Materie prime

Trading sulla soia: tutto su come investire

Il trading sulla soia consente di trarre profitto dalle variazioni di prezzo di questa materia prima. Operare in quest’ottica è possibile grazie a strumenti e broker specifici. Tra le piattaforme più utili allo scopo, troviamo senza dubbio Plus500 (clicca qua per un conto di trading gratuito). CFD Service. 80.6% perde soldi.

Futures soia: ecco cosa sapere

I futures sulla soia sono tra gli strumenti più utili per negoziare su questa materia prima. In questo caso, due parti si mettono d’accordo per concretizzare uno scambio che prevede quantità, prezzo e scadenze già ben definite.

Una volta trascorso il lasso di tempo utile per la scadenza, l’acquirente deve pagare il prezzo pattuito. A fronte del suddetto pagamento riceve quanto in precedenza pattuito.

trading sulla soia

Clicca qua per un conto di trading gratuito con Plus500 >>. CFD Service. 80.6% perde soldi.

Come investire sulla soia: i CFD

Quando si parla di trading sulla soia, è necessario chiamare in causa i CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati, che esistono da una ventina d’anni ma che sono popolari da quando il trading online è alla portata di tutti, permettono di fare trading in maniera molto semplice. Basta infatti scegliere in maniera corretta la direzione dell’asset. Basta infatti aprire la posizione giusta tra long e short.

Grazie ai CFD, è possibile fare trading anche quando l’asset, in questo caso una commodity, perde quota. I CFD sono molto semplice da gestire come abbiamo visto. Molto economici, hanno come unico onere lo spread, ovvero la differenza tra bid e ask.
Questi vantaggi hanno anche un rovescio della medaglia. Di cosa si tratta? Della leva finanziaria. Grazie a questo moltiplicatore, è possibile esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella del deposito iniziale.

Per fare un esempio semplice, immaginiamo il caso di un trader che effettua un deposito di 100 euro. In caso di leva 1:10, potrebbe operare come se in realtà ne avesse 1000. Sulla seconda cifra  vengono calcolati sia i guadagni, sia le perdite.

Concludiamo ricordando che, con i CFD, è possibile gestire le posizioni in intraday, ossia aprendole e chiudendole in giornata.

Clicca qua per un conto di trading gratuito con Plus500 >>. CFD Service. 80.6% perde soldi.

Soia: caratteristiche della commodity

Dopo questa introduzione generale su come fare trading sulla soia, è il caso di parlare delle carattersistiche di questa materia prima. La soia appartiene alla famiglia delle leguminose. I suoi utilizzi sono molto ampi e abbracciano il mondo alimentare, così come alcuni aspetti di quello agrario. La soia, spesso, viene utilizzata come fertilizzante.

Possiamo distinguere diverse tipologie di soia. Tra queste compare la soia verde, la più comune e contraddistinta dalla presenza di una notevole quantità di clorofilla. Degna di nota è anche la soia rossa, conosciuta pure con il nome di fagioli di azuki.

In natura esiste anche la soia nera, benefica per i reni e per la milza. Da ricordare è anche la soia gialla. La suddetta, subisce meno lavorazioni rispetto alle altre varianti.

Molto importante è ricordare che la soia è stata introdotta nel Vecchio Continente nel XVIII secolo. Da allora, come è chiaro anche da quanto abbiamo richiamato in questi paragrafi, rappresenta una delle materie prime più rilevanti per la nutrizione umana, soprattutto in virtù del suo ottimo apporto proteico.

Rimanendo in campo gastronomico, sappiamo che la soia viene lavorata per l’estrazione dell’olio. La farina di semi di soia, scarto di lavorazione, viene destinata a uso agricolo.

Quando si parla di questa pianta, è necessario ricordare che circa il 40% di quella disponibile a livello mondiale è OGM. Diffusa a partire dagli anni ’90, la soia OGM ha permesso ai produttori di raggiungere risultati molto interessanti, dando spazio a raccolti di piante resistenti agli erbicidi.

Oggi come oggi, il maggior produttore di soia al mondo sonno gli USA. La medaglia d’argento va all’Argentina, mentre quella di bronzo al Brasile. Molto importante a livello economico è anche la produzione di olio di soia.

Pure in questo caso, in cima alla lista dei Paesi produttori troviamo gli USA. Come vedremo tra poco, i dati sulla sua produzione sono fondamentali per la definizione del prezzo della soia. Detto questo, entriamo nel vivo di altri consigli importanti per fare trading sulla soia.

Clicca qua per un conto di trading gratuito con Plus500 >>. CFD Service. 80.6% perde soldi.

Fare trading sulla soia con Plus500

Quando si parla di trading sulla soia, come già detto, bisogna chiamare in causa i CFD. Per utilizzare al meglio questi strumenti, è necessario conoscere i broker giusti. Uno dei più importanti è senza dubbio Plus500. Legato a diverse controllate quotate sulla Borsa di Londra, è regolamentato CySΕC ed è autorizzato dalla Consob.

Plus500 è un broker sicuro e apprezzato da milioni di trader di ogni nazionalità. Tra gli asset disponibili, troviamo anche le materie prime, soia compresa. Per mettersi alla prova, è consigliabile aprire il conto demoClicca qua per aprire un conto di trading demo con Plus500 >>

Per attivarlo, è necessario, prima di tutto cliccare sul pulsante che presenta la scritta “Inizia a fare trading adesso“. Una volta superato questo step, ci si trova davanti a una pagina che prevede la scelta tra l’apertura del conto con denaro reale, che prevede un deposito minimo di 100 euro, e quella del conto demo.

Il secondo, illimitato e gratuito, consente di operare senza rischiare il capitale. Vediamo sotto un esempio della schermata del conto demo con i dettagli sulla situazione della soia.

trading sulla soia

Plus500 è un ottimo broker per fare trading sulla soia

Come è chiaro, bastano pochi click per vendere o acquistare il CFD della soia. Il trader, inoltre, può avvalersi di dati in tempo reale molto utili, che aiutano a capire il sentiment del mercato.
Come già detto, è possibile aprire un conto con denaro reale in pochi minuti. Il deposito minimo è pari a 100 euro. I fondi in questione vengono depositati su conti diversi rispetto a quelli della società. In questo modo, gli utenti sono tutelati in caso di problematiche che coinvolgono direttamente il broker.

Clicca qua per un conto di trading gratuito con Plus500. Inizia subito a fare trading Soia >> CFD Service. 80.6% perde soldi.
fcon

Soia: cosa ne influenza il prezzo

Quando ci si impegna a capire cosa influenza l’andamento di un asset, è necessario chiamare in causa gli indicatori di prezzo. Nel caso specifico della soia, è possibile prenderli in considerazione tenendo conto di una duplice prospettiva.
Prima di tutto, è necessario parlare dell’offerta. In questo caso, si esamina la quantità di soia presente sul mercato. Maggiore sarà la suddetta quantità, minore risulterà il prezzo della materia prima. Ovviamente vale anche il contrario. Se il raccolto è scarso, il prezzo della materia prima si alza.

Il mercato della soia, è regolato anche dalla domanda. Quest’ultima, è il risultato del numero complessivo di richieste da parte del mercato. A contribuire  al risultato, ci pensano sia i consumi interni, così come le importazioni.

Un esempio meritevole di citazione è quello della CΕ. Quando la si nomina, infatti, si inquadra un contesto particolarmente attivo nella produzione di olio di soia. Nella maggior parte dei casi, viene utilizzata soia proveniente da Paesi extra europei.

Come già detto, tra i principali produttori di soia troviamo gli USA. A seguire, invece, ci sono Argentina e Brasile. L’elenco è da completare prendendo in considerazione Cina e India. Gli Stati appena elencati, producono circa il 90% della soia mondiale.

Se entriamo maggiormente nello specifico, ci accorgiamo che gli USA producono più di 100 milioni di tonnellate metriche di soia.

Negli ultimi anni, i prodotti a base di soia sono stati interessati da una notevole riduzione della domanda. Alla base, ci sono fattori come l’aumento della popolazione e lo sviluppo economico. Ciò fa sì che la maggior parte dei consumi di soia siano legati all’alimentazione del bestiame. Molto alto è anche l’interesse commerciale sull’olio e sulle proteine di questa pianta.

Dopo questa doverosa premessa, è il caso di ricordare che, il mercato della soia, è oggettivamente tra i più liquidi per quel che concerne il trading con i futures. Si tratta di un mercato che, come abbiamo ricordato più volte, è profondamente influenzato dalle condizioni climatiche.

In caso di problematiche ad esse relative, la produzione di soia diminuisce. In questi casi, aumenta il prezzo della materia prima.

Clicca qua per un conto di trading gratuito con Plus500. Inizia subito a fare trading Soia >>

Coltura della soia: altri aspetti che la influenzano

I volumi di produzione della soia, a loro volta fondamentali per il prezzo della suddetta materia prima, sono influenzati anche da altri aspetti oltre al clima. Chi vuole fare trading sulla soia, deve prendere in considerazione anche il ruolo della ruggine asiatica della soia. Questo parassita, se non viene tenuto sotto controllo, può diminuire notevolmente l’entità dei raccolti.

I parametri degni di nota variano sulla base del luogo e delle tecniche di produzione. Oggi come oggi, il maggior consumatore di soia al mondo è l’Asia. Le abitudini alimentari, da diversi anni ormai, vedono in primo piano l’utilizzo del latte di soia e dei suoi prodotti al posto della carne, del latte vaccino e dei prodotti caseari.

Dopo la travagliata rinegoziazione degli accordi economici tra Stati Uniti e Cina, il presidente Trump ha deciso di imporre nuovi dazi sui prodotti cinesi che hanno scatenato, come reazione, l’imposizione di dazi sulla soia importata dagli Stati Uniti. Ora che i produttori americani vedono precluso questo mercato, il mercato della soia sta vivendo un 2018 di volatilità molto forte che ha portato l’attenzione di migliaia di traders proprio su questa commodity.

Quotazione soia

La quotazione della soia, può essere visionata senza problemi in tempo reale. Qui sotto trovi un grafico utile al proposito. Il suddetto, può essere arricchito anche con indicatori di analisi tecnica.

Inoltre, all’interno di questa piattaforma sono presenti numerosi altri mercati delle materie prime tra cui:

Lascia un commento