Svolta BCE, cosa succederà al mercato del forex?

bce forex

Il direttorio della Banca Centrale Europea riunitosi il 20 luglio 2017 ha scelto di lasciare invariati i tassi di interesse. Il tasso principale resta quindi a 0% mentre il tasso di interesse sui depositi permane in negativo quindi a -0,4%. Per quanto riguarda il tasso di interesse marginale continua a rimanere leggermente positivo con +0,25%.

A detta della BCE i tassi rimarranno su questi livelli ancora per un lungo periodo di tempo. Anche il QE resta invariato. Il Quantitative Easing resta pari a 60 miliardi di euro mensili fino alla fine del 2017. Nonostante ciò il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, si riserva la possibilità di aumentare l’entità del programma in termini, sia di entità che di durata, qualora dovessero verificarsi dei peggioramenti nell’economia europea.

Riguardo al programma BCE appositamente studiato per incentivare e stimolare l’economia continentale, Mario Draghi ha affermato che questo proseguirà senza variazioni fino ad una data che non è ancora stata stabilita. Servono infatti maggiori informazioni e tempo per poter pianificare rimaneggiamenti o pianificazioni di nuovi programmi.

Il Forex dopo le decisioni BCE

Le decisioni della BCE hanno influito in maniera piuttosto blanda nella totalità dei mercati. Ciò che invece ha avuto importanti variazioni è stato l’Euro. La moneta unica europea infatti, dopo una iniziale flessione a 1,1485 dollari, ha effettuato un balzo verso l’alto arrivando fino a 1,1677.
Dunque l’investimento in Euro ha pagato in maniera importante.

Ecco di seguito i valori precedenti e successivi le comunicazioni delle scelte della BCE:

  • 1,1396 USD il 13 luglio 2017
  • 1,1657 USD il 20 luglio 2017
  • 1,1677 USD il 21 luglio 2017

Il Forex, Foreign Exchange, è il mercato di valuta estera e, in condizioni come queste, quando le principali valute risentono in maniera importante dopo le scelte delle banche centrali, è una interessante opportunità di guadagno.

Investire nel Forex?

Da molti anni comprare valuta estera è una delle modalità di investimento più interessanti. Le variazioni di prezzo possono portare ad ottenere dei guadagni anche molto importanti. Esistono però diversi svantaggi nel cimentarsi in questa impresa di investimento.
Comprare valuta estera implica una serie di operazioni che possono essere definite abbastanza scomode.

Prima di tutto occorre recarsi presso la propria banca o, nel caso esistesse, utilizzare l’home banking dell’istituto bancario. Ovviamente se già non si utilizza in maniera abituale questo strumento è necessario recarsi allo sportello per ottenere le varie credenziali necessarie al primo accesso. In seguito bisogna comprare la valuta che si desidera.

La scelta della valuta è in questo caso fondamentale. Occorre prevedere correttamente il trend a lungo termine.
Basti pensare agli investitori esteri che da tempo hanno comprato Euro con dollari. Dopo un lungo, lunghissimo periodo di stagnazione, di trend quasi orizzontali e con un lentissimo e costante calo del valore dell’Euro, si sono trovati con un improvviso buon guadagno dovuto alle decisioni della Banca Centrale Europea.

Fatto non trascurabile è che comunque per arrivare ad un guadagno almeno un po’ significativo occorre impegnare molti soldi comprando valuta.
Facile è dunque pensare che l’investimento con la compravendita di valuta non è esattamente adatto a tutti. Le difficoltà e le incognite spesso non possono dare il giusto stimolo ad un potenziale investitore.

Negli ultimi anni si sono fortunatamente sviluppate nuove opportunità per investire nel Forex e per raggiungere guadagni più rapidi e più importanti.
I broker online che permettono di investire nel Forex non richiedono l’acquisto di valuta estera. Per fare trading online dunque non serve impegnare troppe risorse e troppo tempo.

Come fare Trading online con il Forex?

Fare trading online con il Forex è molto semplice. Basta utilizzare un buon broker, uno dei migliori in questo caso è Trade.com, investire delle somme non comparabili con quelle del vero e proprio acquisto di valuta ed infine prevedere correttamente gli andamenti delle coppie scelte.
Nel caso che vede il rialzo dell’Euro sul Dollaro dovuto alle scelte BCE l’investitore avrebbe dovuto aprire una posizione long sulla coppia EUR/USD. La posizione long è quella che corrisponde ad un ordine di acquisto.

Seguire la crescita dei propri guadagni gli sarebbe stato possibile attraverso le varie piattaforme messe a disposizione dai migliori broker online. Trade.com è uno di questi e consente di operare sia attraverso la propria web trader o tramite MetaTrader 4 che è la più diffusa piattaforma fra i broker online, oppure con applicazioni Android e iOS per smartphone.

Per ottimizzare i propri guadagni sarebbe poi stato opportuno indicare un limite di crescita massima
. Usando infatti lo strumento take profit, si pone un limite verso il maggior profitto previsto. Una volta raggiunto questo limite la posizione si chiude automaticamente incamerando quindi il guadagno ottenuto.

Esiste anche la possibilità di limitare i danni, grande opportunità che solo il trading online sa dare, con lo stop loss ovvero ponendo un limite massimo alle eventuali perdite. Anche in questo caso la posizione si chiude automaticamente appena viene raggiunto tale limite. Grazie allo stop loss si può salvare il proprio capitale nel caso si sia effettuato un investimento profondamente sbagliato.
Ovviamente occorre rivolgersi ad un broker online che consenta di fare trading in tutta tranquillità.

Per questo motivo esiste la regolamentazione data da appositi enti di controllo dei mercati finanziari. In Italia questo ente è la Consob mentre negli altri paesi prende nomi differenti. A Cipro, luogo dove ha sede Trade.com, si chiama CySEC. Trade, con regolamentazione e licenza CySEC, può permettere di fare trading ad investitori anche in Italia visto che grazie all’Unione Europea la licenza cipriota è valida anche in Italia ed in molti altri paesi UE.

Se vuoi ottenere un conto gratuito con Trade.com clicca qui: la procedura di iscrizione è facilissima e si può cominciare da subito a fare trading sul mercato forex.

Un buon broker è anche in grado di tenere aggiornato l’investitore. Come si è infatti potuto notare con le comunicazioni BCE, essere sempre attenti agli sviluppi di ciò che influisce sui mercati è decisamente importante per arrivare a dei profitti.

Per questo motivo è necessario utilizzare un broker come Trade.com che pubblica un ricco calendario economico. Il calendario economico è infatti quel calendario che elenca tutti gli eventi finanziari, politici ed economici, che possono in qualche modo influenzare l’andamento di alcuni o di molti asset.

One Response to Svolta BCE, cosa succederà al mercato del forex?

  1. Piero Stagnitto ha detto:

    Chi è furbo in questo momento sta facendo soldi. Anzi, diciamo la verità: chi proprio non è stupido in questo momento sta facendo soldi con il forex.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *