Trading

Offerta banche per il trading online

Ci possiamo fidare delle offerte banche per il trading online? Abbiamo ricevuto numerose richieste da parte di lettori che ci chiedono se le banche italiane hanno offerte convenienti e se è lecito fidarsi di queste offerte.

La risposta potrebbe essere ovvia per chi conosce il modus operandi tipico delle banche italiane. Per rinfrescare la nostra memoria, potremmo citare i casi Parmalat, Cirio, Bond Argentini, My Way di Monte dei Paschi di Siena , l’elenco potrebbe essere praticamente infinito e stiamo citando solo i casi in cui c’è già stato un pronunciamento da parte della competente autorità giudiziaria. Già questa premessa fa capire come sia poco opportuno (per usare un eufemismo) affidare i propri soldi ad una banca italiana per fare trading online. Chi sa come funziona eToro, ad esempio, può trovare un abisso di differenza con la tipica banca italiana.

Qui sotto, un elenco delle migliori piattaforme di trading online italiane senza commissione:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Piattaforme trading online confronto

    Sappiamo già che la piattaforma per trading online
    è un fattore fondamentale per guadagnare con il trading online. Questo sia per motivazioni economiche (commissioni di trading, bonus omaggio) che per ragioni di affidabilità e sicurezza.
    Per quanto riguarda l’affidabilità e la sicurezza le banche italiane offrono un livello soddisfacente, almeno fino al prossimo crack o al prossimo scandalo. Ma che cosa succede dal punto di vista economico? Come sono le commissioni di trading applicate dalle banche italiane? E ci sono bonus di benvenuto gratuiti per chi si iscrive? La risposta è no, nessuna offerta di una banca prevede la possibilità di incassare subito un bonus gratis (mentre molte piattaforme di qualità offrono questa opportunità). Ancora peggio, il discorso delle commissioni di trading. Le piattaforme di trading come Fineco Directa o IWBank possono anche essere considerate di qualità, ma i concorrenti esteri sono decisamente migliori, sotto tutti i punti di vista.

    Tra l’altro queste piattaforme non offrono nemmeno una simulazione di trading online.

    Commissioni trading online

    Le migliori piattaforme di trading online non applicano commissioni, nè esplicite nè implicite, partiamo di qui. Non ci sono costi fissi, costi per apertura del conto, commissioni sull’eseguito. Commissioni zero, quindi. Le migliori offerte delle banche per fare trading online, al massimo, possono prevedere basse commissioni sull’eseguito, niente di più.

    Ed è sempre consigliabile leggere con attenzione le scritte in piccolo perché le sorprese ci sono sempre e possono essere disastrose. Le offerte delle banche sono più che altro una trovata di marketing che possono avere conseguenze nefaste per il portafoglio.

    Tra l’altro queste commissioni sono pesantemente più alte nel caso di investimenti sulle borse estere.

    Leggi anche: Trucchi di trading

    Conto trading on line

    Un conto di trading online è uno strumento formidabile che può generare profitti molto elevati ma può anche essere una trappola mortale. Pensiamo a coloro che aprono un conto presso piattaforme che non sono autorizzate dalla CONSOB e che si trovano a perdere un sacco di soldi. Oppure coloro che scelgono conti presso piattaforme autorizzate ma che offrono condizioni economiche davvero poco convenienti: anche in questo caso ci sono delle perdite economiche che spesso possono anche essere molto ingenti. O se proprio va bene, ci possono essere dei guadagni che sono decisamente più bassi di quelli che si potrebbero ottenere operando senza commissioni di trading e magari anche con un bonus gratis generoso. La raccomandazione che possiamo fare ai lettori è di non cadere nelle trappole del marketing e di guardare alla sostanza. Un po’ di riflessione prima di aprire un conto di trading online può portare a guadagnare molto di più!

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    3 Commenti

    • Ma se uno si vuole fare truffare perché ce ne dobbiamo occupare qui? Se uno paga commissioni è un fesso, scusate il francesismo, quindi ben venga che venga spiumato a sangue da piattaforme con commissioni…poi si lamentano che non guadagnano con il trading online 🙂

    • Io non sarei così duro, molti trader italiani o aspiranti trader vengono truffati da queste piattaforme perché non sanno che esistono piattaforme che non applicano commissioni sull’eseguito.

      Addirittura è in atto una campagna disgustosa per gettare fango proprio su piattaforme gratuite, senza commissioni e con bonus omaggio che vengono attaccate più o meno velatamente su forum e gruppi di discussione. Facile immaginarsi che dietro a questi forsennati attacchi ci siano proprio le banche italiane che vedono scemare i loro guadagni per l’intervento sul mercato italiano di piattaforme estere che operano con tutti i i crismi della CONSOB (e della MIFID) ma che non hanno commissioni.

    • Le offerte delle banche per il trading online sono specchietti per le allodole, fatti apposta per spennare a dovere i poco intelligenti clienti. Mille volte meglio le piattaforme di trading indipendenti che, detto per inciso, non hanno il mastodontico conflitto di interessi che caratterizza le banche!

    Lascia un commento