Investire in immobili

investire in immobili

Investire in immobili comprende diversi tipi di attività. In Italia, per esempio da sempre la casa di proprietà è stato forse il desiderio più grande degli italiani, tanto che, fino a qualche decennio fa, fatta eccezione per le grandi città, solo una piccola parte delle famiglie del nostro paese viveva in case in affitto. Cosa poi cambiata negli ultimi anni, da quando la crisi economica internazionale ha ridotto il potere d’acquisto e rendendo difficile un investimento di questo tipo.

Se l’acquisto della prima casa è l’investimento in immobili, almeno da noi, da sempre il più diffuso, probabilmente il successivo è l’acquisto di una seconda casa. Che sia in montagna al mare, vivere le ferie lontano da casa è un’abitudine ormai consolidata nel nostro paese.
Investire in immobili però, oltre a garantire un stabilità economica, può anche essere uno strumento per far fruttare i capitali. Il primo modo per utilizzarlo è la compravendita, cioè acquistare quando il mercato è favorevole è rivendere l’immobile, magari restaurato, in un periodo successivo rivenderlo ad un prezzo maggiore.
Un ultimo modo per generare profitti investendo in immobili è sicuramente acquistare un’immobile per poi affittarlo, garantendosi così una piccola rendita immediata e, in futuro una casa di proprietà.

Conviene investire in immobili

Il mercato degli immobili è già di per se molto complesso, perché il prezzo di una casa è condizionato da una varietà di elementi. Il primo è sicuramente la collocazione, una casa potrà a avere un prezzo al metro quadro maggiore se vicino al centro o zone ben servite, rispetto ad un appartamento delle stesse dimensioni, ma in una zona più periferica o isolata.

Il secondo aspetto da tenere in considerazione è il tempo, se una casa è situata in una zona in cui sono previsti miglioramenti strutturali
, come ferrovie, metropolitane, delle aree verdi, probabilmente il suo valore salirà, allo stesso tempo, se nella zona sono in previsione costruzioni di nuove strade veloci, centri di smaltimento o qualsiasi cosa possa deturpare il territorio le case perderanno di valore.
Dopo questa semplice premessa, per capire se è il momento adatto per investire in immobili, bisogna tenere conto che il settore immobiliare esce da una delle più gravi crisi degli ultimi decenni. Questa crisi è stata causata principalmente da la troppa leggerezza con cui i mutui venivano erogati, e che poi in buona parte non sono stati onorati.

Dopo il tracollo finanziario del settore i prezzi delle case sono crollati, toccando spesso il minimo storico, condizione che per chi vuole comprare una casa per se è sicuramente vantaggiosa, mentre un po’ più rischiosa per chi vuole investire per vendere, dato che nessuno sa ancora se e quando il valore degli immobili tornerà a salire.

Dove investire in immobili

L’esito di un investimento immobiliare è come abbiamo già visto, strettamente legato al territorio. Prima di imbarcarsi in un investimento di questo tipo è sempre bene essere prudenti e ottenere tutte le informazioni necessarie prima di investire capitali.
Se è vero che la crisi immobiliare ha colpito un po’ ovunque è anche vero che ci sono zone in cui conviene ancora investire ad altre dove forse è meglio aspettare ancora.

Di seguito verranno analizzate sia la situazione italiana che quella estera del settore immobiliare, sperando che possano chiarire meglio le idee.

Investire in immobili in Italia


Il mercato italiano è diventato particolarmente favorevole per chi vuole acquistare una casa di proprietà
, poiché i prezzi negli ultime semestri non sono mai stati cosi bassi. Per chi volesse vendere, invece non è un buon periodo. Ovviamente per lo stesso motivo.
Una delle tendenze interessanti che riguarda il mercato italiano è la crescita del numero di investitori stranieri che comprano casa nel nostro paese, sopratutto case vacanza e in zone turistiche.

Per gli italiani invece la cosa migliore è comprare per abitare, affittare la casa o semplicemente investire dei capitali nel mattone, cosa che invece, al momento è sconsigliabile è vendere, ovviamente fino a quando si può.

Investire in immobili all’estero

All’estero la situazione è un po’ diversa, quasi contraria. Sono molti infatti nostri connazionale che acquistano case oltre frontiera, nel 2014 si sono concluse 45mila trattative con un incremento nei due anni seguenti rispettivamente dell’8% e del 5%.

Una dei paesi nei quali gli italiani investono di più è la Spagna, soprattutto nelle zone insulari, come le Canarie (isole dell’Atlantico) e le Baleari (isole del Mediterraneo), data la discesa dei prezzi, ma la continua domanda ed espansione di questi arcipelaghi da parte dei turisti.

Di seguito troviamo gli Stati Uniti d’America, per via della tassazione agevolata rappresentano al momento, per il settore immobiliare un’ottima meta per gli investimenti. La città americana che ha riscontrato il trend migliore è New York, città che attrae più di 50 milioni di turisti ogni anno e dove affittare o rivendere un immobile non è affatto difficile. Al terzo posto troviamo Londra, già oggetto di investimenti negli ultimi anni che, dopo la Brexit, ha perso il valore dei suoi immobili e ha inizia ad attirare investitori sopratutto nell’area metropolitana di Londra, meta sia di affari che di turismo.

Anche i mercati asiatici e sudamericani iniziano ad attrarre capitali italiani,
quasi il 14% di quelli investiti in immobili all’estero. Dopo Mondiali di Calcio e Olimpiadi, il Brasile è diventato tra i più gettonati. A seguire, sempre in America troviamo poi il Messico in particolar modo per le località turistiche come Cancun e Puerto Vallarta, e infine nel sud-esta asiatico, la Thailandia, che ha prezzi immobiliari molto bassi, una tassazione agevolata ed è una delle mete più gettonate dal turismo moderno.

Investire in immobili senza soldi

Uno dei maggiori vantaggi che offre il mercato immobiliare è la possibilità di investire senza utilizzare propri capitali. Quello immobiliare, è infatti probabilmente l’unico mercato nel quale ottenere un mutuo per acquistare un immobile è relativamente semplice e alla portata di tutti.
Gli immobili possono essere acquistati senza soldi, perché molti istituti bancari sono disposti a prestarvi i soldi, si può quindi acquistare una casa facendosi prestare anche il 90% o il 100% del valore dell’immobile e rivenderla successivamente ad un prezzo maggiore, che vi permetterà di estinguere il mutuo, pagare gli interessi e tenere la differenza rimanente.
Ovviamente questa tecnica funziona solo se avete un buon occhio sull’andamento del mercato è riuscite a prevedere qualche possibile aumento dei prezzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *