Investimenti

Strategie di investimento: guida alle migliori di oggi

L’utilizzo di una strategia di investimento diventa fondamentale quando si hanno obiettivi finanziari ben chiari da perseguire, focalizzandosi sullo studio di un mercato e/o un bene specifico per trarne dei vantaggi personali.

Ognuno può decidere di basare le proprie tecniche in base a numerosi fattori, come la propensione al rischio, i profitti da voler ricavare e la durata dell’investimento stesso.

La guida nasce col presupposto di esplicare perché è importante utilizzare delle strategie di investimento e quali sono quelle più efficienti che possono essere applicate anche dai principianti. In verità, si fornirà un quadro più ampio di ciò che significa investire correttamente anche online: facendo riferimento ad una delle strategie più innovative e popolari del momento, il trading online.

Ricordiamo che per praticare tale disciplina è necessario affidarsi a broker come eToro. Tale intermediario permette di investire e praticare strategie di investimento come la copia automatica di operazioni finanziarie effettuate da professionisti. Di certo un servizio interessante da provare.

Cos’è una strategia di investimento?

Iniziando dalle nozioni basilari, sono numerosi gli utenti che ancora si chiedono: “Cos’è una strategia di investimento?” La risposta è molto più intuitiva di quanto ci si possa aspettare, poiché è una definizione con cui s’indentificano approcci mirati ai mercati finanziari, in modo da operarne per trarne dei benefici personali.

Ciò significa che, ciascun investitore, dovrà tener conto di diverse variabili per elaborare la strategia che più si rivela adatta ai propri scopi. Una volta che il rapporto rischi/profitti sembra rivelarsi proporzionato, o almeno gestibile, si potrà applicare una o più tecnich. Così da ridurre eventuali perdite ed accedere a qualsiasi occasione di mercato, con una maggiore sicurezza alle proprie spalle.

Con ciò, si vuole semplicemente mettere al corrente investitori novizi che le strategie d’investimento sono l’arma migliore che si può utilizzare per ottimizzare, sin da subito, la propria attività finanziaria.

Strategie di investimento classiche: come si crea quella vincente?

Iniziare ad investire significa esporsi non solo alle migliori proposte di mercato, ma anche ai rischi intrinsechi dovuti, principalmente, all’instabilità dei mercati finanziari. La prima parte della guida, vuole rispondere ad un’ulteriore frequente domanda che accomuna numerosi investitori, riguardante principalmente le caratteristiche di una strategia d’investimento.

Prima di tutto, è bene sapere che quando ci si riferisce ad investimenti tradizionali, si parla principalmente di quelli improntati al lungo termine.

Il funzionamento è sempre il medesimo. S’investe una determinata cifra e si attende che il bene rialzi per poter far fruttare il proprio capitale. Naturalmente, se fosse tutto qui, non ci sarebbe bisogno di applicare tecniche e studiare i mercati.

Dunque, una strategia vincente deve assolutamente essere elaborata in base all’investimento scelto. Di norma, si punta al mercato borsistico, selezionando i titoli finanziari che più appaiono promettenti.

In tal caso, bisogna decidere se si vuole negoziare tenendo costantemente sotto controllo l’andamento del mercato, oppure se puntare alle azioni che sembrano promettere bene da qui a pochi anni, applicando strategie d’investimento per il lungo termine passive.

Dopodiché, per una buona strategia bisogna considerare anche il proprio profilo di rischio: quanto si è disposti a rischiare? E’ fondamentale operare sempre senza andare oltre le proprie possibilità economiche, per evitare di registrare perdite a cui non si potrà far fronte. Anche applicare tecniche come il value investing può essere d’aiuto.

Strategie di investimento: la diversificazione

La prima strategia d’investimento, da intendere nel senso più ampio del termine, utile sia per quelli tradizionali che per il trading online, riguarda la diversificazione.

Si tratta di un elemento spesso non considerato da investitori alle prime armi, ma che si rivela davvero efficace per ripartire il proprio capitale con il solo scopo di marginalizzare il rischio. In breve, diversificare significa puntare a diversi beni, contraddistinti da specifiche caratteristiche.

Ad esempio, si potrà attuare una differenziazione accedendo ad un singolo mercato. Se si è interessati ad un evergreen come il mercato azionario, è consigliabile puntare a diverse società. Inserendo nel proprio portafoglio almeno 8/10 titoli, appartenenti a settori diversi, un investitore potrà garantirsi un maggiore equilibrio tra perdite e rendimenti finali.

Per applicare una strategia di diversificazione efficace, bisognerà considerare anche il Paese di destinazione: puntare a titoli internazionali garantisce un maggiore controllo sul proprio capitale, avendo la sicurezza di non esser legati all’andamento di un singolo mercato.

A tal proposito, è importante aprire una parentesi: si potrà ridurre il rischio specifico, ma non quello sistematico. In questo secondo caso, si tratta di una componente costante che accompagna, da sempre, l’attività finanziaria: ogni mercato è soggetto ad influenze e stimoli, che possono causarne crolli o riprese. Per tale ragione, la diversificazione può rivelarsi la prima strategia da applicare per ottenere dei ritorni sicuri, valida per qualsiasi tipologia di investitore.

Strategie d’investimento: quali sono le migliori?

E’ naturale chiedersi quali siano le migliori strategie d’investimento da poter applicare per assicurarsi un’esperienza positiva e, nel tempo, remunerativa. Proseguendo sulla scia degli investimenti classici, si vogliono presentare le tecniche più apprezzate, ma anche più utilizzate in quanto risultano fattibili anche se si è poco esperti del settore.

Si ricorda che, seguire una semplice strategia non è sufficiente: investire richiede anche saper gestire le proprie emozioni e riuscire a riconoscere quando un’opportunità è all’altezza delle risorse disponili, oppure è meglio lasciar correre.

Strategie d’investimento: il value investing

La prima personalità ad introdurre la strategia d’investimento conosciuta come “value investing” fu Benjamin Graham, un economista londinese. Questa rientra tra le più semplici da poter applicare, poiché consiste nell’acquisto di titoli a prezzi bassi, rivendendoli quando il proprio valore incrementerà, a costi più elevati.

In questo caso, per la selezione dei titoli, si consiglia di ricercare società che stanno vivendo delle flessioni negative momentanee, oppure quelle che sono sottovalutate ma presentano ampi margini di crescita. Come si può ben comprendere, è una di quelle tecniche da utilizzare per il mercato borsistico, considerando esclusivamente quelle compagnie che presentano determinate caratteristiche:

  • Dividendi: pagati regolarmente e in crescita su base annuale, che si traducono in una sorta di reddito per gli azionisti che hanno dato fiducia all’azienda;
  • Modello business strategico: è fortemente consigliabile investire su titoli che richiamano un brand ben consolidato, con un business plan strutturato verso una crescita futura. Ad esempio: comprare azioni McDonald o Coca Cola.

In tal caso, eseguire una corretta analisi fondamentale, sarebbe una scelta ottimale per attuare una strategia di value investing consapevole, includendo solo quei titoli che appaiono più propensi ad una crescita esponenziale.

Nel caso in cui non si fosse certi della validità di tale strategia, sarebbe interessante dare un’occhiata al profilo dell’investitore che ne ha sancito nuovamente il successo: Warren Buffett, uno dei più noti del settore.

Strategie di investimento: il growth investing

Un’altra strategia ampiamente diffusa è conosciuta come “growth investing” ed è totalmente opposta a quella citata pocanzi. Per chi mastica l’inglese, sarà già facile intuirne il significato: è una tecnica che si focalizza sull’apprezzamento dei capitali.

Per esser più specifici, implica una selezione delle società che presentano una crescita rapida, soprattutto per il settore che occupano. In questo caso, gli investitori ricercano le migliori start up che operano nel settore tecnologico, ma anche delle telecomunicazioni o, comunque, in quei campi che appartengono al cosiddetto “net economy”.

Bisogna prestare attenzione ad una particolarità tipica del growth investing: non sempre la società che presenta, al momento della scelta, rendimenti più elevati è quella che offrirà maggiori chances di guadagni. E’ per questo motivo che la strategia in questione è molto più complessa rispetto a quella precedente; è necessario identificare imprese con aspettative alte, ma con previsioni ancora migliori. Di conseguenza, profitti interessanti si otterranno quando la crescita del capitale e dei flussi di cassa supereranno le previsioni di mercato.

Strategie di investimento: sostenibilità e responsabilità

Negli ultimi tempi, sembra che un gran numero di investitori sia alla ricerca di strategie di investimento sostenibili. Appare evidente che si tratta di destinare il proprio capitale solo a compagnie che presentano piani di business in linea col rispetto dell’ambiente, oppure ad aziende che operano in campi come quello delle energie rinnovabili.

Alcuni esempi in tal senso possono essere aziende come Dominion Energy o First Solar.

Probabilmente tali strategie sono così interessanti perché, prima di tutto, il rispetto verso l’ambiente è una tematica che sta avendo una notevole risonanza in tutto il mondo. Inoltre, il settore in questione rientra, senza dubbio, tra quelli con i più elevati potenziali di crescita per il futuro.

Attuare una strategia sostenibile significa, appunto, investire in aree tematiche specifiche, che vanno dall’energia, alla salute, escludendo le aziende che non sono coerenti con il concetto di sostenibilità.

Tra le varie tecniche scelte per focalizzarsi su una determinata azienda, molti investitori optano per il focus investing: puntare a compagnie che presentano piani per ridurre gli impatti ambientali, per avere un ritorno economico, ma anche per prendere parte attiva ai problemi della società.

Anche in questo caso, sarebbe ottimale puntare al lungo termine, poiché si tratta di una delle scelte più ambite tra azionisti dinamici che hanno compreso verso quale direzione le preferenze dei consumatori si muoveranno.

La strategia di investimento più innovativa di sempre: il trading online

Fare trading online si sta rivelando un’opzione davvero popolare tra gli investitori, in questo ambito, definiti traders. Il successo del trading è stato semplicemente sancito dai numerosi vantaggi che offre. Come gli investimenti tradizionali, garantisce una diretta esposizione ai mercati finanziari, ma con modalità d’accesso più rapide, economiche ed efficienti.

In termini tecnici, ci sta riferendo ad un’attività di compravendita da svolgere interamente sul Web: basterà possedere una connessione ad Internet.

Il primo vantaggio riguarda i numerosi strumenti di cui si dispone per negoziare su un bene; tra i più noti si evidenziano i CFD. L’acronimo sta per “Contracts for Difference” ed indica strumenti derivati, con cui speculare su un asset di mercato senza doverlo necessariamente acquistare. Operando in questo modo, si avrà l’opportunità di generare profitti grazie alle fluttuazioni di valore riportate.

In verità, il beneficio più interessante deriva dalla doppia possibilità di inserirsi sui mercati, potendo investire al rialzo, ma anche al ribasso.

Nel secondo caso, anche se ci fossero dei trend ribassisti, un trader potrà tentare ugualmente di ricavare profitti grazie alla vendita allo scoperto.

Un altro vantaggio di fare trading online è l’aspetto economico. Questa strategia è facilmente accessibili anche da coloro che iniziano con piccoli capitali, poiché non sono previste commissioni o costi di gestione.

In questo caso, è altrettanto importante sottolineare che esistono, a loro volta, diversi stili e tecniche da variare considerando i fattori già elencati in precedenza: le particolarità dei mercati scelti, l’orizzonte temporale, profilo di rischio, etc.

Intanto, la guida vuole proseguire definendo come si sceglie un broker, trattandosi di un argomento essenziale, ma spesso sottovalutato dai principianti del settore. In effetti, svolgerà un ruolo fondamentale: garantirà l’accesso ai mercati, essendo un intermediario finanziario.

Strategie di investimento: quali sono i migliori broker di mercato?

Il primo step per vivere un’esperienza di trading positiva e remunerativa, ancor prima dello studio di una strategia di trading, riguarda una scelta determinante per la propria attività: la piattaforma a cui affidarsi.

Si tratta, in verità, dello strumento principale da cui ottenere i supporti necessari per condurre una più precisa analisi tecnica e fondamentale dell’asset. Inoltre, i migliori broker di trading consentono di negoziare nei momenti in cui i mercati appaiono più favorevoli, garantendo immediatezza ed efficacia.

Purtroppo, però, c’è bisogno di conoscere i requisiti che un broker deve possedere affinché possa esser ritenuto affidabile e professionale, soprattutto in un settore non esente da truffe.

Per sintetizzare il discorso, una buona piattaforma si riconosce da:

  • Autorizzazioni e regolamentazioni: principale segnale che definisce la serietà di un broker, il quale rispetta le normative imposte sul territorio per la tutela dei diritti dei traders, impegnandosi, grazie al controllo di apposite autorità, a mantenere i mercati dei luoghi di scambio trasparenti;
  • Assenza di commissioni: non bisogna lasciarsi abbindolare dalle solite pubblicità truffaldine; fare trading online è un’attività che non prevede il pagamento di commissioni;
  • Intuitività: un valido servizio di trading è contraddistinto da funzioni chiare ed un’interfaccia friendly user, così che anche gli utenti meno esperti possano operare senza riscontrare eccessive difficoltà.

Per rendere la scelta più semplice agli occhi di coloro che non si sono mai cimentati in un’attività finanziaria online, la guida proseguirà citando i broker migliori con cui applicare strategie di trading vincenti.

eToro: i vantaggi di seguire i più esperti

Il primo broker da poter considerare per iniziare a fare trading online con la sicurezza di avere, alle proprie spalle, il supporto giusto è eToro (sito ufficiale qui), indiscusso leader nel settore da anni. Bisogna, prima di tutto, chiarire che propone una piattaforma regolamentata CySEC e CONSOB: dunque, i traders europei possono operare in totale sicurezza.

Inoltre, la piattaforma proposta è gratuita, semplice sin dal primo utilizzo e con funzioni valide per appoggiare i neofiti del settore.

Prima di tutto, eToro consente di fare Social Trading (scopri qui come funziona). In breve, è nata come la prima piattaforma di trading funzionante come un tipico social network. È possibile interagire con altri utenti, ottenendo consigli e previsioni sulle strategie da applicare in base all’attuale situazione di mercato.

La funzione brevettata e gratuita più apprezzata del broker, è il Copy Trading. In questo caso, gli utenti potranno scoprire tutti i vantaggi di copiare i più esperti, in quanto tale strumento è stato realizzato per selezionare personalmente dei “popular investor”.

Prova gratis il copy trading, registrati su eToro

Successivamente, sarà la piattaforma, in automatico, a replicare, sul proprio profilo, i risultati da loro ottenuti. Sembra che gli utenti ottengano un doppio beneficio: possono imparare osservando i migliori all’opera, ma hanno anche chances più elevate di guadagnare sin dall’inizio.

Infine, è bene sapere che si potrà iniziare da un conto demo: un ulteriore strumento gratuito, con cui mettersi alla prova senza esporsi ad alcun tipo di rischio.

Forextb: investire con i segnali di trading

Forextb (sito ufficiale qui) è una seconda piattaforma all’avanguardia, gratuita e con tutte le carte in gioco, in termini legali, per offrire i propri servizi a migliaia di traders in tutto il mondo.

Il fiore all’occhiello del broker concerne, senza dubbio, l’occasione di poter ricevere dei segnali di trading gratuiti, per poter ottenere indicazioni da parte di un apposito team di esperti, cioè la nota società Trading Central. In poche parole, si tratta di informazioni elaborate in base a dati di mercato, da poter utilizzare come punto di partenza per studiare una strategia di trading adatta.

Inoltre, è importante sottolineare la presenza di una sezione didattica, da cui iniziare a studiare, nei dettagli, le nozioni di base dell’analisi tecnica e fondamentale. Allo stesso tempo, si avrà a disposizione un calendario economico per restare aggiornati quotidianamente sulle principali news di mercato.

Come si può comprendere, Forextb propone una molteplicità di servizi per agevolare i propri utenti, e spingerli verso la direzione corretta per raggiungere i propri scopi. Con un account di prova gratuito da cui iniziare, si potranno testare le strategie studiate, ma utilizzando del credito virtuale.

Registrati gratis a ForexTB, clicca qui

IQ Option: l’intuitività a portata di mano

IQ Option (sito ufficiale qui) è una delle piattaforme più note sul mercato, poiché si rivela una delle prime scelte per traders in erba. Possedendo le autorizzazioni necessarie, sembra soddisfare le esigenze di differenti tipologie di utenti.

Una delle peculiarità più interessanti del broker riguarda il funzionamento della piattaforma: IQ Option rientra tra le più chiare ed intuitive del settore. Inoltre, garantisce un’ampia selezione di assets su cui negoziare, a zero spese e in totale sicurezza.

Infine, la piattaforma si rende accessibile a numerosi utenti anche da un punto di vista economico: con soli 10 euro di deposito minimo, si potrà ottenere un account di trading IQ Option.

Clicca qui per aprire gratis un conto su IQ Option

Trade.com: la piattaforma dei professionisti

Un ultimo broker che rientra tra le migliori piattaforme di trading è Trade.com (sito ufficiale qui), ampiamente apprezzato perché propone condizioni di trading versatili ed adatte a differenti traders: dai meno abili ai professionisti. Anche in quest’ultimo caso, ci si riferisce ad una piattaforma professionale, autorizzata, priva di commissioni e totalmente intuitiva.

Prima di tutto, è importante sapere che il broker rende disponibile, a titolo gratuito, una sezione formativa, completa di tutti i materiali didattici da consultare per ovviare ad eventuali lacune teoriche.

Con la possibilità di un conto di prova gratuito (aprilo qui) e senza vincoli, si potranno mettere in pratica le strategie nate dal proprio studio, senza preoccuparsi di perdere il proprio capitale.

Una caratteristica di Trade.com è la flessibilità con cui si adatta facilmente anche ad utenti già esperti. Infatti, questi possono scegliere di fare trading mediante la piattaforma più amata, perché sofisticata e potente, da professionisti di tutto il mondo: MetaTrader.

Infine, anche questo broker si rivela attento all’accessibilità, consentendo un accesso all’account di trading con un deposito minimo di soli 100 euro.

Clicca qui per aprire un conto gratis su Trade.com

Strategie di investimento: a quali mercati applicarle?

Trattando l’argomento in maniera più generale, si vuole precisare che la guida vuole presentare strategie di trading da poter applicare a più di un mercato finanziario. Ciò mette in evidenza una dei tratti principali di tali tecniche: la versatilità con cui si rendono valide per assets ben differenti sui mercati.

I mercati finanziari a cui poter accedere attualmente, semplicemente aprendo un conto di trading online, offrono davvero delle occasioni interessanti di rendimento. Quelli principali sono:

  • Mercato azionario: un evergreen per investire sulle azioni appartenente ai titoli più interessanti;
  • Forex: mercato più liquido e caotico al mondo, è la sede principale su cui si negoziano coppie di valute;
  • Criptovalute: uno dei mercati più innovativi di sempre, consente lo scambio di monete digitali (crypto);
  • Materie prime: definite anche commodities, permettono di investire su materie prime, quali oro, cacao, o petrolio;
  • Indici di Borsa: panieri contenenti titoli delle società più performanti di mercato, rientrano le prime scelte di investitori alle prime armi.

Quando si è ancora inesperti, si ha l’opportunità di avvalersi di strategie più generiche, applicabili ad ognuno dei mercati sopracitati. Dopo aver fatto pratica ed essersi informati sul mercato d’interesse, si potrà negoziare a livelli operativi più complessi e con tecniche più elaborate.

Si ricorda che, senza concedersi il giusto tempo per districarsi agevolmente tra le dinamiche, spesso poco chiare, che reggono i mercati finanziari, non si potranno raggiungere i risultati sperati.

Day trading: operazioni su base giornaliera

Dopo aver lungamente trattato di strategie di investimento classiche, principalmente adatte al lungo termine, è bene considerare altre tecniche.

Partendo dal presupposto che il trading offre numerose opportunità, tra queste rientra il day trading. Strategia ampiamente applicata da traders che operano su base giornaliera, quindi sul breve termine.

I mercati che maggiormente si rivelano favorevoli ad operazioni simili sono il Forex, ma anche assets come le criptovalute (es: Bitcoin) rientrano nella categoria preferite dai traders intraday.

Il motivo è molto semplice: per operare in short, è bene valutare assets caratterizzati da un’elevata volatilità giornaliera, e anche abbastanza liquidi. Il primo termine indica, semplicemente, quei beni di mercato suscettibili a costanti variazioni di prezzo, spesso registrate anche in poche ore, o persino minuti.

Fare day trading prevede l’ottenimento di piccoli profitti, ma frequenti, poiché consiste nell’acquisto e nella vendita di un asset in un solo giorno.

Si vuole chiarire che si tratta di una strategia efficace, ma che richiede un attento studio dei mercati, ma anche dei fattori che ne deviano il normale andamento. In questo caso, si dovrebbe partire con una solida base ricavata dall’analisi fondamentale.

Tale disciplina portante del trading, con cui conoscere i market mover più importanti di un asset, ma valida anche per fare il punto dei potenziali margini di crescita che presenta.

Allo stesso tempo, si consiglia anche di procedere con l’analisi tecnica: impostando gli appositi grafici su un time frame di 5/10 minuti, si potrà analizzare l’andamento dell’asset suddiviso in determinati periodi temporali. Sebbene possa apparire un’operazione superflua, in verità, è essenziale per avere una visione più ampia dei movimenti futuri che contraddistingueranno un asset.

Strategie di investimento: operare in long con il trading online

Se si volesse investire su un titolo finanziario combinando i benefici del trading online, come l’immediatezza e l’accessibilità economica, con la tradizionale modalità di investimento, cosa si dovrebbe fare?

In questo caso, si può introdurre il concetto di trading DMA. Questa è un’opzione con cui fare trading, garantendosi un accesso diretto alle azioni. Di conseguenza, si diventerà azionisti a tutti gli effetti del gruppo, avendo anche diritto ai dividendi della società.

Il trading DMA si rivela maggiormente adatto a traders che, appunto, preferiscono investire sul lungo termine, che hanno ben chiari i rendimenti, ma anche i rischi legati a ciascuna operazione.

Rispetto ai CFD, le condizioni di investimento sono meno flessibili, poiché si creerà un rapporto di dipendenza tra il capitale investito e l’andamento delle azioni. Si chiuderà in positivo solo quando il titolo azionario riporterà dei rialzi.

Strategie di investimento: considerazioni finali

Durante la guida, un argomento vasto come quello delle strategie di investimento, è stato suddiviso in quelle più adatte per investimenti a breve termine, e le migliori per coloro che puntano a posizioni long.

Allo stesso tempo, si ha cercato di fornire indicazioni circa le modalità d’investimento più innovative, efficienti e accessibili del momento. Il trading online CFD, oppure in modalità DMA, sono ottime alternative.

Se i primi strumenti offrono condizioni di trading flessibili e che calzano bene a qualsiasi di mercato, il trading DMA è più consono per investitori interessati al mercato azionario.

In qualsiasi caso, avvalersi di un’apposita strategia di investimento, conseguente di un’attenta analisi tecnica e fondamentale, incrementerà le chances di generare profitti dai propri investimenti.

Si ricorda che solo broker validi e professionali come eToro, Forextb, IQ Option e Trade.com, assicurano un accesso diretto ai mercati, potendosi mettere in gioco senza temere truffe.

FAQ Su Strategie di investimento

Cosa sono le strategie di investimento finanziario?

Si tratta di strategie utili sui mercati finanziari (azionario, valutario etc) per cercare di ottenere un profitto investendo una certa somma di denaro.

Usare strategie di investimento conviene?

Assolutamente si. Dato che nessun movimento di denaro deve essere lasciato al caso, usare strategie di investimento aiuta a razionalizzare le spese e a capire l’uso che si fa del proprio capitale.

Conviene farsi consigliare strategie dalle banche?

La risposta è no, perché le banche tendono a consigliare investimenti utili più a se stesse che ai propri clienti.

Quali strumenti usare per le proprie strategie di investimento?

Al momento è possibile fare trading online, attività che permette di applicare un gran numero di strategie di investimento attraverso strumenti derivati come CFD oppure anche con accesso ai mercati DMA di tipo diretto.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Lascia un commento