Petrolio a 40 dollari. Sono i nuovi 100?

Petrolio 40 dollari

Ci siamo trovati davanti ad una serie di prestazioni deludenti da parte del Dollaro USA, ma che hanno anche permesso alle materie prime, e in special modo al Petrolio di volare, e di dare finalmente un po’ di respiro ai produttori di greggio, che ormai erano da mesi attanagliati da dei minimi che facevano paura.

Vuoi fare trading con il Petrolio, sfruttando questo movimento rialzista? CLICCA QUA È molto semplice e sicuro con il broker regolato CONSOB Plus500, che permette di salire a bordo anche senza depositare nulla. Il broker ti fornirà in automatico con la nostra registrazione ben 25 euro che saranno sufficienti per iniziare al meglio con un investimento nel petrolio.

Il Petrolio WTI questa settimana è essenzialmente passato dai 35 dollari fin sù a 40 dollari. Proprio mentre scriviamo, il Petrolio Greggio si trova a 40.21 in rialzo dello 0.34%, anche se in realtà il rialzo settimanale è ben superiore al 5%. Buone prestazioni anche per il Brent. I prezzi del petrolio sono saliti oltre i 40 dollari al barile nella giornata di giovedì, principalmente perché il dollaro si è indebolito dopo che la Federal Reserve ha zittito tutti diminuendo le aspettative per i rialzi del tasso d’interesse, che sono passati da 4 a 2 previsti per il 2016. Gran parte dei produttori ha poi confermato di voler diminuire l’output.

I guadagni del petrolio di giovedì sono arrivati dopo l’incontro politico di due giorni della Fed che si è concluso con le banche centrali che hanno rivisto la loro linea temporale per gli aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti, indicando i rischi posti dalla crescita globale molto debole e l’alta volatilità dei mercati finanziari. Un minor numero di tagli dei tassi quest’anno sta aumentando la richiesta di petrolio, e il dollaro mantiene la sua tendenza ribassista.

Petrolio 18 Marzo 2016

Petrolio 18 Marzo 2016

Come è possibile notare dal grafico dei prezzi è in un canale ribassista che però ha avuto un rimbalzo molto importante, che non si era mai visto nell’ultimo anno, e che ha permesso al petrolio di rompere la grande resistenza dei 40 dollari al barile. Adesso la situazione è molto più rosea, ma è molto probabile che questi 40 dollari siano i nuovi 100! È infatti importante ricordare che nonostante il rally attuale, il petrolio è in calo di oltre il 60% nell’ultimo anno.

One Response to Petrolio a 40 dollari. Sono i nuovi 100?

  1. IlBarista ha detto:

    Secondo me questo petrolio è destinato a salire, lo vedo troppo basso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *