Londra: il broker dei vip scappa con 150 milioni di euro dei suoi clienti

Joe Lewis, 59 anni, broker molto noto dei vip inglesi (più di 100 personaggi famosi gli avrebbero affidato almeno parte dei propri soldi negli ultimi anni), come calciatori, campioni di golf, attrici ed attori, sarebbe il protagonista di una delle più grosse frodi finanziare dell’intera storia della Gran Bretagna. Sarebbe infatti scomparso nel nulla con circa 130 milioni di sterline dei suoi clienti, l’equivalente di 150 milioni di euro, circa un mese fa.

Lewis aveva fondato un decennio fa una società di investimenti che prometteva profitti alle stelle ed i migliori consigli a livello fiscale su come e dove investire i propri denari. I suoi uffici erano siti a Londra, dove occupavano addirittura due piani interi di un grattacielo della City inglese. La società che aveva fondato si chiamava Jl Trading, aveva 30 dipendenti e per entrare a far parte della sua clientela molto selezionata venivano richiesti investimenti a partire da almeno 30 mila euro.

Ma dopo il crollo dei mercati nel 2008 anche la sua società è andata in crisi (a causa di pesanti perdite rimediate soprattutto nel forex), ed addirittura avrebbe smesso di operare dal 2009, mentre lo stesso Joe Lewis continuava ad intascare quotidianamente per ulteriori 5 anni i soldi dei suoi clienti, a detta sua per cercare di riuscire a recuperare le perdite, ma senza riuscirci. Allora un mese fa ha vuotato il sacco, in una lettera inviata a tutti i suoi investitori, nella quale affermava di non essere più in grado di restituire loro i soldi che gli erano stati affidari. A quel punto si è volatilizzato, ed ovviamente si ignora dove si sia potuto rifugiare, magari in qualche isola sperduta e sicura.

Gli inquirenti britannici però non credono che si sia trattato soltanto di investimenti sbagliati e quindi andati completamente perduti, ma piuttosto ipotizzano la riproposizione del cosiddetto “schema Ponzi”, come vengono chiamate in gergo certe tipologie di imbrogli nel mondo della finanza: cioè di una promessa di guadagni da urlo, quando in realtà i soldi vengono intascati e fatti girare solo provvisoriamente da un conto all’altro dei propri clienti, per dare loro l’idea della bontà ed efficacia del suo lavoro.

Lewis negli ultimi tempi si era trasferito ed aveva scelto come nuovo quartier generale delle sue operazioni la Turchia e precisamente Istanbul, dove si era trasferito all’indomani di un matrimonio con una donna turca. Il figlio del broker londinese si sarebbe già offerto per collaborare con le indagini della polizia, ma allo stesso tempo ha sottolineato che non è rimasto più nulla intestato a suo padre, né denaro contante, né proprietà immobiliari (ricordate la storia di Gaucci scappato lasciando i suoi figli nei guai, tutta questa vicenda ricorda un pò quella là, seppur l’ambiente di provenienza sia completamente diverso).

Geni della finanza e maghi della borsa continuano a spopolare, nonostante alla fine dei conti presentazioni del genere si riducano sempre in truffe colossali. Ma se anche persone famose e colte continuano senza pause a cascarci dentro, significa che in un certo senso l’essere umano si merita di essere trattato così, visto il suo scarso cervello.

Il nostro consiglio è quello di affidarsi esclusivamente a broker sicuri e affidabili, autorizzati e regolamentati dalla CONSOB o da un’autorità corrispondente se la sede legale è sita in un altro Paese dell’Unione Europea. In questo modo si riceve la garanzia assoluta di non trovarsi invischiati in queste truffe.

Giancarlo Sali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *