Materie prime

Trading cotone: come investire nel cotone

Gli investitori che decidono di iniziare a mettere i propri fondi all’interno del mercato delle materie prime sono sempre di più ogni anno. Si tratta infatti di mercati che potrebbero garantire una stabilità ottima rispetto a soluzioni alternative come le criptovalute o l’azionario. Oggi cercheremo di dare prima di tutto uno sguardo molto attento alla materia prima del cotone, un bene non molto celebre tra i trader, ma che comunque sta acquisendo un momentum di tutto rispetto negli ultimi tempi. Prima di cominciare, ricordiamo che la migliore piattaforma per investire in cotone, senza pagare commissioni e senza rischi, è Plus500. Puoi iscriverti gratis su Plus500 cliccando qui.

In teoria è possibile investire, in modo indiretto, usando piattaforme come Moneyfarm ma le sconsigliamo per l’impatto elevato delle commissioni.

Attraverso questa mini-guida potrai ottenere tutte le informazioni che desideri circa il trading sul cotone.

Che cos’è il Cotone: introduzione al cotone

Il cotone è una fibra vegetale, la più diffusa al mondo. Si tratta di una fibra naturale soffice che cresce sugli arbusti nelle regioni tropicali e subtropicali di tutto il mondo.

Il cotone è ad oggi un punto fermo nell’industria tessile. Gli storici non conoscono le origini precise del cotone, ma il tessuto rinvenuto nelle caverne in Messico dimostra che il raccolto era di circa 7.000 anni fa. Sin dell’antichità, le civiltà di tutto il mondo hanno filato fibre di cotone in indumenti di stoffa. Tuttavia,   ci sono stati due eventi nella storia che hanno segnato l’andamento di questa materia prima: la rivoluzione industriale in Inghilterra e l’invenzione del gin di cotone negli Stati Uniti – hanno profondamente cambiato il ruolo del cotone nei mercati mondiali. Questi eventi hanno portato alla diffusa produzione di capi in cotone e trasformato il cotone in un’industria globale multi-miliardaria.

Le piante di cotone crescono nelle regioni calde del mondo dove c’è molto sole e poco gelo. I coltivatori di cotone piantano il loro raccolto in primavera e lo raccolgono in autunno. Prima di piantare, gli agricoltori preparano il terreno usando il metodo no-till, dove usano attrezzature speciali per depositare i semi sulla superficie del terreno, o il metodo della cassa, dove arano il terreno in file che formano i semenzai per piantare.

Oltre 80 paesi coltivano una o più delle quattro specie della coltura, ma la principale coltura di produzione è la varietà di cotone Upland.

La più grande contea che produce cotone è la Cina. Ha 100.000 coltivatori di cotone, 7.500 aziende tessili e $ 73 miliardi di produzione annuale di tessuti di cotone.

Più grandi produttori di cotone

I 10 più grandi produttori di cotone sono:

  • India
  • Cina
  • USA
  • Pakistan
  • Brasile
  • Australia
  • Turchia
  • Uzbekistan
  • Messico
  • Burkina Faso

La Cina è anche il più grande importatore di cotone. Il paese importa oltre 7,5 miliardi di dollari di cotone all’anno (circa il 17% della produzione mondiale). Altri grandi importatori della merce sono il Bangladesh, il Vietnam, la Turchia e l’Indonesia. Il cotone è conosciuto come una fibra abbastanza versatile che è comoda da indossare. Tuttavia, le sue applicazioni vanno oltre il suo uso nell’abbigliamento.

  • Fibra di Cotone: Tessuto lavorato a maglia in una varietà di tessuti utilizzati per la produzione di abbigliamento e articoli per la casa. Questi tessuti includono: Velluto a coste in velluto a coste di Chambray di velluto Flanella Utilizzato in altri prodotti vari tra cui: reti da pesca, filtri da caffè, rilegature di libro.
  • Semi di Cotone: usato come mangime per il bestiame.
  • Olio di Semi di Cotone: Usato come olio da cucina. L’olio di semi di cotone si trova anche in molti prodotti di consumo tra cui: emulsionanti marinati di sapone cosmetici prodotti in gomma plastica
  • Cascami di cotone: Queste sono piccole fibre che rimangono sui semi di cotone dopo la lavorazione. Il cascami viene anche utilizzato per creare: bende, tamponi, banconote, radiografie.

Cosa influenza la quotazione del Cotone

Quali sono tutti quei fattori che influenzano l’andamento del prezzo del Cotone? Cerchiamo di visualizzare adesso insieme, punto per punto, tutti i fattori più influenti per il prezzo del Cotone.

Solitamente, il prezzo del Cotone viene influenzato da una serie di fattori cruciali, tra cui:

  • Il Clima
  • Riserve
  • Leggi
  • Domanda
  • Prezzo delle alternative
  • Prezzo del Petrolio
  • Dollaro USA

Tutti questi fattori sono quindi estremamente importanti per il prezzo del Cotone. Vediamo uno per uno tutti questi fattori cruciali, cercando di capire perché potrebbero essere fattori importanti per questo mercato.

Clima

Come per tutti i prodotti agricoli, il clima svolge un ruolo importante nella guida dei prezzi del cotone. Il cotone ha bisogno di clima caldo, precipitazioni adeguate e poca o nessuna brina per crescere correttamente. Le cattive condizioni meteorologiche nelle principali regioni in crescita in India o in Cina, ad esempio, potrebbero creare scarsità di offerta e picchi di prezzi. D’altra parte, le condizioni meteorologiche ideali potrebbero creare raccolti eccezionali.

Riserve

Nel recente passato, la Cina si è impegnata nel creare in un’enorme quantità di scorte per assicurarsi di avere un’adeguata disponibilità di cotone. Queste azioni hanno spesso comportato un aumento dei prezzi interni del cotone in Cina rispetto al resto del mondo. Se la Cina dovesse svendere tutte le sue scorte a causa della debole domanda interna, i prezzi del cotone verrebbero probabilmente abbassati. D’altra parte, se  il mercato cinese è in grado di creare carenze globali, i prezzi potrebbero aumentare.

Politiche di governo

Numerosi governi, compresi gli Stati Uniti, sovvenzionano pesantemente i coltivatori di cotone. Le sovvenzioni hanno l’effetto di mantenere artificialmente alta la disponibilità di cotone e i suoi prezzi artificialmente bassi. Il Brasile ha perseguito e vinto cause contro gli Stati Uniti attraverso l’Organizzazione mondiale del commercio per ostacolare questi sussidi. Tuttavia, una recente legge sull’agricoltura degli Stati Uniti ha aumentato i sussidi per il cotone. La prevalenza dei sussidi può avere un effetto significativo sui prezzi del cotone.

Domanda globale

La domanda globale di cotone è in gran parte una funzione della salute generale dell’economia. Il cotone è in gran parte un oggetto discrezionale e i consumatori possono scegliere altri tessuti sintetici più economici come il poliestere se l’economia è debole. La Cina svolge un ruolo così importante nel mercato del cotone che la sua economia in particolare sopporta.

Prezzo delle alternative

La produzione e il prezzo di tessuti sostitutivi come il poliestere possono giocare un ruolo chiave nel determinare i prezzi del cotone. La Cina è un importante produttore di acido tereftalico purificato (PTA), che è la materia prima utilizzata per produrre poliestere. Storicamente, le decisioni di produzione relative al PTA possono avere un impatto importante sulla domanda. Queste decisioni, a loro volta, possono influire sulla domanda e sui prezzi del cotone. I commercianti di cotone dovrebbero prestare molta attenzione alle dinamiche di mercato del PTA.

Prezzi del petrolio

Il cotone è una materia prima costosa da produrre. Le macchine e gli autoveicoli necessari per gestire le aziende agricole rappresentano una componente significativa dei costi complessivi. Macchine e attrezzature richiedono carburante, quindi i prezzi del greggio possono avere un forte impatto sulla produzione di cotone. Inoltre, il PTA è prodotto dal petrolio, quindi un aumento dei prezzi del greggio potrebbe rendere il poliestere più costoso e aumentare la domanda  di cotone. Le macchine specialistiche necessarie contribuiscono notevolmente ai costi complessivi della produzione di cotone

Il dollaro USA

La maggior parte delle materie prime, incluso il cotone, ha un prezzo in dollari USA.
Quando il valore del dollaro scende rispetto alle altre valute, ci vogliono più dollari per acquistare il cotone di quanto non sia possibile quando il prezzo è alto. Gli acquirenti che acquistano cotone in altre valute vedono aumentare il loro potere d’acquisto quando il dollaro è debole e invece diminuire quando il dollaro è forte.

Come fare trading/investire nel Cotone

Come si può oggi, nel 2018, investire online con il cotone in modalità veloce ed indolore, senza rischiare di buttare via i propri soldi su una piattaforma di trading che non funziona?

Iniziamo subito dicendo che risulta essere imprescindibile al giorno d’oggi scegliere una piattaforma di trading regolamentata all’interno dei mercati finanziari europei. Come si fa a capire dunque che una piattaforma di trading è regolamentata? Serve la regolamentazione della CySEC, l’ente di controllo in assoluto più affidabile presente attualmente nel mondo.

La CySEC dunque, è l’ente di regolamentazione finanziaria di Cipro. In quanto stato membro dell’UE, i regolamenti e le operazioni finanziarie della CySEC sono in linea con la direttiva europea MiFID sull’armonizzazione finanziaria. Da quando Cipro entrò a far parte dell’UE, un gran numero di broker ha deciso di aprire in questa nazione la sede legale dell’azienda.

La CySEC venne creata nel 2001 come parte integrante della sez. 5 della legge della Commissione per i titoli e le responsabilità di Cipro del 2001 come ente pubblico. Nel momento in cui Cipro divenne membro dell’Unione Europea (2004), la CySEC divenne contemporaneamente parte del regolamento MiFID europeo, fornendo dunque ai broker registrati nella nazione di Cipro l’accesso a tutti i mercati europei (come l’Italia, la Spagna etc). Questo non significa che un broker regolamentato a Cipro sia meno affidabile, ma significa invece che è affidabile nello stesso modo con cui lo sono quegli altri in altre nazioni d’Europa.

Si tratta quindi di un ente di regolamentazione estremamente affidabile e sicuro, che possiamo considerare un elemento a cui non si può rinunciare per chi si desidera fare trading con una qualsiasi piattaforma di trading online.

Ecco quindi le piattaforma di trading che oggi consigliamo. Ecco una tabella con le migliori piattaforme regolamentate CySEC.:

 Piattaforma  Vantaggi Trading Cotone  Commissioni
Plus500 (leggi recensione) Deposito minimo 100 euro. (ideale per alle prime armi)  Sì Zero, Spread stretti
Trade.com  Blend, Trend dei Traders (ideale per trader professionisti)  Sì Zero, Spread Stretti

Prezzo Cotone Quotazione Tempo Reale

Nel grafico qua sopra è possibile visualizzare in tempo reale il grafico messo a disposizione dalla pluripremiata piattaforma di trading online Plus500. Ricordiamo inoltre che Plus500 è una delle pochissime piattaforme che consentono di fare trading online con il Cotone. La piattaforma consente di utilizzare un conto demo gratuito, investire sia al rialzo che al ribasso. Per iniziare, clicca sui bottoni acquista e vendi oppure segui la guida passo-passo qui sotto.

Per iniziare a fare trading/investire nel cotone è necessario seguire questi step:

  1. Apri un conto di trading con Plus500 seguendo questo link;
  2. Inserisci tutte le tue informazioni personali che vengono richieste dal broker;
  3. Effettua un deposito (almeno 100 euro, pochissimo) oppure fai trading in demo senza investire nulla;
  4. Individua il mercato del cotone scrivendo “Cotone” all’interno del form di ricerca asset dell’App di Plus500 (per iPhone e Android);
  5. Decidi se investire al rialzo oppure al ribasso (senza commissioni) in tempo reale. Apri quindi la posizione a mercato;

In passato abbiamo trattato moltissime altre materie prime, tra cui: Investire in Petrolio, Investire in RameTrading cacao, Investire in Caffè. Dai un’occhiata a queste mini-guide per espandere la tua conoscenza in tema di materie prime.

In conclusione: 3 motivi per investire nel cotone

Perché gli investitori dovrebbero puntare sul Cotone? I motivi sono principalmente tre:

  1. Stoccaggio della Cina: la Cina (come abbiamo detto prima: il più grande produttore di cotone) ha mostrato un enorme attenzione per il cotone, accumulando negli ultimi anni enormi scorte. Il paese ha adottato queste misure per sostenere e sovvenzionare gli agricoltori cinesi. Negli ultimi anni la crescita cinese si è arenata creando una debolezza in molti prezzi delle materie prime. Il paese ha venduto le sue scorte e ciò ha compensato la ripresa della domanda da parte dei consumatori cinesi. Inoltre, molti altri paesi hanno scorte in fase calante. Se la crescita globale accelera, alcuni di questi paesi potrebbero riprendere lo stoccaggio del cotone, portando quindi i prezzi al rialzo.
  2. Inflazione: investire nel cotone e in altre materie prime è un modo per compensare (fare hedging) contro il crollo del potere d’acquisto causato dall’inflazione.
  3. Prezzi petrolio: Il cotone ed il petrolio sono due materie prime estremamente connesse tra di loro. L’elevata correlazione dei prezzi del cotone con il greggio rende l’investimento nel cotone un modo interessante per capitalizzare un aumento dei prezzi del greggio. Poiché il greggio è sia una materia prima fondamentale nella produzione di poliestere che un costo per la produzone del cotone, il cotone potrebbe beneficiare del petrolio greggio nel caso in cui i prezzi dovessero aumentare.

Questi sono i tre motivi per investire all’interno del mercato del Petrolio. Per iniziare ad investire a lungo termine o fare trading a breve/medio termine consigliamo ancora una volta broker regolamentati (quelle che abbiamo suggerito poc’anzi sono le nostre preferite, che usiamo da anni), in quanto crediamo sia inaccettabile affacciarsi sui mercati finanziari rischiando di perdere i propri soldi a causa di piattaforme inadeguate e insicure, ma sia invece una grandissima esperienza registrarsi su broker regolamentati, economici e che mettono a disposizione un conto di trading demo.

Lascia un commento