Ripple: cos’è, come funziona, come investire e acquistare

Ripple

La nuova criptovaluta Ripple si propone come alternativa ancora più affidabile del Bitcoin; vediamo insieme cos’è come funziona, quali sono i suoi vantaggi e sopratutto quanto vale.

Cos’è Ripple, come funziona e quali sono le sue differenze principali con il Bitcoin, la criptovaluta più famosa?

Ripple è una criptovaluta presente dal lontano 2013, che insieme ad Ethereum rappresenta l’alternativa vera ed affidabile al Bitcoin. Come tutte le varie criptovalute presenti nel mondo, il Ripple non è una valuta “Presente in natura” ma bensì esiste grazie alla rete.

Per Ripple si intende la valuta XRP che la rete dove questa criptovaluta opera. Vediamo quindi insieme tutte le numerose caratteristiche di questa criptovaluta, analizzando il funzionamento e le differenze principali con il Bitcoin.

Recentemente, le oscillazioni della criptovaluta Bitcoin hanno portato le criptovalute su tutte le prime pagine dei quotidiani finanziari. La grande crescita del Bitcoin, direzionato ormai per il superamento della resistenza posta a 2000 dollari/BTC, ha riportato nuovamente una grandissima attenzione al mondo delle criptovalute e quindi ovviamente per le soluzioni non più alternative come Ethereum e Ripple. Sono in molti quindi a chiedersi che cosa sia Ripple e perché viene considerato come l’investimento alternativo più intelligente da fare in questo momento.

Vediamo quindi cos’è e come funziona nel dettaglio Ripple, cercando di capire i suoi vantaggi ma anche i suoi svantaggi. Ecco una guida completa di Ripple, l’alternativa numero 1 al Bitcoin.

Ripple Storia

Ripple (XRP) è una valuta digitale che in realtà non esiste in modalità materiale, ma funziona completamente su internet. Si tratta di una valuta che è in circolazione dal lontano 2013, con un protocollo che fu fondato da Chris Larsen e da Jed McCaled: OpenCoin.

Ripple ha come scopo principale l’eliminazione degli ostacoli e delle numerose difficoltà incontrate dagli sviluppatori con il Bitcoin. Ripple ha quindi come obiettivo principale il sistema P2P per abbassare (se non eliminare) i costi di intermediazione sulle transazioni finanziarie (come ad esempio i costi di intermediazione che solitamente applica una banca oppure una carta di credito).

Come Funziona Ripple

Proprio come il Bitcoin, Ripple opera in un ambiente completamente decentralizzato all’interno di una rete aperta (Open Source). Questo significa che gli sviluppatori hanno la possibilità di modificare oppure di intervenire in base alle normative di utilizzo ed emissione di questa criptovaluta. Ripple rappresenta sia la rete che la criptovaluta stessa.

Le transazioni effettuate con Ripple non sono rintracciabili (mentre in realtà con il Bitcoin sono presenti dei registri di transazioni, i cosiddetti ledger) che consentono di vedere tutti gli scambi.

Un elemento molto importante della rete del Ripple è la possibilità di scambiare denaro e trasferirlo senza continuità di forma. È quindi possibile trasferire euro ad un destinatario, che riceverà euro.

Ripple è composto essenzialmente da tre parti:

  • Network di pagamenti
  • Borsa
  • Valuta

Come funziona quindi questo grande ecosistema? Per capire Ripple, è possibile considerarlo come una versione più evoluta delle attuali banche, grazie al suo funzionamento e fiducia.

Ripple funziona sul meccanismo della fiducia, che viene messo in pratica tramite i crediti IOU (che sono a tutti gli effetti le valute reali).

Ciò che viene inviato all’interno del network, sono dei crediti che vengono poi “convertiti” nei “gateway Ripple”. Tutte le transazioni quindi (che possono anche essere chiamati debiti) devono avvenire tra soggetti che hanno stretto un legame di fiducia. Le transazioni di Ripple sono irreversibili, gratuite e sopratutto istantanee.

La valuta Ripple è a tutti gli effetti l’unica valuta che è all’interno della rete Ripple, la modalità per misurare lo scambio dei crediti IOU. Se si vuole spedire quindi degli Euro ma si possiede soltanto Dollari, il destinatario comprerà i miei IOU in dollari per un totale prestabilito di Ripple, vendendo IOU in Yen per altri Ripple. Questo è il modo in cui funziona Ripple e questo sistema di criptovaluta.

Ripple funziona soltanto all’interno del sistema Ripple. La valuta è divisibile fino a sei decimali e tutti i Ripple sono stati creati fino ad un numero massimo di 100 miliardi.

Investire in Ripple

Ripple, insieme a Bitcoin ed Ethereum, è una delle tre criptovalute che più hanno visto il loro valore e capitalizzazione crescere durante l’ultimo anno.

Il miglior modo per scegliere una piattaforma di trading che consenta di investire in Ripple, è quello di scegliere broker regolati.

AvaTrade (clicca per andare sul broker) ad esempio, è una piattaforma di trading regolamentata Banca centrale d’Irlanda con Numero di licenza C53877). che si dimostra quindi come un broker attento a soddisfare i suoi clienti, fornendo anche la possibilità di commerciare i gli asset più richiesti dagli utenti.

AvaTrade (clicca per andare sul broker) è un broker di trading online che consente il trading di contratti Forex e CFD. Questa piattaforma ha inoltre annunciato da pochissimo tempo l’inserimento di 3 monete digitali in grande crescita, tra cui appunto proprio il Ripple. È possibile investire sia al rialzo che al ribasso (senza commissioni) grazie ad AvaTrade. Clicca qua per leggere le opinioni su AvaTrade.

Valute come Ripple, Bitcoin ed Ethereum hanno registrato un aumento imponente, anche del 1.000-4.000% durante l’ultimo anno. Si tratta di un rendimento che ha portato sempre più persone all’interno di questi mercati, che ha quindi consentito di spingere AvaTrade (clicca per andare sul broker e fare trading in demo gratuita oppure in modalità reale gratuita con la piattaforma) ad offrire questi nuovi mercati.

Ripple valore, Ripple Quotazione

Ripple valore, Ripple Quotazione

Ripple valore, Ripple Quotazione

Nell’ultimo anno, il valore di Ripple è cresciuto di pari passo insieme a quello del Bitcoin. Notiamo però che Ripple è ancora molto più “acerbo” in quanto il movimento rialzista è iniziato effettivamente da fine Aprile 2017, passando da pochi cents fino ad oltre 30 centesimi. I presupposti per una crescita ci sono tutti.

Ci sarà da vedere se i vantaggi del Ripple, come la grande velocità e la possibilità di tracciare qualsiasi valuta possibile e l’attività di mining limitata, invoglieranno gli investitori a sceglierlo quando è presente già una realtà così affermata come il Bitcoin ed un acerrimo competitor come Ethereum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *