Spike su EUR/USD, i mercati tremano di nuovo.

La coppia EUR/USD è cresciuta di ben il 9% da quando la Banca Centrale Europea ha fatto partire il suo quantitative leasing a Marzo, toccando il massimo degli ultimi 3 mesi proprio nella giornata di oggi, a 1.1450. Nello stesso periodo, il dollaro statunitense ha perso più del 10% del suo valore. Il declino nel valore del dollaro statunitense è accelerato durante le ultime settimane, in quanto nel secondo quarto miglioramento dell’economia non c’è stato, anche se fu previsto dal grande capo FED, Yellen.

Plus500

In concomitanza, la Federal Open Market Committee ha mantenuto il silenzio circa il periodo in cui ci sarà un innalzamento dei tassi d’interesse, inizialmente previsto per Giugno e poi rimandato a Settembre. Un membro della FOMC ha finalmente parlato questa mattina, specificando che la politica monetaria della Federal Reserve è estremamente cambiata durante questi mesi, tuttavia la sua visione è molto distante da quella del congresso.

Intanto, in un discorso tenuto a Stoccolma questa mattina, il presidente della Federal Reserve Bank di Chicago, Charles Evans, ha fatto scattare l’enorme vendita di dollari, dando forza alla possibilità di un Quantitative Easing a partire dal 2016. Evans ha suggerito che sarebbe possibile far passare l’inflazione addirittura al di sopra del target del 2%. Il tasso d’inflazione è negativo dal 2015. Questa idea propone quindi di allentare l’intervento monetario, per lasciare più spazio di crescita all’economia.

La volatilità sulla coppia EUR/USD è aumentata drasticamente questo lunedì. Del resto, accade quasi sempre, la volatilità arriva quando meno te lo aspetti. Per questo è necessario essere sempre pronti, con uno stop loss sempre bello stretto, per evitare sorprese nel nostro portfolio.

euro dollaro

I dati sulle vendite al dettaglio degli stati uniti hanno permesso a questa coppia di spiccare il volo negli ultimi giorni.

Invece, la prospettiva di un maggiore debolezza del dollaro ha portato a mercato molte più posizioni short, in copertura delle long. Questa copertura in posizioni di vendita, sta creando una resistenza da 1.14 in giù.

Adesso, in queste ore pomeridiane, il mercato si sta precipitando verso il basso a testare il supporto di 1.13. Come potete vedere dall’immagine, dove è possibile vedere anche la nostra posizione, noi stiamo provando una posizione di vendita da 1.13555, in questo momento profittevole di quasi 10 pips. Chiuderemo in take profit a 1.1322, portando a casa 50 dollari di profitto. Per adesso nessun valore di stop loss, che provvederemo ad inserire nelle prossime ore.

2 Responses to Spike su EUR/USD, i mercati tremano di nuovo.

  1. Fabio Pincigallo ha detto:

    Ottimi segnali, ottime operazioni chiuse con profitto, siete grandi Mercati24!

  2. Carlo Botta ha detto:

    Occasione facile facile per fare un bel profitto, siete grandi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *