Playtech assume ex direttore AAMS

Vi sembra normale che l’ex capo dei controllori venga assunto con uno stipendio faronico da un ex controllato? A noi no, ma è quello che è successo a Francesco Rodano, l’ex direttore dei giochi online dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli che è stato assunto da Playtech, uno dei player più importanti nel mercato del gioco online. Mercato che proprio Rodano era tenuto a vigilare in Italia, guarda un po’…

Nessuno dei mezzi di comunicazione sussidiati ne ha parlato ed è normale che sia così. Il gioco online è un affare gigantesco che in Italia va avanti solo e soltanto con il beneplacito della politica. Per dire, la fondazione con cui il non rimpianto premier Gianni Letta voleva dare la scalata al Paese era quasi interamente finanziata da società che si occupano di giochi online (e ovviamente, anche in questo caso, i media sussidiati hanno pernsato bene di tacere).
Francesco Rodano si occuperà di regolamentazioni, aiutando quindi Playtech a superare i piccoli e grandi problemi legali che chi si occupa di gioco online deve affrontare tutti i giorni. Rodano è sicuramente un uomo preparato visto che ha gestito per ben 9 anni la sezione dei giochi online dell’AAMS, nella fase delicatissima della transizione verso il gioco legale. Rodano ha anche gestito curato l’introduzione di nuovi giochi online e quindi può supportare Playtech anche nell’innovazione.

In effetti il commento della società di giochi online è entusiasta: Mor Weizer, il CEO in persona, ha dichiarato:

Grazie ai suoi successi professionali e alla sua statura personale, Francesco è diventato una figura molto influente sulla scena internazionale del gioco d’azzardo online. Siamo felici che abbia scelto di aderire Playtech e sono sicuro che fornirà un contributo prezioso per l’ulteriore crescita della nostra società.

Non meno entusiasta Rodano:

Dopo tanti anni vissuti come regolatore, sono felice di passare dal lato dell’industria e di unirmi a Playtech in un momento in cui il focus sui mercati regolamentati è una priorità globale. Playtech ha un team di gestione di talento e rispettato e non vedo l’ora di supportarli dal punto di vista della politica pubblica

Insomma, sembra essere una bella storia a lieto fine, con tutti che vissero felici e contenti. La Playtech è felice di aver preso Rodano a lavorare e Rodano sarà sicuramente felice dello stipendio faraonico che gli è stato assegnato. Siamo sicuri che Rodano metterà a disposizione di Playtech solo la sua grande competenza e non la sua rete di contatti personali. E siamo anche sicuri che il ruolo superpagato assegnato a Rodano non è un modo per premiare il suo comportamento benevolo da regolatore.

Ma quello che ci chiediamo: possibile che tra tanti manager di valore che ci sono nel mercato del gambling, la Playtech dovesse contrattare proprio Rodano? E ancora: per un ex resposanbile della regolamentazione di un settore così delicato, non sarebbe stato meglio stare fermo qualche giro prima di andare a lavorare direttamente per uno dei big del mercato europeo?

Playtech, i punti oscuri

Tra l’altro, l’AAMS si dipinge da sempre come un’istituzione moralmente superiore e questa superiorità morale (autoattribuita e confermata dai media conniventi e sussidiati) ha reso l’AAMS capace di passare come un rullo compressore sulla vita delle persone. Adesso, invece, un ex dirigente va a lavorare per Playtech, una società che di problemi con le regolamentazione ne ha avuto. Senza voler rigirare il coltello della piaga ricordando che il patron di Playtech è risultato coinvolto nello scandalo dei Panama Papers, vorremmo solo ricordare lo stop imposto alla Playtech dalla FCA quando tentò di scalare Plus500. Negli stessi giorni, le autorità di regolamentazione irlandesi bloccavano anche la scalata al broker AvaTrade.

Probabilmente Rodano poteva fare altro e poteva farlo altrove.

2 Responses to Playtech assume ex direttore AAMS

  1. stravato giuseppe ha detto:

    Io sono la testimonianza vivente, delle malefatte di qesti casino’ online, io stesso ho cercato di contattare il signor rodano con email, a febbraio, non avendo nessuna riposta, dico nessuna risposta in merito a quanto accaduto alla mia persona, ricordo che avete omesso di immettere che questi casino’ online, hanno avuto una regolare licenza aams, ma dobbiamo chiederci pero’, in che modo ??? AAMS organo di controllo italiano dei giochi online, che da una concessione, ad un casino’ ove le strutture risiedono all’estero, e’ un controsenso, Come fa’ AAMS a controllarli fisicamente, quando ormai sappiamo tutti che i signori casino’ usano un software denominato pitbosshq, in grado di fregare in partenza i giocatori, ????
    E sopratutto come nel caso del casino di Williamhill che ancora ha un codice fiscale numerico, ricordo che vengono dati i codici fiscali numerici per inizio attivita’ e per legge entro sei mesi devono avere quello alfanumerico, ovvero per la piena regolarita’, a tuttora questo casino’ risulta ancora con codice fiscale numerico, ma ora veniamo alla mia storia, nel 2014 vinco 240 mila euro in questo casino’, la sera del 10 febbraio chiudo, richieendone 8000 euro, e l’indomani mattina, rientro per giocare nel mio conto, ed ops risulta chiuso, chiamo alla mia vip manager, e lei mi dice che qualcuno e’ entrato nel mio conto, (domanda) come mai questo e’ potuto succedere, ma non hanno sistemi cosi sofisticati in grado di bloccare eventuali intrusioni, e questo non lo dico io ma il contratto, faccio denuncia del fatto,in quanto risultava dalla somma un ammanco ingente di soldi, e la stessa vip manager asserisce che qualcuno e entrato nel mio conto giocando, nella piattaforma di poker, cosa da me mai fatta, in quanto giocatore di roulette esclusivo, comunque, fatto denuncia dopo circa sei mesi, il giudice richiede l’archiviazione, con questa motivazione, per costose rogatorie all’estero non possono effettuarsi le indagini, facciamo ricorso, ma all’udienza viene rigettata, avvallando la prima ipotesi, non possono effettuarsi indagini per costose rogatorie all’estero, e qui la cosa e’ veramente ridicola, se AAMS e organo di controllo dei giochi online, era prima cosa da fare da parte degli investigatori, chiedere ad AAMS, comunque alla fine mi chiudono anche il conto, e mi dicono che non posso piu riaprirlo, ora mi chiedo, ma esiste una giustizia in italia, NO NON ESISTE – AAMS che ruolo ha in questo mangia mangia, perche’ di questo si tratta, ma non mi daro’ per vinto, dovranno darmi i miei soldi, e scopriro’ la truffa che mettono in atto, e sono tutti daccordo questo e certo, dal canto mio, sono stato a riga in lettonia, presso i loro studi televisivi, e contattai una croupier che lavorava li, e tutto mi ha raccontato, io da persona intelligente ho fatto video di quanto venuto a conoscienza, e posso grantirvi, che e’ tutta una truffa, l’italia si sta impverendo e sta formando sempre piu giocatori incalliti, per colpa loro, almeno se giocassero ad armi pari, avrebbero gia’ chiuso, poiche esiste una minoranza che riesce a vincere con costanza, capendo di come fanno, e quindi attuare il contrario, posso concludere dicendo VERGOGNATEVI come voi avete scritto, il dottor Rodano, da controllore dirigente, ora e passato, da coloro che controllava, una persona, molto utile, in tutti i sensi, e con i soldi si compra tutto e tutti questo e certo,
    spero che la mia storia sia visibile in piu posti possibili la gente deve aprire gli occhi,

  2. stravato giuseppe ha detto:

    PERCHE MI AVETE LEVATO IL COMMENTO, ANCHE VOI DALLA LORO PARTE, MI FATE RIDERE E SCONCERTANTE VERAMENTE PENOSO, MA LA VERITA VERRA A GALLA MOLTO PRESTO, UNA BOMBA ATOMICA SUCCEDERA, QUESTO E CERTO, LE PROVE IN MIO POSSESSO , CERTIFICANO LA MALAFEDE DI CHI CONTROLLA E DI CHI HA AVUTO LE CONCESSIONI, A SCAPITO DEI POVERI GIOCATORI VERGONATEVIIIIIIIIIIIIIIII

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *