Nuovo buco di 3 miliardi di euro per il bilancio greco

Il bilancio pubblico greco è davvero un pozzo senza fondo: dopo aver ottenuto di poter tagliare pesantemente il debito a scapito degli investitori privati e dopo aver ricevuto due pacchetti di aiuti consistenti, si scopre che la Grecia ha un ulteriore buco di 3 miliardi di euro.

I Greci antichi hanno inventato sia la commedia che la tragedia. Ebbene, la crisi della Grecia attuale inizialmente poteva somigliare ad un tragedia, ma adesso stiamo virando direttamente verso la commedia e la farsa. Perché la Grecia ha già ricevuto molti aiuti dalla comunità internazionale.

Per prima cosa ha potuto commettere, impunemente, una vera e propria rapina ai danni degli investitori tagliando il valore dei titoli. E già questo, tecnicamente, è un default controllato, senza considerare che eticamente è profondamente scorretto. Poi ha ricevuto due pacchetti di aiuti molto consistenti da parte dell’Unione Europea.

crisi Grecia

E dopo tutto questo si scopre che, comunque, i greci hanno ancora, nel loro disastrato bilancio pubblico, un buco da 3 miliardi di euro. Un buco che ovviamente dovrà essere coperto dall’Europa, cioè dagli altri contribuenti europei, anche da noi italiani che certo non ce la passiamo bene.

E’ ovvio che i greci hanno vissuto a lungo ben al di sopra delle loro possibilità: adesso dovrebbero rimboccarsi le maniche, puntare sul turismo estero, sulle esportazioni e tagliare in maniera draconiana la spesa pubblica.

Questo vuol dire chiaramente tagliare privilegi, sprechi, clientelismi, parassitismi vari. Tutti problemi che certo non sono solo della Grecia ma sono comuni ad altri paesi mediterranei. Purtroppo non è facile, per una classe politica che ha abituato molto male il Popolo, spiegare al Popolo stesso che la festa è finita e che bisogna tornare al lavoro (o per molti iniziare a lavorare per la prima volta).

Questa condizione fa sì però che diventi sempre più probabile quella che negli ambieti finanziari europei si inizia a chiamare “grexit”, cioè l’uscita della Grecia dall’Euro.

Un’uscita che ormai viene ammessa dalle cancellerie europee e che, anzi, pare venga preparata in ogni dettaglio tecnico. Quello che aspetta i Greci, a meno di un cambiamento dell’ultima ora, è un destino di poverà e iperinflazione. Purtroppo è stata una loro scelta e noi europei non possiamo farci nulla.

Tuttavia l’auspicio è che il destino della Grecia possa essere un monito per i politici italiani e le loro velleità di incrementare ancora la già mostruosa spesa pubblica.

2 Responses to Nuovo buco di 3 miliardi di euro per il bilancio greco

  1. Ale81 ha detto:

    I greci ormai dovrebbero essere cacciati dall’Europa, questa farsa deve finire. Ormai vivono a nostre spese (anche di noi italiani come giustamente si fa notare nell’articolo) e non sembrano avere intenzione di mettere la testa a posto. Ma pensano che abbiamo tutti gli anelli al naso come dei baluba e non capiscono che ci stanno prendendo in giro? Ma scusate greci cari, io non sono stupido come un baluba e penso che gli europei tutti non lo siano.

  2. tradingforex ha detto:

    Ottima analisi, ma io non penso che alla fine la Grecia sarà cacciata dall’euro. Gli europei abbasseranno la testa e pagheranno e i greci continueranno a vivere nel formaggio. A spese nostre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *