The Day After Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti

Non è certamente un bel day after. E’ uno scenario apocalittico. E questo è dir poco.

Come vi avevamo già detto, il salvataggio di quattro banche, la Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti ha portato all’azzeramento delle azioni e obbligazioni subordinate di oltre 40 mila clienti di queste banche, ignari clienti. Ma non solo loro, ci sono di messo anche grandi Fondazioni Bancarie, che potrebbero fare la voce grossa.

I sindacati sono nel caos

Nel day after, i sindacati stanno facendo notare che il personale, quello a stretto contatto con il pubblico, ha diverse difficoltà, in quanto la situazione è critica. I clienti si sentono, giustamente traditi. Tra l’altro è innegabile che la maggior parte dei clienti truffati dalle banche è stata spinta ad investire sulla base di raccomandazioni, spesso molto insistenti, del personale della banca. Si tratta di persone di cui i clienti si fidavano, spesso amici e conoscenti, o addirittura parenti. Questi dipendenti hanno agito in questo modo perché spinti dai vertici ma soprattutto perché sono stati renumerati con commissioni generose: più spazzatura piazzavano ai clienti e più guadagnavano.



Corsa agli sportelli

L’unica soluzione, secondo molti, è quella di correre a gambe levate agli sportelli, prendere tutti i soldi, e investirli in lidi sicuri, come banche all’estero, in paesi a basso regime di tasse come Svizzera, Lussemburgo o Irlanda e dimenticarsi al più presto possibile di questo schifo chiamato Italia. Molti pensano addirittura che una delle vie migliori sia registrarsi su un broker forex, e iniziare a guadagnare con le valute. Una mossa forse rischiosa, in quanto il mondo delle valute se non ben capito, può risultare in un’esperienza che necessita di troppo studio, e a volte l’investitore medio non ha né il tempo né la voglia, ma se uno “ci si mette”, i guadagni arrivano, eccome.

In buona fede

maria elena boschi
Secondo la Cisl, Fabi e Uilca della popolare Etruria la situazione è questa “che i lavoratori erano essi stessi, nella maggioranza dei casi, azionisti e spesso detentori di obbligazioni subordinate (in proprio e nel proprio nucleo familiare), che hanno collocato questo prodotto in buona fede, non potendo certo prevedere che una legge avrebbe cambiato le carte in tavola in una notte”. E poi c’era la marmotta che incartava la cioccolata: perché le subordinate si chiamano così proprio perché hanno una minore priorità rispetto alle obbligazioni senior. Se i dipendenti delle banche non sapevano nemmeno questo, allora devono essere licenziati per incapacità e impreparazione. Se lo sapevano, per malafede e complicità. E in questo caso costretti a risarcire i clienti truffati. Notiamo, per inciso, che la Banca Popolare dell’Etruria è da sempre nella sfera di influenza della famiglia Boschi.

Un paese ingiusto


“L’ignoranza è forza, la miseria è ricchezza” diceva il grande fratello del leggendario romanzo 1984 di George Orwell
. I clienti di una banca non dovrebbero pagare il prezzo del fallimento della banca stessa, anzi, dovrebbe essere il contrario.

L’eliminazione del contante, per perseguire il sogno di “città cashless”, servirà solo e soltanto ad alimentare carneficine del genere. E’ quindi arrivato il momento di soccombere, e piegarsi alla forza del Grande Fratello, o abbiamo le capacità per sovvertire alle leggi dei potenti, con strumenti decentralizzati come Bitcoin?

Ai posteri l’ardua sentenza.

2 Responses to The Day After Banca Marche, Popolare Etruria, CariFerrara e CariChieti

  1. Conte Zio ha detto:

    Avete pubblicato la foto del culo della Boschi ma questa volta non è stata la Boschi a prenderselo nel culo mai migliaia di risparmiatori truffati.

  2. Filippo Landi ha detto:

    Io una soluzione ce l’ho: andiamo a prendere casa per casa i dipendenti che ci hanno fatto firmare obbligazioni subordinate e acquisti di azioni. Se ci ridanno i soldi fino all’ultimo centesimo non gli facciamo nemmeno la bua a meno che non siano sindacalisti in quel caso qualche scapaccione e qualche calcio al basso ventre non lo possiamo evitare.

    Che ne dite, sarà la volta buona che questo paese cambia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *