Scende il surplus di bilancio in Europa

Non moltissimi siti di trading online trattano il surplus, dato importantissimo per chi vuole capire nel profondo le dinamiche macroeconomiche delle nazioni.  La Bilancia Commerciale (in inglese Trade Balance) è essenzilamente la differenza tra il valore delle esportazioni ed anche le importazioni di merci, ed è un importantissimo dato che smuove in maniera importante i mercati forex.

Finalmente iniziano ad arrivare delle news macroeconomiche importanti dall’Europa, in quanto l’eurostat ha finalmente confermato come l’Unione Europa, e il suo surplus della bilancia commerciale, è diminuito per quanto riguarda l’anno 2014. Si tratta della prima volta in ben 5 anni che il surplus del bilancio scende.

Il surplus è quindi pari a 162,9 miliardi di euro rispetto ai 175,6 miliardi di euro nel 2013, e le cifre riflettono un aumento delle importazioni nell’UE, in contrasto con il volume delle esportazioni scambiate.

Le importazioni sono cresciute di un totale di 544 miliardi di euro nel 2.013, contro i 602 miliardi di euro nel 2014, con un incremento dell’11%.

Il volume di crescita delle importazioni ha superato quello delle esportazioni, che sono aumentate del 6%, passando da 719,6 miliardi di euro nel 2.013 a 764 mld di euro nel 2014.

I servizi che hanno contribuito di più per il surplus commerciale sono stati il settore finanziario, che hanno creato un ulteriore aggiunta di 40,1 miliardi di euro, mentre i servizi ICT sono al secondo posto, con la creazione di un surplus di 38,8 miliardi di euro.

Altri servizi alle imprese hanno raggiunto un totale di 31,8 miliardi in più di euro, mentre il comparto assicurativo e le industrie delle pensioni e dei trasporti, sono aumentate rispettivamente di 20,4 miliardi di euro, e 18,7 miliardi di euro.

Mentre l’unico deficit significativo è stata trovato nell’uso della proprietà intellettuale, che ha registrato una perdita di 19 miliardi di euro.

Il commercio del surplus di bilancio negli Stati Uniti è sceso nettamente, dal 17,1% nel 2013 al 6,6% nel 2014, mentre l’UE ha importato 25,1 miliardi di euro in più di servizi nei due anni in questione.
Il più grande surplus è con i paesi dell’EFTA, con un totale di 58,6 miliardi di euro in profitti.
Le eccedenze comunitarie sono poi state raggiunte con la Russia, e ammontano a 16,5 miliardi di euro, con il Giappone invece a 10,5 miliardi, e con il Brasile sui 7,5 miliardi di euro.
L’unico deficit con i principali partner commerciali dell’UE è stato trovato con la nazione di Hong Kong, anche se solo di un esile 0.1 mld.

One Response to Scende il surplus di bilancio in Europa

  1. Carla Moscati ha detto:

    Le importazioni crescono, già questo ci fa capire che siamo sul viale del tramonto, un declino che può essere più o meno attenuato da qualche politica monetaria accomodante ma che non ha soluzione se non quella di ricominciare a lavorare sul serio. Pancia a terra, cinghia ben stretta e lavorare come matti per esportare. Questa è l’Europa che vincerebbe la sfida globale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *