Trading

Tipologie di conti per il trading online: guida alla scelta

Abbiamo parlato in un post che ha avuto un grande successo del miglior conto per fare trading online. Oggi però vogliamo fare un discorso più generale e cercare di capire quali sono le opportunità che ci vengono offerte dal mercato per fare trading online. La prima scelta che un trader principiante si trova a fare quando decide di operare per la prima volta sul mercato è sulla tipologia del conto di trading online.

Plus500
Plus500 è la migliore piattaforma per il trading on line di CFD: clicca qui per aprire il tuo conto

Si fa presto, infatti, a dire trading online ma ci sono grandi differenze: si può fare trading online di contratti per differenza o anche direttamente degli asset (azioni, ad esempio). La prima grande scelta che suggeriamo è quella di scegliere strumenti derivati. Sempre e comunque, a meno che non si abbia un patrimonio molto grande e non si punti ad un orizzonte temporale veramente ampio (parliamo di anni). Quando parliamo di migliori conti di trading online ci riferiamo quindi a conti per fare trading con i derivati. Esiste anche la possibilità di acquistare direttamente gli asset, ad esempio con piattaforme come Widiba, ma non è una scelta che consigliamo, soprattutto a chi ha un capitale molto piccolo da investire (meno di 1.000 euro).

Il piccolo trader ha una sola possibilità di guadagnare: scegliere i derivati. E’ vero che i derivati hanno una pessima fama, molto spesso quando si parla di derivati sembra che siano una specie di truffa legalizzata. Ma non è così. Gli strumenti derivati sono semplicemente strumenti finanziari che danno la possibilità di fare trading su di asset (detto sottostante) perché il loro valore dipende esclusivamente dal prezzo dell’asset. Punto. Esistono derivati complessi e derivati molto semplici. Molto spesso i derivati truffa sono sottoscritti dalle pubbliche amministrazioni italiani ma è plausibile che il funzionario pubblico che lo fa senza capirli riceva comunque una lauta tangente da chi vende il derivato. Dunque si tratta, evidentemente, di qualcosa che c’entra molto poco con il trading online.

Tornando ai derivati per fare trading, è opportuno ricordare che non bisogna mai utilizzare un derivato che non si è in grado di capire.

La scelta di un conto di trading parte proprio da qui, dalla decisione di operare con con i CFD ma ovviamente questo non basta. Perché poi bisogna decidere con quale piattaforma di trading utilizzare. Ovviamente il fatto che la piattaforma sia autorizzata e regolamentata da CONSOB non è un’opzione ma è assolutamente obbligatorio. Quello che dobbiamo considerare è la facilità di utilizzo, lo spread. Insomma, fare trading online non è un gioco come qualcuno dice, persino aprire un conto di trading richiede attenzione e impegno. Ma se si fa tutto con attenzione e impegno, appunto, si possono ottenere risultati davvero eccezionali.

In ogni caso, consigliamo sempre di cominciare con la simulazione di trading online: tutte le migliori piattaforme di trading la mettono a disposizione gratis!

1 Commento
  • Ottime osservazioni, eppure io vedo ancora tanta gente che butta letteralmente i soldi aprendo conti sui vari fineco, iwbak persino trading online banco poste…stupidità umana. Poi si lamentano che perdono 😀

Lascia un commento