Le elezioni spagnole portano l’Euro al rialzo

EUR/USD all’attacco di 1.10!

 

La coppia EUR/USD ha cercato di fare un bel rally la scorsa settimana, per cercare di rompere il livello di 1.10 durante la settimana, ma tuttavia la coppia ha poi subito un’inversione che ha portato EUR/USD a crollare, formando una candela negativa. Per adesso questo mercato sembra non abbia abbastanza forza per rompere gli 1.10, ma tuttavia durante questa prima sessione, che ha permesso all’Euro di recuperare qualcosa.

Questo mercato è tuttavia destinato a rimanere abbastanza stabile nel breve termine, in quanto i mercati al momento sono ancora molto incerti sul da farsi.
EUR/USD 1.0935 0.0077 0.71%
USD/JPY 120.9100 -0.4030 -0.33%
GBP/USD 1.4890 -0.0021 -0.14%
EUR/GBP 0.7346 0.0060 0.83%
EUR/JPY 132.2400 0.4745 0.36%
AUD/USD 0.7175 0.0002 0.03%

All’inizio di questa settimana, come potete vedere, l’Euro sta battendo tutte le altre valute, sulla scia di un rialzo incredibile che sta permettendo alla valuta di avvicinarsi tantissimo alla soglia di 1.10.Screenshot 2015-12-21 18.14.48

Gli indicatori tecnici giornalieri sono neutrali:

RSI(14) 54,812 Neutrale
STOCH(9,6) 34,245 Vendi
STOCHRSI(14) 38,776 Vendi
MACD(12,26) 0,002 Compra
ADX(14) 19,913 Neutrale
Williams %R -52,830 Neutrale
CCI(14) -19,2348 Neutrale
ATR(14) 0,0091 Meno Volatilità
Highs/Lows(14) 0,0000 Neutrale
Ultimate Oscillator 45,794 Vendi
ROC 0,303 Compra
Bull/Bear Power(13) 0,0028 Compra
Compra: 3Vendi: 3Neutrale: 5
Riassunto: NEUTRALE

Se notiamo questo primo inizio di settimana da parte della coppia in questione, noteremo che è aumentata da 1,0850, per poi arrivare a toccare un massimo di 1,0939, per poi ristabilizzarsi subito sotto.

Il dollaro ha subito un rally la scorsa settimana quando la Fed ha innalzato i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale in un range esattamente tra lo 0,25% e lo 0,5%, come ci si aspettava, infatti.

Commentando la decisione, la Presidente della Fed Janet Yellen ha affermato che la banca non avrà un approccio meccanico nel normalizzare la politica monetaria e che nel prossimo futuro dei tassi, gli innalzamenti ci saranno in modo graduale e dipenderanno dai dati macro. La Fed è stata molto rispettosa con le affermazioni passate, e quindi questa coppia non ha subito troppi scossoni, subendo un rally più “organico” che “nervoso” e dettato dalle classiche pazzie di mercato.

FTSE MIB 21.099,32 -142,61 -0,67%
DAX 10.497,77 -110,42 -1,04%
DAX Futures 10.502,3 -105,7 -1,00%
S&P 500 Futures 1.999,50 +7,50 +0,38%
Dow 30 17.148,76 +20,21 +0,12%
Euro Stoxx 50 3.229,73 -30,99 -0,95%
US Dollar Index 98,42 -0,31 -0,31%

Tuttavia, i più importanti indici USA sono comunque in calo. Il rally in EUR/USD è stato quindi principalmente dovuto alla forza dell’Euro, che grazie alle elezioni spagnole, continua a riscuotere un discreto successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *