Materie prime

Investire nel platino, quali sono le previsioni e come fare

Investire in Platino perché conviene? E come si fa a investire in platino? L’investimento in materie prime, e in metalli preziosi nello specifico, è molto interessante per chi vuole guadagnare sui propri risparmi. La tendenza a speculare sui metalli è cominciata dopo la crisi del 2008, a causa dell’inflazione a cui la moneta è stata sottoposta.

Per chi vuole investire in materie prime, una delle migliori alternative è quella di investire in platino. Questo è un metallo prezioso molto particolare non solo in ambito industriale ma anche per fini più mirati alla speculazione.

Ci si trova infatti davanti ad un metallo tra i più cari negoziati nella Borsa, e viene usato in vari settori, da quello industriale e automobilistico all’ambito delle gioiellerie.

Se si vuole speculare dunque proprio su questa commodity, bisogna in primis imparare a capire quali sono le prospettive di investimento su questo metallo e come si fanno investimenti su di esso.

Quotazioni Platino


Quotazioni del Platino in tempo reale, grafico offerto dalla piattaforma Plus500.

Platino: perché è considerato di un metallo molto interessante

Come già detto poc’anzi, il platino e gli altri metalli hanno cominciato ad avere un particolare valore in seguito alle crisi economiche degli ultimi decenni, in quanto la valuta ha perso la sua portata iniziale.

Così il platino è diventato una valida alternativa, visto il largo uso che se ne fa in ambito industriale: tale caratteristica lo va a proteggere  da possibili variazioni impreviste di prezzi e, anzi, consente al prezzo di fare sempre più una strada in salita. Ciò anche perché si parla di un metallo più raro e di singolare estrazione rispetto ad altri ( anche rispetto all’oro).

Le industrie che fanno uso del platino sono sia quelle tradizionalmente legate alla produzione dei gioielli (la sua rarità e il fatto che brilli fanno del platino un metallo davvero adatto a questo settore del lusso), sia quelle che invece si occupano di produzione di automobili.

Pare infatti che esso venga adoperato nella produzione dei catalizzatori, i quali permettono alle case automobilistiche di diminuire gli agenti inquinanti dei veicoli commercializzati.

Non solo: viene usato anche nella realizzazione di strumenti da laboratorio e in ambito odontoiatrico.

Come si investe in platino?

Fatto un tale preambolo, bisogna andare a vedere in che modalità si possono fare investimenti con questo metallo. Le possibilità, come nel caso degli investimenti in oro oppure in quelli in argento, sono varie. Ma quali sono? Prima di fare un qualsiasi elenco è bene ricordare che gli investimenti in platino risultano convenienti e appetibili se fatti attraverso CFD.

Fare trading in platino con Cfd con Plus500

Il CFD, a differenza del futures, è un mezzo finanziario usato per il breve termine, ma anche per il brevissimo. I CFD o Contratti per Differenza, replicano il valore di uno strumento finanziario sottostante, che nel caso del CFD sul platino è fatto dal futures sul platino.

Il trading di CFD sul platino sono perfetti per chi vuole speculare sul prezzo del platino, o anche aprire posizioni al rialzo o al ribasso per richiuderli dopo poco tempo. Il tutto con lo scopo di lucrare dalle differenze di prezzo. Con i CFD si possono ottenere profitti dai rialzi e dai ribassi, investendo anche piccole somme, poiché la leva finanziaria permette al trader di utilizzare somme molto più basse rispetto a quelle effettive.

Tra le migliori piattaforme per fare trading in Platino utilizzando i CFD segnaliamo Plus500: è una piattaforma sicura, affidabile e molto professionale. Mette a disposizione più di 2.000 asset su cui fare trading tra cui tutte le principali commodity, azioni quotate su tutte le borse estere ed italiana, valute e criptovalute. Plus500 è completamente gratuita e non applica commissioni.

Puoi iscriverti gratis a Plus500 cliccando qui
.

Investire in platino con ETF

Questo mezzo è usato dagli investitori per poter fare negoziazione in metalli senza dover davvero procedere all’acquisto, e quindi si possono conservare i prodotti, operazione che necessita di spazio e con molta probabilità di risorse (come l’acquisto o l’affitto di una cassetta di sicurezza).

Una delle migliori soluzioni per investire con gli ETF è rappresentata da Plus500: in questo caso, infatti, si può operare con 0 commissioni.

Investimenti nel platino attraverso i Futures

Il secondo mezzo di cui si può parlare è dato dai futures, che consentono di investire sull’andamento del valore delle aziende che si occupano di estrazione e lavorazione del platino.

Questo è uno strumento che si presenta come un vero e proprio contratto molto legato alle previsioni sull’andamento del mercato.

Di conseguenza implica l’impegno ad acquistare un determinato prodotto (o a venderlo) entro una determinata data e sulla previsione del prezzo futuro.

Andare all’acquisto del platino

Se invece si preferisce acquistare platino in senso fisico, ecco come si deve fare. E soprattutto ecco se conviene davvero.

Se si decide di optare per questa soluzione c’è bisogno di scegliere con molta attenzione da chi comprare i lingotti o le monete di valore: si dovrà per causa di forza maggiore selezionare società accreditate e certificate. Per conservare il tutto è necessario rivolgersi con tutta la possibilità ad una banca che possa conservare il bene in una cassetta di massima sicurezza (che comunque ha un costo).

Un’altra cosa che bisogna sapere nel caso in cui si dovesse optare per l’acquisto del platino fisico, è che il prezzo di acquisto sarà un prezzo cosiddetto spot, ossia strettamente collegati al momento stesso dell’acquisto e non al prezzo che viene imposto dal mercato ufficiale.

Il vantaggio di optare per questa soluzione è che il bene non sarà per nulla influenzato dalle oscillazioni di prezzo a cui un mercato finanziario strettamente necessario vengono sottoposti gli altri mezzi finanziari che sono stati citati poc’anzi

Oltre alle monete e ai lingotti vi è inoltre anche la possibilità di acquistare e conservare i gioielli, ma essi dovranno essere quanto più antico possibile per avere davvero una valutazione di un valore davvero appetibile.

Questa cosa dovrà essere appurata da un esperto, che potrà fare una valutazione della purezza del metallo e sarà in grado di fornire una corretta attribuzione del valore esatto al tuo investimento.

Investire con le azioni delle aziende

Una ulteriore scelta che si può fare in merito agli investimenti nel platino è quello di optare per le azioni delle aziende che sono in qualche modo correlate a questo metallo, come ad esempio quelle impegnate nella sua estrazione.

I titoli di queste imprese riescono a mettere in evidenza una forte correlazione diretta con i prezzi del platino, come è ovvio che sia.

Tra le aziende più note ci sono la Stillwater Mining Company (SWC), la Anglo Platinum (AGPPY) e la Impala Platinum (JSE: IPA).

Questi investimenti si possono fare anche andando a scegliere una buona piattaforma di trading, che sappia mettere a disposizione anche la possibilità di acquistare o vendere allo scoperto azioni di varie società.

Investire in platino: le prospettive future

Siccome non si può conoscere esattamente quali siano le riserve di platino presenti nel mondo, e quindi quanto ancora ne sarà estratto, non è facile fare una stima delle previsioni affidabili e sicure.

Si può però dire che la richiesta è costante, in particolare, come già spiegato sopra, in ambito industriale, e questo fa sì che ci si imbatte in un investimento appetibile.

Considerato poi che il suo utilizzo nei vari settori (escluso quello del lusso e dei gioielli) è piuttosto recente, questo inevitabilmente comporterà un aumento della domanda e, quindi, del valore dello stesso.

Se vuoi conoscere mercati di metalli preziosi più trasparenti, l’idea è quella di rimanere sempre aggiornati e dopo un’attenta analisi su quelle che sono le eventuali variazioni del mercato, sarà giunto il momento di decidere se investire in un metallo così prezioso e spesso sottovalutato come il platino.

Lascia un commento