Trading

Robinhood Markets, app di trading conviene? [recensioni 2020]

Robinhood è un’applicazione per il trading online che consente a chiunque di investire in azioni e fondi quotate sulle borse USA senza pagare una commissione. Visto che molte delle più famose piattaforme di trading applicano commissioni molto elevate, Robinhood è diventata molto famosa e ha conquistato un grande pubblico, soprattutto tra i più giovani.

Ma conviene davvero fare trading su Robinhood? Che cosa ci guadagna a offrire il trading senza commissioni?

Da sempre Mercati24 è dalla parte dei trader e degli investitori, nel corso degli anni abbiamo smascherato truffatori di ogni tipo e abbiamo consigliato chi vuole investire senza errori e senza farsi fregare.

Nel caso di Robinhood abbiamo deciso di vederci chiaro, visto che ci sono troppi elementi stonati: da un’indagine della SEC (la CONSOB americana) fino alla terribile storia di un ragazzo che si è suicidato per le perdite subite con Robinhood.

Per capire meglio i pro e i contro di Robinhood lo abbiamo confrontato anche con altre app di trading, anche queste senza commissioni.

Un esempio? eToro, una delle piattaforme di trading più utilizzate al mondo. Oltre a essere gratuita e facile da usare, consente addirittura di copiare in modo automatico quello che fanno i migliori trader del mondo. In questo modo, anche un principiante ottiene da subito gli stessi risultati di un professionista e può persino imparare a fare trading proprio osservando in diretta quello che fanno i migliori.

Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

Robinhood, dati di base

Qui sotto, i dati fondamentali dell’azienda Robinhood Markets Inc:

Nome commerciale
Robinhood
Società madre
Robinhood Markets Inc
Fondazione
18 aprile 2013
Fatturato
180 milioni USD (2020)
Patrimonio gestito
20 miliardi USD
Sede centrale
Menlo Park, California, Stati Uniti
Fondatori
Baiju Bhatt, Vladimir Tenev
Consociate
Robinhood Snacks, Robinhood Financial LLC, Robinhood Securities, LLC, Robinhood Crypto, LLC
Modalità di accesso
Sito web, App iPhone, App Android, App Apple Watch

Robinhood, cronaca di un successo annunciato

Robinhood è riuscita, in poco più di 5 anni dalla sua fondazione, ad ottenere un successo innegabile. Negli USA è una delle App di trading più usate e probabilmente molto presto diventerà famosa anche nel resto del mondo.

A cosa si deve questo successo? Sicuramente ad un marketing fatto veramente bene. E’ evidente che chi ha creato l’applicazione è un genio del marketing.

Il nome stesso dell’applicazione  è un capolavoro: fa riferimento al famoso Robin Hood, il leggendario bandito che rubava ai ricchi per dare ai poveri. In pratica, i creatori di Robinhood vogliono far passare il messaggio che loro aiutano i poveri (i trader e gli investitori) a sfuggire dalle grinfie delle banche e delle piattaforme di investimento che applicano commissioni.

Il motto di Robinhood è “Investimenti per tutti”: in pratica si propone l’obiettivo di consentire a tutti di comprare azioni senza pagare commissioni e in modo facile.

In particolare:

  1. Non ci sono commissioni da pagare, almeno in generale. In ogni caso, consigliamo di leggere bene le condizioni scritte in piccolo perché alcune operazioni sono a pagamento.
  2. Consente di fare operazioni con solo 1 dollaro (Fractional Shares): questo è importante perché ci sono azioni (ad esempio le azioni di Amazon) che hanno una quotazione di molte migliaia di dollari. Grazie a questo meccanismo, è possibile acquistare solo una frazione dell’azione. Attenzione: questi Fractional Shares sono assolutamente illiquide al di fuori di Robinhood e non sono in nessun caso trasferibili.
  3. L’accesso al mercato è in tempo reale.

Commissioni

In pratica, Robinhood è una soluzione che sembra adatta a vuole investire piccole somme. Le commissioni di trading, infatti, sono particolarmente dannose per chi ha un piccolo capitale da investire.

Per dire, con Fineco, una delle piattaforme più famose in Italia (perché è forse quella che investe di più in pubblicità), si pagano 7 euro di commissioni fisse ad operazione. Chi inizia con un capitale di 250 euro brucia l’intero capitale in commissioni in poco più di 30 operazioni. Insomma, l’unico modo di fare trading con un piccolo capitale è non pagare commissioni.

Fractional Shares

Un altro vantaggio di Robinhood è la possibilità di investire in quote di un’azione (Fractional Shares). Chi inizia a investire con 250 euro, per dire, non potrebbe nemmeno comprare un’azione Amazon. Con le Fractional Shares si possono fare operazioni a partire da 1 euro.

Marginazione

Robinhood fa ancora di più per coloro che vogliono investire in azioni ma hanno solo piccole somme a disposizione: offre un servizio di marginazione.

In pratica, presta ai trader una parte dei soldi necessari per fare un’operazione di Borsa. Ad esempio, supponiamo che un cliente voglia comprare azioni per 10.000 euro ma disponga sul conto solo di 1.000 euro: Robinhood presta i 9.000 euro mancanti e i 1.000 euro del cliente sono detti margine.

Attenzione: la pratica della marginazione è molto redditizia per Robinhood ma è estremamente rischiosa per i trader. Almeno un caso di suicidio è legato proprio a questa pratica (ne parleremo più avanti) ma secondo alcune indagini indipendenti ci sono anche altri casi di giovanissimi trader che si sarebbero suicidati a seguito di perdite folli dovute proprio alla marginazione.

Mercati disponibili

Con Robinhood è possibile investire su:

  • Azioni
  • ETF
  • Opzioni
  • Criptovalute

Insomma, una soluzione che sembra completa, affidabile e facile da usare per iniziare a investire sui principali mercati finanziari. Ma è davvero così?

Come guadagna Robinhood

Fino a questo momento abbiamo insistito sulla caratteristica apparentemente più importante di Robinhood: l’assenza di commissioni. Ma come fa allora a guadagnare?

Dopo tutto sono necessari forti investimenti per creare e mantenere la tecnologia e ci sono i costi di negoziazione. E poi c’è il marketing martellante per attirare sempre nuovi clienti. Chi paga?

Per prima cosa, è opportuno ricordare che non tutte le operazioni sono esenti di commissioni. Scavando nel sito si scopre che ci sono fee da pagare per fare determinate operazioni. Ovviamente l’utente medio non lo fa, accetta termini e condizioni senza leggere nulla e poi magari nemmeno si accorge quando gli vengono addebitate queste commissioni.

In ogni caso, Robinhood dichiara di avere due fonti di reddito principale:

  1. Interessi maturati sui soldi depositati dai trader
  2. Interessi pagati dai trader per operazioni a margine

In realtà, pare che Robinhood abbia a disposizione anche un’altra fonte di reddito estremamente abbondante: la vendita dei dati delle operazioni dei clienti ad operatori di trading ad alta frequenza.

In pratica, l’App comunica agli operatori di trading ad alta frequenza le operazioni immesse dai clienti ancora prima di eseguirle. Questi operatori ad alta frequenza sono molto veloci e possono quindi eseguire l’operazione prima del cliente (qualora lo ritengano profittevole).

E’ facile intuire come questa pratica possa danneggiare il cliente e infatti la SEC (la CONSOB americana) indaga. In pratica il trading con Robinhood è (quasi) gratis perché il prodotto alla fine è proprio il trader che viene venduto al miglior offerente.

Migliori alternative a Robinhood

Fino a questo momento abbiamo descritto, nel dettaglio, cos’è Robinhood e come funziona. La realtà è che non si tratta della prima piattaforma di trading che non applica commissioni.

Da più di 10 anni anche i piccoli trader hanno la possibilità di fare trading senza pagare commissioni e quindi hanno la possibilità di iniziare con piccole somme (di solito 250 euro).

Abbiamo selezionato le migliori piattaforme di trading per i principianti. Sono tutte senza commissioni ma, a differenza di Robinhood, guadagnano in modo più trasparente, grazie agli spread. Uno spread è una minuscola differenza tra il prezzo a cui è possibile comprare un’azione (o qualunque altro titolo finanziario) e quello a cui è possibile venderlo.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro

    eToro è forse la migliore alternativa per coloro che vogliono cominciare a investire senza commettere errori. Non solo è sicura, facilissima da usare e gratuita al 100%. E’ anche l’unica piattaforma di trading che consente di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno i migliori trader del mondo.

    Come? Grazie all’innovativo software Copytrader che consente di selezionare i migliori trader del mondo in base ai profitti realizzati in passato. L’utente di eToro può quindi selezionare i trader che vuole copiare e sarà il software a replicare, in tempo reale, tutte le operazioni.

    Non è un caso che eToro sia veramente la scelta preferita dei principianti e abbia raggiunto l’incredibile numero di 16 milioni di clienti soddisfatti.

    Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

    ForexTB

    ForexTB è l’altra opzione vincente per chi vuole iniziare a investire senza commettere errori. E’ una piattaforma sicura, gratuita e semplicissima da usare. Tra i vantaggi principali di ForexTB c’è la possibilità di farsi guidare al telefono gratuitamente, passo a passo, da un vero esperto di trading.

    Per chi vuole imparare c’è la possibilità di scaricare gratuitamente un ottimo corso di trading che spiega veramente tutto quello che c’è da sapere.

    Il corso ha avuto centinaia di migliaia di download perché è:

    1. Gratuito, mentre molti altri corsi sono a pagamento e costano anche troppo.
    2. Completo
    3. Facile da leggere, anche per chi non sa veramente nulla di trading
    4. Orientato alla pratica

    Puoi scaricare gratis il corso ForexTB cliccando qui.

    Se tutto questo non basta, con ForexTB si ha anche a disposizione un ottimo conto demo che consente di simulare il trading in modo realistico. Grazie alla demo di ForexTB si può fare esperienza senza nessun tipo di rischio.

    Puoi iscriverti gratis su ForexTB cliccando qui.

    Robinhood opinioni e recensioni

    Robinhood ha senza dubbio il merito di aver innovato il trading online e anche, perché no, di averlo fatto conoscere al grande pubblico. Le recensioni di Robinhood però non sono positive, basta controllare su siti indipendenti come TrustPilot per rendersi conto che chi ha provato l’applicazione non ne è rimasto così soddisfatto.

    Per prima cosa, c’è il modello di business di Robinhood che non è chiaro: spingono tutto il loro marketing sul fatto che è tutto gratis, ma poi ci sono costi espliciti o impliciti da pagare.

    I rischi di Robinhood

    In secondo luogo, c’è la questione del rischio di trading: il trading online è una forma di investimento particolarmente redditizia, ma ci sono anche dei rischi di cui tener conto.

    Esistono tecniche specifiche per controllare i rischi come lo stop loss o il money management. Purtroppo i principianti che si iscrivono su Robinhood vengono spinti a fare trading prima possibile, senza nessun tipo di formazione.

    In pratica i clienti di Robinhood iniziano spesso a fare trading come se stessero facendo delle scommesse sportive. Qualche volta possono anche guadagnare, ma senza un’adeguata politica di controllo del rischio nella maggior parte dei casi perderanno tutto.

    Questi rischi sono poi ingigantiti dalla promozione, in modo indiscriminato, di uno strumento rischioso e complesso come la marginazione.  In pratica, Robinhood presta soldi ai suoi clienti perché possano usarli per fare trading. A Robinhood conviene, perché incassa sostanziosi interessi su questi prestiti, ma se i clienti perdono diventano poi di somme davvero immense.

    Questo rischio ci viene ricordato anche dalla triste vicenda di Alexander Kearns, un ventenne che si è suicidato perché pensava di aver perso più di 750.000 dollari facendo trading di opzioni usando la marginazione. La vicenda è resa ancora più crudele dal fatto che Alexander Kearns stava comunque guadagnando con altre operazioni ma per l’eccessiva complessità dell’interfaccia di Robinhood non se ne era nemmeno reso conto.

    Per completezza dobbiamo aggiungere che dopo questa terribile vicenda, le autorità hanno costretto Robinhood a rendere almeno un po’ più chiara l’interfaccia di trading per le opzioni.

    Indagine SEC su Robinhood

    La SEC (Securities and Exchange Commission) è l’ente federale che si occupa di vigilare sulla Borsa valori. In pratica è l’equivalente della nostra CONSOB.

    La SEC sta indagando sulla pratica (pesantemente scorretta) di vendere gli ordini effettuati dai clienti a società terze attive nel trading ad alta frequenza. La SEC giustamente teme che questa vendita sia lesiva degli interessi dei clienti.

    E’ molto probabile che l’indagine si concluda con una pesante multa o con la denuncia del management di Robinhood.

    Come iniziare a fare trading nel modo giusto

    Ecco come iniziare a fare trading online in modo sicuro e senza errori:

    1. Scegli una piattaforma sicura, affidabile, senza commissioni  che non venda i tuoi dati a trader ad alta frequenza.
    2. Tieni sempre in mente che non stai giocando: il trading è un investimento serio
    3. Studia una buona guida (quella di ForexTB è eccezionale ed è gratis)
    4. Metti in pratica con un conto demo, cioè con denaro virtuale. In pratica, puoi fare esperienza senza rischiare nulla
    5. Inizia con piccole somme, di solito 250 è un capitale iniziale più che sufficiente.
    Robinhood

    Conclusioni

    Moltissimi clienti hanno cominciato a fare trading con Robinhood. Il grande merito di questa applicazione è proprio quello di aver fatto conoscere a moltissime persone i grandi vantaggi dei mercati finanziari.

    Tuttavia, il trading online non è un gioco o una scommessa: chi vuole cominciare deve farlo in modo consapevole, sapendo quello che sta facendo.

    In questo articolo abbiamo spiegato cos’è Robinhood e perché non è la soluzione ideale per fare trading. I rischi sono eccessivi, soprattutto se il trader non ha una preparazione adeguata.

    Abbiamo anche presentato alcune piattaforme di trading come eToro o ForexTB che, pur non applicando commissioni come Robinhood, hanno un modello di business molto più trasparente (non vendono i dati dei clienti ai trader ad alta frequenza).

    Queste piattaforme sono particolarmente consigliate ai principianti perché offrono corsi gratuiti, servizi di assistenza telefonica e, con eToro, la possibilità di copiare automaticamente i migliori.

    Che cos’è Robinhood?

    Un’applicazione di trading che (apparentemente) non applica commissioni.

    Come guadagna Robinhood se non applica commissioni?

    In realtà ci sono commissioni da pagare su alcune operazioni. Inoltre guadagna dagli interessi sui soldi che presta ai trader (marginazione). Infine, la SEC sta indagando su Robinhood perché guadagna vendendo i dati delle operazioni dei clienti a trader ad alta frequenza.

    Robinhood è sicuro?

    L’applicazione, ovviamente, non ruba soldi dai conti dei clienti. Tuttavia è importante capire che il trading, soprattutto se si opera con la marginazione, può essere estremamente rischioso.

    Qual è la migliore alternativa a Robinhood?

    Probabilmente eToro che, tra le altre cose, consente anche di copiare in modo completamente automatico quello che fanno i migliori trader del mondo.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    1 Commento

    • Brutta storia quella di robinhood. In pratica, non paghi commissioni ma tutti i profitti di trading che eventualmente ti saresti preso se li prendono i trader ad alta frequenza che comprano i dati. Poi il tipico trader di Robinhood non capisce un amato ca**o, semplicemente fa trading a caso e perde. Poi sviluppa pare qualche bella dipendenza patologica, giustamente prende il trading come una scommessa.
      Lasciate perdere. Se non sapere che cos’è il trading online meglio che non lo fate. Oppure decidete di imparare, vi studiate un bel corso o vi mettete a osservare con etoro quello che fanno i professionisti. Per fare questo ci vuole tempo e impegno, il problema delle nuove generazioni e che non hanno tempo perché passano il tempo davanti al cellulare e non hanno voglia di impegnarsi perché hanno avuto tutto fin dalla nascita.

    Lascia un commento