La Francia distrugge posti di lavoro

Le politiche di Hollande sono riuscite in un vero e proprio capolovoro al contrario: hanno preso in carico un paese sostanzialmente sano malgrado il conteasto internazionale negativo e ne hanno fatto un vero e proprio paese in crisi come dimostrano i dati. Solo nell’ultimo trimestre sono stati distruitti decine di migliaia di posti di lavoro quindi c’è sempre più gente a spasso.
I dati macroeconomici segnalano una crescita del PIL poco più che simbolica ma attenzione: si tratta semplicemente della ricostruzione delle scorte che sono state bruciate negli ultimi 2 anni, non di un aumento dei consumi o delle esportazioni.
Hollande ha potuto sicuramente sollecitare gli istinti più bassi della parte più estremista del suo elettorato e magari si è anche guadagnato una rielezione.
Ma il destino della Francia è nero, molto nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *