Trading online, per molti ma non per tutti

trading online
Oggi prendiamo spunto da un commento scritto sul post guadagnare con il trading online per fare una riflessione di carattere generale su chi potrebbe o non potrebbe fare trading online. Premettiamo subito che il grande sviluppo del trading online negli ultimi anni ha garantito l’abbattimento di ogni barriera di ingresso ai mercati finanziari.

Adesso chiunque abbia un minimo di familiarità con il computer può cominciare a fare trading
e i requisiti di capitale sono veramente molto bassi: con la maggior parte delle piattaforme di trading online è possibile cominciare depositando anche solo 250 euro.

Il commento che abbiamo ricevuto è questo:

salve, sono diverse volte che mi avvicino in questo settore, da premettere che sono stato invoglia e invitato tramite email da diversi broker (pubblicità), ma sinceramente con il compiuter me la cavo di trader ho una piccolissima infarinature che ho spulciato con forex, ma ripeto sono fermo a metà strada. MI spiego ho paura, ma nello stesso tempo sento dentro di me che è la strada giusta, non per diventare ricchi, magari, ma per vivere un po meglio sono un operaio, con un mutuo e tre figli e mi creda sono anni che faccio salti mortali per arrivare a fine mese, ma una persona che lavora6 giorni su sette compreso le domeniche e per fortuna che si fanno, cosa deve fare?
Domanda. . . Lei davvero me lo consiglia? mi aiuti . .
grazie da un umile operaio…

Questo commento è davvero molto interessante. Primo, si fa riferimento ad un’attività di marketing piuttosto intensa, spesso portata avanti da piattaforme di trading non proprio cristalline (anche se qui non si fanno nomi). Secondo, giustamente, l’autore del commento si chiede se può fare trading online. Ci sono, sostanzialmente, due elementi da considerare per decidere se fare trading online o meno: tempo e capitale.

Il fattore tempo è quello decisivo: sappiamo che tutti possiamo imparare a fare trading online, non importa qual è il livello di partenza. Ma per imparare ci vuole tempo: tempo per studiare ma soprattutto tempo per fare pratica. E non parliamo solo di quantità di tempo, ma anche di qualità. Insomma, ci vogliono ore da dedicare al trading online, ore in cui bisogna mantenere un buon livello di concentrazione. Non è possibile studiare trading online (o tantomeno fare trading online) facendo contemporaneamente altre attività. Chi non ha tempo libero, purtroppo, non può fare trading online.

Tornando al commento, questo padre di famiglia ha il tempo da dedicare al trading? Dice di lavorare 6 giorni su 7 e probabilmente il lavoro che fa è anche pesante e dice di avere tre figli: difficilmente potrà trovare il tempo giusto per dedicarsi al trading online.

Consideriamo adesso il fattore soldi: per cominciare a fare trading online sono necessari almeno 250 euro anche se spesso si consiglia di cominciare con cifre più elevate per fare momeny management in modo corretto. Quando si fa il deposito sul conto di trading, i soldi continuano ad appartenere sempre e comunque al trader, non c’è alcun trasferimento di proprietà. Questi soldi non sono a rischio: diventano a rischio solo nel momento in cui si fanno operazioni sul mercato. Tuttavia quando si comincia bisogna sempre porsi la domanda: posso permettermi di perdere completamente questi soldi?. Se la risposta è sì, si procede. Altrimenti è meglio evitare. E’ vero che perdere tutto è improbabile (a meno di operare con broker regolamentati) ma bisogna sempre considerare il caso peggiore.

Nel commento si fa riferimento a difficoltà finanziarie, ad un mutuo e a tre figli: in queste condizioni probabilmente anche 250 euro possono fare la differenza. Ecco perché sconsigliamo a questa persona di impegnarsi sui mercati finanziari.

E’ triste ma il trading online è per molti, ma non per tutti.

3 Responses to Trading online, per molti ma non per tutti

  1. Princess81 ha detto:

    Ma la smettere con ste minchiate? allora io non avrei mai dovuto cominciare a fare trading online e invece cominciai per fortuna. Un cordiale vaffanculo da una persona che secondo i vostri parametri non avrebbe dovuto mai cominciare e invece guadagna

  2. Carlo Alfieri ha detto:

    Avete ragione a metà, il fattore tempo è importantissimo. Non è possibile pensare di fare trading online senza avere almeno 1 ora al giorno di tempo. Per il fattore soldi non sono così d’accordo ma magari è perché non ho mai avuto davvero problemi economici nella mia vita.

    Comunque è sempre meglio stare attenti, valutando con attenzione le scelte che si fanno perché tutte le scelte hanno conseguenze nella vita.

  3. Dolly78 ha detto:

    Non mi piace per niente questo post: state dicendo che il trading online lo possono fare solo i ricchi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *