chiudere una parentesi su quello che è l’investimento più classico tra quelli che consentono agli investitori di guadagnare da un eventuale rialzo del dollaro, ossia attraverso l’investimento Forex.

Tutti possono decidere di fare un account scegliendo la piattaforma di forex trading più idonea alle proprie esigenze e acquistare USD contro Euro, auspicando al rialzo della prima a scapito della seconda. EUR/USD è una delle coppie più gettonate nei mercati Forex ed è anche con molta probabilità la modalità più facile per chi vuole fare investimenti con i dollari, senza le difficoltà degli strumenti finanziari più particolari.

Se si fanno operazioni in dollari sui mercati Forex, significa che si sta puntando sul rialzo del valore della valuta statunitense contro la propria valuta di riferimento, ossia in questo caso l’euro.

Da quando è arrivato Trump alla Casa Bianca il dollaro ha perso quota a detta di tutti per dei movimenti politici costretti, in base alle altre principali valute del mercato Forex. Sebbene la Federal Bank inoltre abbia una forte autonomia, pare ci siano molti analisti che pronosticano future pesanti ingerenze da parte del Presidente.

I forecast, ossia le previsioni per il futuro, sembrano d’accordo all’unanimità, secondo cui l’Euro è in questo momento più forte e sembra abbia intrapreso la strada dello sviluppo per i mesi a seguire. La cosa da tenere a mente è che le principali piattaforme Forex presenti sul mercato consentono di investire anche al ribasso sul dollaro, ossia scommettere su un futuro calo di valore per la valuta americana.

Seguendo quelle che sono le previsioni degli analisti in questo preciso momento storico pare che almeno per il momento questa sia la strada esatta da seguire. Non è detto che ci abbiano visto giusto, spesso sono pronostici sbagliati, e il modo migliore per avere guadagni nei mercati finanziari è quello di fare delle buone competenze tali da fare valutazioni in proprio quello che può convenire e quello che invece risulta uno sbagliato investimento.

Migliori piattaforme per investire in dollari

Broker Vantaggi Deposito min. Inizia
Spread bassi, demo gratis 100 € Apri un conto
Social trading 200 € Apri un conto
Notifiche di trading gratis 200 € Apri un conto
Trend dei Traders 100 € Apri un conto
Deposito minimo 10 euro 10 € Apri un conto

La tabella qui sopra contiene le migliori piattaforme per investire in dollari con il forex. Vediamo più in dettaglio delle brevi recensioni delle migliori piattaforme per investire nel dollaro con il forex.

Investire nel dollaro con Plus500

Plus500 è una piattaforma di trading forex veramente professionale, completa e con strumenti in grado di soddisfare i trader professionisti più esigenti. In ogni caso l’interfaccia è molto user friendly. Plus500 è completamente gratis e non applica commissioni. E’ possibile utilizzare Plus500 in modalità demo, in modo da sperimentare senza rischiare assolutamente nulla. La demo è illimitata, gratuita e senza vincoli.

Clicca qui per iscriverti gratis a Plus500.

Investire nel dollaro con 24option

24option è una delle piattaforme forex più semplici da utilizzare in assoluto. E’ molto adatta anche a chi non ha mai investito sui mercati finanziari. Tra le particolarità di 24option segnaliamo la possibilità di seguire corsi gratuiti di altissima qualità e quella di farsi seguire al telefono da veri esperti. Tutti questi servizi sono completamente gratuiti: 24option non ha costi e non applica commissioni. Segnaliamo inoltre che tutti gli iscritti possono accedere gratuitamente alla sezione Trading Central del sito di 24option con segnali e indicatori veramente molto performanti.

Clicca qui per iscriverti gratis a 24option.

Investire nel dollaro con eToro

eToro non è solo una piattaforma per investire senza costi sulle valute e su molti altri asset finanziari. eToro è la prima piattaforma di social trading al mondo: grazie a eToro è possibile copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno gli investitori più bravi. Non è un caso che molti investitori alle prime armi scelgono proprio eToro, visto che così possono copiare automaticamente quello che fanno i più bravi: guadagnano da subito e possono anche imparare facilmente.

Clicca qui per iscriverti gratis a eToro.

Investire nel dollaro con Markets

Markets.com è una delle piattaforme più antiche e prestigiose per investire sulle valute e su molti altri asset finanziari. E’ una piattaforma molto semplice e intuitiva ma con strumenti estremamente avanzati. E’ possibile utilizzare Markets.com in modalità demo, senza limiti e senza vincoli.
Uno degli strumenti più apprezzati è Trend dei Traders che riassume il sentiment del mercato rispetto ad un dato asset. Ad esempio, il Trend dei Traders sul cambio euro / dollaro ci indica se gli altri trader stanno puntando alla crescita dell’euro rispetto al dollaro o viceversa. Seguendo il Trend dei Traders non si ha la garanzia assoluta di fare la previsioni giusta ma le probabilità sono davvero molto alte perché è molto probabile che la grande maggioranza dei trader faccia una previsione corretta.

Clicca qui per iscriverti gratis a Markets.

Investire nel dollaro con Iq Option

Iq Option è una piattaforma estremamente user friendly. E’ completamente gratuita e non applica alcuna commissione. Con Iq Option si può cominciare con un deposito minimo veramente piccolo, appena 10 euro. L’ammontare minimo di ciascuna operazione di investimento è di appena 1 euro. Iq Option mette anche a disposizione una demo gratuita e illimitata.

Clicca qui per iscriverti gratis a Iq Option.

Come investire in dollari al di là del Forex

Non c’è comunque solamente il Forex tra gli strumenti che consentono di fare investimenti in dollari. Prima di analizzare strumento per strumento è però bene cercare di capire cosa comporta investire in strumenti finanziari denominati in dollari. Si possono sia acquistare azioni, sia obbligazioni, ma anche fondi, derivati di ogni genere usando la valuta statunitense, anche se l’investitore non dovesse averne in cassa.

Questo significa però che oltre al rendimento del titolo stesso bisogna tenere conto della differenza tra il valore attuale del dollaro e quello futuro. La formula per fare il calcolo del guadagno effettivo è davvero facile: rendimento del titolo + variazione del valore del dollaro.

Per cercare di capire come funzionano gli investimenti in dollari (funzionamento che è lo stesso ogni volta che si decide di investire in strumenti denominati in valuta straniera) bisogna analizzare tutti e tre i possibili casi:

  • rendimento del 2,00%, dollaro che ha perso l’1% rispetto all’euro: in questo caso si devono calcolare 2,00% – 1,00% e ci si trova con un rendimento netto prima delle tasse dell’1%;
  • rendimento del 2,00%, dollaro stabile contro euro: in questo caso la seconda parte dell’equazione sarà pari a zero e quindi si terranno in cassa il totale della rendita dell’investimento, ovvero il 2%;
  • rendimento del 2,00%, dollaro che guadagna l’1% rispetto all’Euro: in questo caso bisogna sommare il 2% di rendimento del titolo all’1% di rendimento del dollaro, per un totale del 3%.

Da questi esempi si evince chiaramente che quando si investe in dollari si sta in realtà investendo non solo nello strumento in quanto tale, ma anche su un possibile rialzo del dollaro stesso. Di conseguenza, al rischio dello strumento stesso si somma anche quello di cambio.

Investire in Obbligazioni USA con valuta in Dollari

L’America emette titoli di debito pubblico ovviamente in dollari e questo è uno dei modi più usuali per fare investimenti con il dollaro americano. I rendimenti non sono molto alti, e sono determinati in particolare da diversi fattori che interessano l’economia statunitense:

  • l’economia USA sembra essere quella che prima è stato in grado di uscire dalla crisi economica, tornando a tassi di crescita fondamentali ben prima dei migliori paesi europei;
  • la situazione politica è molto turbolenta, soprattutto dall’arrivo di Trump; ovviamente è una mera analisi di quanto avvenuto sui mercati negli ultimi mesi;
  • il Presidente è uno di quelli più business-friendly che non dimenticano l’andamento degli Stati Uniti. Questo può significare solo più profitti per le corporazioni e dunque di maggiori vantaggi per chi fa investimenti negli Stati Uniti;
  • l’eredità della crisi è un debito pubblico stratosferico, che però almeno per il momento gli Stati Uniti riescono a ripagare senza eccessivi patemi.

Al di là dei potenziali problemi che gli Stati Uniti potrebbero dover fronteggiare nel prossimo futuro, le obbligazioni USA restano lo stesso un titolo solido, sul quale l’investitore con un basso profilo di rischio può senza problemi investire, pur tenendo conto del segno meno che tutti attendono e continueranno ad aspettarsi sul valore del dollaro.

Fare investimenti con i dollari nel il mercato statunitense

Gli Stati Uniti hanno l’economia più forte del mondo ed è proprio qui che hanno la sede tutte quelle aziende che dominano in lungo e largo i mercati di riferimenti. In aggiunta, chi vuole fare investimenti in titoli tech, dovrà per forza di cose prendere in considerazione dei mercati americani, dato che è qui che hanno sede colossi come Facebook, Apple, Intel, Google, etc.

Fare investimenti in dollari per acquisire azioni statunitensi si erge ad ottima strategia, tanto che sono molte le aziende che tirano e che avranno ancora la massima attenzione di tutti nel futuro prossimo.

I mercati azionari di tutto il mondo hanno un funzionamento che va allo stesso modo senza differenze sostanziali tra Piazza Affari e il NASDAQ. Sono entrambi mercati con esperienza, che sono in genere protetti da crolli improvvisi e estremamente verticali, al contrario dei mercati emergenti e/o in via di sviluppo.

Vale la pena anche di ricordare che il mercato azionario americano non è soltanto tech: nel paese ci sono i più svariati conglomerati in pratica di qualunque settore possibile e immaginabile. Anche se non si hanno i particolari propensioni verso i titoli tech,  si possono t rovare sui mercati USA quelli più appetibile del mondo finanziario

Investire in fondi in dollari: le differenze sono minime

Per quanto concerne invece il risparmio gestito denominato in dollari, bisogna invece ricordare che le differenze tra le due versioni sono quasi inesistenti. Certo, non è detto che all’interno del fondo denominato in Euro non ci siano poi strumenti valutati in dollari. Il valore di questi subisce la conversione di valuta automatica, senza che magari ci possa essere per gli investitori le possibilità di capire cosa sta accadendo; questo significa che si sta investendo in dollari senza saperlo!

Lo stesso vale in modo reciproco: non deve per forza essere che all’interno di fondi denominati in dollari non ci siano strumenti in Euro, che compiono operazioni con gli stessi meccanismi di conversione di cui detto poc’anzi.
Per quanto concerne i fondi, andare ad operare su strumenti denominati in Euro o in Dollari non crea alcuna diversità: a farla è invece la composizione dei fondi stessi, che deve essere da parte tua con attenzione valutata nel caso in cui il proprio interesse sia quello di investire in valuta statunitense.

Investire in Derivati: il dollaro è la valuta cardine

Nonostante l’Euro riesca sui mercati internazionali a prevalere, bisogna comunque riconoscere il massimo alla valuta americana: il dollaro continua ad essere la valuta più importante per i contratti derivati, fatta eccezione per quelli che vengono emessi da broker europei.

Si può fare investimenti in derivati in dollari, anche in questo caso se si seguono le indicazioni degli esperti, su questo tipo di investimento, quando viene effettuato in Euro. Non ci sono infatti differenze  tra derivati che sono denominati in Euro e derivati che sono denominati in dollari, se non fosse per l’aggiunta, al calcolo dei rendimenti, dell’andamento dollaro e della coppia EUR/USD sul mercato del Forex.

Spesso inoltre i broker europei vanno a vendere titoli derivati che sono solo all’apparenza denominati in Euro, pur avendo dei sottostanti denominati in dollari. Questo è un discorso che vale anche per i fondi comuni di investimento: finché non si fa un’analisi della composizione dello strumento, non c’è modo di capire in anteprima quali siano le valute che in effetti si trovano alla base del investimento che si è deciso di fare.

Lascia un commento