Criptovalute

Stablecoin: Cosa sono e quali sono i vantaggi?

Sempre più spesso nell’ecosistema delle crypto si sente parlare di Stablecoin. Di cosa si tratta? In questo articolo offriremo un punto di vista competente, affidabile ed oggettivo su ciò che promette di essere una sorta di rivoluzione 2.0 per tutta la galassia delle criptovalute.

Anche se il termine è preso a prestito dall’Inglese, Stablecoin ha una forte assonanza con il termine “stabile“. Ebbene, l’obiettivo finale è proprio questo: rendere stabili le criptovalute. Questi Token si sono trasformati in un vero e proprio Asset di investimento prima nel 2016 e successivamente nel 2019 con l’entrata in campo di numerosi investitori istituzionali.

Tuttavia, Bitcoin&co ancora non hanno superato il definito esame di maturità per essere completamente accettate dai grandi fondi di investimento e dai singoli investitori retail, proprio per via della (eccessiva) volatilità che le caratterizza. Eppure, non è un mistero che coloro che hanno investito su questi Token con piattaforme certificate come eToro hanno realizzato profitti da capogiro!

In questo articolo faremo quindi chiarezza su numerosi temi che riguardano le crypto, nello specifico riguardanti gli Stablecoin e le loro potenzialità. Ecco dove trovare i principali Token ed investire su di essi partendo da un conto Demo e con capitale virtuale:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    79.20 % dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: plus500
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Stablecoin: Cosa sono?

    Considerate da molti analisti come una “nuova generazione” di criptovalute, gli Stablecoin sono dei Token che hanno l’obiettivo di ridurre al minimo la volatilità tipica delle valute digitali. In che modo? Tramite l’ “aggancio” dello stablecoin in questione ad un Asset presente nell’economia reale.

    L’idea non è di certo originale, dal momento che anche in passato valute importanti come il Dollaro erano agganciate ad Asset come l’oro. Questo garantiva una discreta stabilità per il biglietto verde sui mercati, complice anche il fatto di poter stampare moneta solo in relazione alle riserve aurifere.

    Traslando questo concetto ai giorni nostri, dobbiamo ipotizzare una criptovaluta legata all’andamento dell’oro, del Dollaro o di altri Asset a scelta. Insomma, evitare una fluttuazione libera ed incontrollata che tanti problemi ha creato al Bitcoin. Non ultimo, il crollo verificatosi a seguito del Coronavirus.

    Insomma, gli ideatori di questo sistema auspicano che ancorando lo Stablecoin ad un Asset tradizionale si potranno limitare le oscillazione, garantendo maggiore stabilità a tutto l’ecosistema.

    Stablecoin: Possibili scenari

    Risulta chiaro che la necessità è quella di “ancorare” la moneta digitale ad un mezzo più stabile. Tuttavia, quali possono essere gli Asset scelti? Ipotizziamo degli scenari.

    Stablecoin con Valute Fiat collateralizzate

    In questo scenario tradizionale, si ipotizza il legame tra lo Stablecoin ed una valuta Fiat, ovvero di corso tradizionale come il Dollaro. Probabilmente è la strada più rapida da seguire, tuttavia il problema deriva dal fatto che un legame 1:1 può risultare difficile da mantenere nel tempo, soprattutto in caso di forti oscillazioni.

    Ancora, questo sistema prevede comunque la presenza di una “terza parte” in grado di svolgere il ruolo di garante. Se parliamo di Dollaro, facile individuare nella FED la terza parte. Tutto ciò rappresenta un problema dal momento che le crypto nascono proprio con l’obiettivo di essere libere da schemi e vincoli tradizionali.

    Insomma, questo significherebbe sconfessare la mission originaria dei creatori del Bitcoin.

    Leggi anche: Comprare Cardano.

    Stablecoin con Valute digitali

    Una soluzione potrebbe essere rappresentata dalla sostituzione di una valuta Fiat con una digitale. Certo, la stabilità non è certo la stessa. Inoltre per mantenere un rapporto 1:1 o simile, ci sarebbe bisogno di una grande quantità di valuta digitale da tenere bloccata a garanzia. Tutto ciò rischierebbe di causare degli Shock simmetrici sui mercati a causa di una inefficiente allocazione delle risorse.

    In definitiva, gli analisti credono poco in questa strada.

    Stablecoin non collateralizzati

    In questo scenario, gli Stablecoin si muovono in una direzione totalmente indipendente attraverso la creazione di una sorta di Banca Centrale digitale. Insomma, ciò che per noi Europei è la BCE guidata in passato da Mario Draghi, verrebbe riproposta in salsa digitale e dotata della possibilità di “coniare” valuta elettronica e/o ritirarla dal mercato proprio come avviene quando si alzano i tassi.

    Qualora si volesse ancorare comunque il valore dello Stablecoin ad un Asset tradizionale, anziché il Dollaro o bene come l’oro, si potrebbe optare per paniere di beni o indici come ad esempio l’indice di Prezzi al consumo. in questo caso specifico, si andrebbe anche ad assorbire l’inflazione in modo rapido ed efficace.

    Risulta chiaro che questa strada è la più affascinante da seguire e probabilmente quella che maggiormente rispecchia la vera natura delle criptomonete. Tuttavia, il cammino è ancora lungo e per realizzarlo in un orizzonte temporale -medio- (5 anni) occorre il verificarsi di alcune basilari condizioni.

    Scopriamo quali nel prossimo paragrafo.

    Approfondisci: Comprare Bitcoin con Paypal.

    Stablecoin: Cosa occorre per il loro lancio

    Un progetto estremamente ambizioso come quello delle Stablecoin richiede il compimento di condizioni fondamentali, soprattutto in materia di sicurezza per gli utenti.

    Analizziamo quindi i principali aspetti da soddisfare:

    • Chiarezza normativa per gli Enti regolatori (anche in caso di Banca Centrale digitale) in materia di poteri decisionali e di intervento per regolare il mercato
    • Sicurezza totale in materia di registrazione ed archiviazione dei dati sensibili degli utenti
    • Governance riconosciuta a livello globale ed operativa anche in ambito intra-settoriale
    • Disposizione di piani di crisi per risoluzione tempestiva di qualsiasi problematica
    • Chiarezza normativa per i regolatori e per gli utenti

    Ovviamente ci sono ulteriori punti sul tavolo della discussione tra promotori di Stablecoin ed autorità di vigilanza. In ogni caso, gli aspetti citati rappresentano una base imprescindibile che occorre soddisfare per poter proseguire oltre nell’implementazione di queste nuove valute digitali.

    Al netto di questioni prettamente normative o comunque di natura tecnica, passiamo ora ad analizzare gli Stablecoin più promettenti sui quali puntare già da adesso.

    Stablecoin

    Leggi anche: I 4 rischi del Bitcoin.

    Stablecoin: Ecco i migliori

    In attesa del via libero definitivo per queste criptovalute “ibride”, analizziamo le migliori che si stanno distinguendo per le buone performance sui mercati.

    Tether

    Ad oggi, lo Stablecoin per eccellenza è Tether (USDT). Tuttavia, non è certo esente da problematiche di varia natura, come quando Bitfinex utilizzo i fondi in USDT per coprire un buco di $850 milioni.

    Anche la sua origine è controversa, dal momento che in principio si affermava che l’Asset di riferimento era il Dollaro. In seguito, queste versione è stata smentita in modo ufficioso, generando ombre su Tether.

    Al netto di queste problematiche, dati alla mano, Tether si sta dimostrando estremamente solido! La sua oscillazione annuale, nonostante il coronavirus, è di -0.2%, praticamente nulla. Deduciamo che la strada da farè magari è ancora lunga, ma se si ricercava stabilità allora Tether ha fatto centro.

    Negozia Tether sulla Piattaforma professionale di eToro

    USDCoin

    Il Token di Coinbase è attualmente la 19ima crypto più capitalizzata al mondo. Anche in questo caso, l’ancoraggio al Dollaro Statunitense funziona, dal momento che in questo anno complicato per la finanza mondiale USDCoin ha avuto un’oscillazione di solo un +0.3%.

    I suoi informatici sono al lavoro per implementare la Blockchain, considerata ancora troppo centralizzzata. un aspetto che limita molto la sua adozione su larga scala. Tuttavia, le premesse ci sono e sono buone.

    Anche questo Token si trova nel paniere di eToro per una negoziazione sicura e senza costi fissi.

    Visualizza qui la quotazione di USDCoin in tempo reale

    Tezos

    Seppur alcuni analisti non la annoverano tra le Stablecoin, per ovviare a questo dilemma i vertici di Tezos stanno pensando di lanciare una nuova crypto con le caratteristiche al 100% di una Stablecoin.

    La forza di Tezos XTZ consiste nella sua Blockchain decentralizzata ed ottima per sviluppare Smart Contract. Sono già tanti gli addetti ai lavori che vedono in Tezos la rivale numero uno di Ethereum. Ad oggi, questa criptovaluta si trova nella Top-10 delle più capitalizzate e viene da un 2019 vissuto alla grande.

    Il suo valore negli ultimi mesi è salito di oltre l’80% e dopo una prevedibile sosta, in molti continuano a scommettere su questa criptovaluta!

    Negozia Tezos XTZ sui mercati in sicurezza e senza commissioni

    Approfondisci: Binance Coin

    Conclusioni

    Una delle prossime rivoluzioni nel campo delle criptovalute sembra essere rappresentata dal concetto di Stablecoin. Lanciare sul mercato valute digitali prive della forte volatilità che caratterizza oggi il Bitcoin (e non solo) è una sfida affascinante che promette di far entrare le crypto nella vita quotidiana di ognuno di noi.

    Il percorso è ancora lungo dal momento che ci sono ostacoli di natura tecnica e soprattutto normativa, non ultimo la creazione di una sorta di Banca Centrale totalmente digitale. In ogni caso, già oggi ci sono numerosi Stablecoin che si sono ben comportati anche durante il crollo causato dal coronavirus. Insomma, il primo battesimo di fuoco è stato superato, ora bisognerà alimentare con criterio questo eccellente progetto.

    Per iniziare ad investire già oggi sui principali Stablecoin come Tether sarà necessario affidarsi ad un operatore serio e professionale come eToro, Broker unico in Italia ad offrire questo servizio. Il tutto, senza applicare nessuna commissione fissa per i clienti. Per iniziare anche da un conto Demo, ecco il Link:

    Piattaforma: etoro
    Deposito Minimo: 200€
    Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Cosa sono gli Stablecoin?

    Con questo termine si indicano valute digitali ancorate ad un Asset tradizionale, come il Dollaro o l’oro, al fine di mantenere stabile il valore.

    Qual’è lo Stablecoin più famoso?

    Ad oggi il più importante è Tether, quarta criptovaluta al mondo per capitalizzazione.

    Come negoziare al meglio gli Stablecoin?

    Sicuramente sulle migliori piattaforme per criptovalute in CFD e non sugli Exchange. Già troppe volte in passato questi Exchange sono stati al centro di scandali.

    Qual’è il miglior Broker di Stablecoin?

    In Italia senza dubbio eToro, Piattaforma Leader nel campo delle criptovalute.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia un commento