Mariano Rajoy lavora per salvare la Spagna

Dopo gli anni dell’euforia del governo Zapatero la Spagna è stata costretta a tornare con i piedi ben piantati per terra dall’avanzare della crisi. Adesso il governo Rajoy sta cercando di condurre il paese al salvataggio, grazie anche all’appoggio dell’Europa, ma deve fare i conti con l’opposizione socialista che di salvataggi non ne vuole sapere.

Per anni la Spagna è stata indicata come un gigante in crescita economica: poi si è scoperto che la Spagna dell’era Zapatero non era un gigante e aveva anche i piedi d’argilla.

Il suo apparente sviluppo economico era dovuto, semplicemente, ad una bolla immobiliare e, soprattutto, a pratiche del sistema bancario ai limiti del lecito, pratiche che il governo Zapatero si è ben guardato da arginare, in qualsiasi modo.

governo zapatero

Quando la crisi è scoppiata, la Spagna è crollata: sia la finanza pubblica che le grandi banche hanno evidenziato da subito enormi problemi. Zapatero ha preferito dimettersi, ammettendo quindi le sue gravissime responsabilità, e il compito di governare la Spagna è stato assegnato dagli elettori, con una maggioranza schiacciante, a Mariano Rajoy.

Il nuovo primo ministro è riuscito ad ottenere molte concessioni dall’Europa, a partire da un prestito di 100 miliardi per il salvataggio delle banche spagnole che hanno fatto follie negli anni del boom, e ha ottenuto anche la possibilità di ottenere il sostegno da parte della BCE.

Ma perché la Banca Centrale Europea inizi a comprare titoli del debito spagnolo è necessario che venga fatta una formale richiesta di aiuto. E’ proprio questo il problema: la Spagna non avanza questa richiesta perché l’opposizione si oppone, in uno sterile gioco al massacro, e i mercati tremano all’idea di quello che potrebbe succedere.

Tuttavia il governo Rajoy, secondo fonti ben informate, starebbe negoziando segretamente i dettagli del salvataggio in modo da mettere l’opposizione di fronte al fatto compiuto.

Se questo avvenisse, come ci aspettiamo, a festeggiare non dovrebbero essere solo i mercati finanziari, ma tutti gli spagnoli onesti. Staremo a vedere.

Claudio Appio

2 Responses to Mariano Rajoy lavora per salvare la Spagna

  1. Conte Zio ha detto:

    Di solito mi piacciono molto gli articoli di questo sito ma questa volta ancora di più mi è piaciuta la foto inserita per documentare il fallimento totale del governo Zapatero.

  2. LifeIsNow ha detto:

    Zapatero pensava ai diritti dei gay e la Spagna affondava nella merda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *